• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Calciomercato Roma, Cufré: "I nuovi acquisti devono cambiare mentalità"

Calciomercato Roma, Cufré: "I nuovi acquisti devono cambiare mentalità"

L'ex difensore giallorosso indica la via per far bene nella Capitale


Juan Manuel Iturbe (Getty Images)

14/05/2015 16:18

CALCIOMERCATO ROMA CUFRé INTERVISTA A TELE RADIO STEREO / ROMA - Leandro Cufré, ex difensore della Roma, ha rilasciato alcune dichiarazioni a 'Tele Radio Stereo'.

RETROSCENA - "Quando andai via sulle mie tracce c'era una squadra inglese, poi il Monaco. Spalletti disse che l'unico incedibile era Mexes e agli altri difensori diede molto fastidio. Per questo decidemmo di andare via, avevamo lasciato il sangue in campo e ferì il nostro orgoglio".

IL RAPPORTO CON LA ROMA OGGI - "Sono stato a Roma a novembre e ho salutato a Trigoria tutte le persone che mi hanno sempre trattato bene. Sono rimasto legato con Bruno Conti e Vito Scala e via telefono mi sento spesso con Totti e De Rossi. Cerco sempre di far arrivare la mia vicinanza alla Roma".

GARCIA - "E' un allenatore che ha cambiato un po' la mistica della Roma. Da un gioco in verticale è passato ad un gioco più orizzontale con un possesso palla veloce. Mi piace".

TOTTI - "Ancora oggi è un giocatore decisivo, mette ordine nel campo ed è sempre uno stimolo in più per i compagni. L'età passa per tutti, ma lui è un professionista totale e sa come mantenersi. Magari non sempre per 90 minuti, ma ancora per almeno un'ora di gioco può fare la differenza".

COSA MANCA - "A livello tecnico non manca nulla. Deve cambiare la mentalità dei giocatori quando arrivano alla Roma. Iturbe? E' un giocatore che farà bene. Deve dare di più, ha tante qualità e riuscirà a farsi valere. Paredes? Gli argentini sono rimasti molto sorpresi dalle poche partite giocate, in patria aveva dimostrato di essere un grande talento. Purtroppo per affermarsi in Italia ci vuole tempo e deve conquistare la fiducia del tecnico".

S.D.




Commenta con Facebook