• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI REAL MADRID-VALENCIA

PAGELLE E TABELLINO DI REAL MADRID-VALENCIA

Superman Diego Alves, perla Isco, Bale-Ronaldo-Hernandez si fermano al palo


La_delusione_dei_giocatori_del_Real.jpg
Attilio Maria Frazzetta

09/05/2015 22:10

ECCO LE PAGELLE DI REAL MADRID-VALENCIA

 

REAL MADRID

Casillas 6 - Incolpevole sui gol, ha poco altro di cu preoccuparsi perchè dopo la sfuriata iniziale il Valencia non tira più in porta.

Arbeloa 4,5 - Il peggiore. Tutti i pericoli arrivano dal suo lato, ha non poche responsabilità in occasione del primo gol del Valencia: non chiude su Gaya e lo lascia crossare, il pallone poi viene spinto in porta da Alcacer. Perde sempre il duello con il dirimpettaio diciannovenne e non si spinge mai oltre la sua metà campo. Prende un giallo per un brutto fallo su Gomes e rischia il rosso per un ingenuo fallo di mano. Dal 46' Carvajal 6,5 - Entra e serve un buon pallone al Chicharito che trova davanti a sè un Diego Alves in giornata di grazia, poi continua la sua spinta sulla fascia, rivelandosi una vera spina nel fianco per la difesa avversaria.

Pepe 5,5 - Impreciso e disattento per gran parte del match, suo l'errore decisivo che costa la rete di Alcacer. Si innervosisce e fa a sportellate con gli avversari, salvo poi riscattarsi staccando più in alto di tutti nell'area valenciana con un gol che riapre la partita per il Real.

Sergio Ramos 6 - Meglio nel suo ruolo naturale, dopo le brutte prestazioni da mediano difensivo. Porva a spingersi in avanti e trova sulla sua strada Alves che toglie dalla linea di porta un suo colpo di testa che avrebbe cambiato il match.

Coentrao 5,5 - Ancelotti gli concede 45 minuti ma il terzino sinistro non riesce ad incidere: non sfonda mai e non mette in mezzo nemmeno un pallone, soffrendo anche nelle chiusure difensive. Dal 46' Marcelo 6 - Più vivace del compagno, riesce a dare nuova linfa al reparto offensivo madridista con le sue solite discese sulla sinistra che apportano non pochi grattacapi alla difesa avversaria.

James Rodriguez 6 - Tanti errori e poca concretezza, ma quando accarezza il pallone è poesia: suo l'angolo per il palo di Ronaldo nel primo tempo e suo anche l'angolo per il gol di Pepe nella ripresa.

Kroos 5,5 - Sfortunato il tedesco, costretto a lasciare il campo dopo soli 25 minuti per un problema muscolare dopo aver rischiato l'infortunio pochi minuti prima per una caduta rovinosa al termine di un contrasto aereo. Ma nei minuti in cui è stato impiegato non si è mai visto. Dal 26' Illarramendi 6 - Non ha le geometrie del tedesco e si vede. Ci prova con un tiro da fuori ma la palla si spegne a lato.

Isco 6,5 - Il migliore. L'unico che crea ordine in mezzo al campo, provando sempre il filtrante decisivo che non arriva mai. Nel finale però si inventa una giocata capolavoro che regala un punto ai suoi: sterzata sul destro e tiro nell'angolino dove nemmeno Superman Alves può arrivare. Qualità da vendere e margini di crescita che fanno ben sperare per il futuro del centrocampo delle merengues.

Bale 6,5 - Miglioramento rispetto alle ultime prestazioni, è fermato dall'incrocio dei pali in occasione della bellissima punizione nel primo tempo. Nella prima frazione è il migliore dei suoi, ma poi cala anche fisicamente e sparisce dal match.

Hernandez 6 - Si batte come un leone ed è il più pericoloso dei suoi, ma prima il palo e poi un super Alves gli negano la gioia del gol. Non fa rimpiangere l'assente di lusso Benzema.

Cristiano Ronaldo 5,5 - Sfortunato in occasione della traversa colpita su calcio d'angolo e ancora più sfortunato a trovarsi davanti un portiere para-rigori che lo ipnotizza negandogli il gol che avrebbe riaperto la partita. Ci prova anche con una rovesciata, ma la giornata è storta: avrà la chance di rispondere a Messi contro la Juventus per agguantare la finale di Champions.

All. Ancelotti 5,5 - A tre giorni dal match decisivo contro la Juventus, "Carletto" era chiamato a rispondere alla vittoria pomeridiana del Barcellona contro la Real Sociedad per non fare scappare i catalani verso il titolo e rimanere agganciati a meno due dalla vetta a 180 minuti dalla fine della Liga. Invece torna a casa con un punto che significa un addio quasi certificato ai sogni di conquistare il titolo, rischiando anche di perdere visto un primo tempo da horror. E' anche sfortunato, per tanti legni colpiti dai suoi, ma con la Juventus servirà una prestazione di ben altro livello per arrivare in finale.

