• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Inter-Juventus, Allegri: "A 'San Siro' devi fare bene". Ma ci sono esclusioni eccellenti

Inter-Juventus, Allegri: "A 'San Siro' devi fare bene". Ma ci sono esclusioni eccellenti

Le parole dell'allenatore bianconero alla vigilia del big match contro i nerazzurri


Massimiliano Allegri (Getty Images)
Omar Parretti (@omarJHparretti)

15/05/2015 12:00

INTER JUVENTUS CONFERENZA STAMPA ALLEGRI / TORINO - Massimiliano Allegri, tecnico della Juventus, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia dell'anticipo di Serie A contro l'Inter. Concentrazione in casa bianconera per la sfida contro i rivali storici, anche dopo la sbornia della qualificazione alla finale di Champions League. Calciomercato.it l'ha seguita in diretta per voi.

Il mister inizia a parlare: "Loro si giocano l'accesso all'Europa League e non sarà un sfida da sottovalutare. A 'San Siro' si deve sempre e comunque giocare bene. Qualcuno tirerà il fiato domani, al momento solamente Caceres è indisponibile. Gli stimoli ci sono sempre perché siamo la Juventus: i ragazzi sanno cosa fare, per esempio anche Asamoah domani rientra ed essendo stato fuori a lungo avrà voglia di fare e dimostrare". News Juventus importante sulla formazione di domani: "Tevez, Pirlo, Buffon, Evra e Vidal rimarranno a casa".

COPPA ITALIA - "Per noi è un obiettivo, quindi faremo delle scelte funzionali anche per questa finale a cui teniamo. Secondaria? Nessuno pensava che arrivassimo fino in fondo in Europa, per noi conta da inizio anno: era il secondo dopo lo Scudetto".

FINALE DI CHAMPIONS - "Attraverso una crescita graduale e costante siamo riusciti ad arrivare a giocarci questo appuntamento a Berlino contro un grande avversario come il Barcellona. E' inutile arrivare stressati già da ora a questa gara. Per raggiungere questo traguardo si deve essere bravi, ma anche un po' fortunati, ed inoltre non penso che questo sia un gruppo già fatto e finito. Messaggi di congratulazioni? Mi hanno fatto tutti piacere. C'è grande soddisfazione per quello che siamo riusciti ad offrire a società e tifosi. Conte? L'ho sentito dopo la vittoria del campionato. Adesso avete lo scoop (ride, ndr)".

IL MILAN - "Berlusconi non è abituato a mandare messaggi, con Galliani invece mi sono sentito. Il rapporto è rimasto anche dopo l'addio. Ogni tappa è stata importante per me, anche quella a Cagliari con Cellino".

DYBALA - "Non è un mio giocatore quindi non ne parlo ancora".

JUVENTUS STORICA - "Non ci voglio pensare. Se entreremo nella storia lo si saprà a fine stagione. Buffon? Ancora una volta si è dimostrato un fuoriclasse. Ha tanta voglia ed è questa la vera forza: l'incoscienza. Ha qualità sia tecniche che umane, non è un bambino e sa bene che la sua carriera volge al termine quindi ha grandi motivazioni per questa volata finale".

NAPOLI E FIORENTINA - "Mi dispiace e pensavo che gli azzurri potessero davvero andare in finale di Europa League. I viola avevano già compromesso il passaggio all'andata. Non è tutto da buttare. Si parla sempre dei big stranieri, ma i ragazzi italiani sono sempre lì ad alti livelli. Servono rinnovamento ed investimenti ad hoc, senza snaturare la nostra cultura, non dobbiamo assomigliare a Francia e Spagna".




Commenta con Facebook