 

VALENCIA

Diego Alves 7,5 - Il migliore. Graziato da pali e traverse in tre occasioni, al 46' si trova di fronte al Pallone d'oro Ronaldo che dal dischetto ha la possibilità di riaprire la partita prima dell'intervallo. Alves però intuisce e vola alla sua destra, neutralizzando il penalty del portoghese e portandosi a quota 19 rigori parati su 40 in carriera. Ad inizio ripresa è bravo a dire di no ad Hernandez ed è superlativo sul colpo di testa a botta sicura di Sergio Ramos con un guizzo che salva la sua squadra dal pareggio madridista. Non può nulla sulla perla di Isco dal limite.

Barragàn 5,5 - Ha di fronte un cliente scomodo come Cristiano Ronaldo, tuttavia riesce a contenere le scorribande del portoghese. Troppo spesso finisce a terra per guadagnare secondi preziosi e fa innervosire gli avversari.

Mustafi 6,5 - L'ex Sampdoria giganteggia nel reparto arretrato concedendo pochissimo a Hernandez, anche se nella ripresa cala insieme a tutti i suoi compagni ed è costretto a vedere la rimonta delle Merengues.

Otamendi 6 - Buona la prestazione difensiva, con ottime chiusure e una sicurezza che trasmette ai suo colleghi di reparto. Un po' nervoso, si fa ammonire e soccombe nel secondo tempo quando il Real accelera, ma nel complesso regge bene.

Gaya 6,5 - Meriterebbe un voto in più per l'assist e per la personalità che mostra nonostante la tenera età, ma ha sul groppone la responsabilità per il rigore concesso al Real, poi fallito da Ronaldo. Senza questa ingenuità sarebbe stato il migliore in campo.

Parejo 6 - Il capitano sforna una prestazione di grande sostanza e impreziosisce il suo match con l'assist da fermo per la rete del raddoppio valenciano. Nel finale si fa ammonire per un brutto fallo.

Javi Fuego 6,5 - Segnare non è il suo mestiere, e tanto meno lo è segnare di testa. Ma è un gol che arricchisce una prestazione di spessore in mezzo al campo, in cui riesce a coniugare quantità e qualità.

André Gomes 6 - Preferito a Perez, si segnala per i numerosi falli commessi sugli avversari, riuscendo però a fornire qualche bella palla agli attaccanti. Nel secondo tempo prende, in ritardo, un meritatissimo giallo. Dal 78' De Paul s.v.

Feghouli 5 - Assente ingiustificato: è il peggiore del trio offensivo, mai pericoloso, mai un cross, mai uno spunto. E' vero, ripiega molto difensivamente, ma non riesce a combinare mai qualcosa di utile alla causa valenciana. Tenta di accentrarsi, ma la musica non cambia e nonostante la grande prova dei suoi, risulta il peggiore in campo.

Alcacer 7 - Zampata vincente sul cross pennellato da sinistra dal giovane Gaya che vale il momentaneo vantaggio per il Valencia. Ci prova con un pallonetto ma la palla finisce alta di poco. Raggiunge la doppia cifra con quello che è il suo decimo centro in campionato Stanco, lascia il posto a Negredo. Dal 69' Negredo 5,5 - El Tiberon entra per provare a sigillare il risultato, ma non si vede mai.

Piatti 6 - Bene nel primo tempo, ma cala nella ripresa complice anche la stanchezza per aver rincorso gli avversari fino nella propria aria. Ottima l'intesa con i compagni di reparto, alla fine viene sostituito perché non ce la fa più. Dal 90' Orban s.v.

All. Nuno  6,5 - "Andiamo al Bernabeu per vincere" aveva dichiarato il tecnico portoghese alla vigilia della gara contro i Campioni d'Europa in carica, e la scelta di preferire la qualità André Gomes alla dinamicità di Perez è un chiaro segnale di voler prendere in mano il pallino del gioco. Primo tempo perfetto, nella ripresa è costretto a soffrire il ritorno del Real Madrid che riesce ad agguantare il pareggio. Rimane il rimorso per non averla chiusa nel primo tempo, nonostante qualche occasione per il 3-0, ma porta a casa un buon punto per la rincorsa alla Champions League.

 

Arbitro: Gòmez 5,5 - Male nella gestione dei cartellini e nella condotta dell'intero primo tempo. Migliora nel secondo tempo, distribuendo cartellini gialli e sedando gli accenni di rissa che inevitabilmente si accendono vista la posta in gioco. Bravo in occasione della concessione del rigore: c'è la spinta di Gaya su Bale, ma non ci sono gli estremi per il secondo giallo. 

 

TABELLINO

REAL MADRID - VALENCIA 2-2

Real Madrid: (4-3-3) Casillas; Arbeloa (dal 46' Carvajal), Pepe, Sergio Ramos, Coentrao (dal 46' Marcelo); James Rodriguez, Kroos (dal 25' Illarramendi), Isco; Bale, Hernandez, Cristiano Ronaldo. A disp. Keylor Navas; Nacho; Lucas Silva; Jesè. All. Carlo Ancelotti

Valencia: (4-3-3) Diego Alves; Barragàn, Mustafi, Otamendi, Gaya; Parejo, Javi Fuego, André Gomes (dal' 78 De Paul); Feghouli, Alcacer (dal 68' Negredo), Piatti (dal 90' Orban). A disp. Yoel; Cancelo, Vezo; Perez. All. Nuno.

Arbitro: Clos Gòmez.

Marcatori: 19' Alcacer (V), 26' Javi Fuego (V), 58' Pepe (R), 84' Isco (R)

Ammoniti: 15' Gaya (V), 24' Arbeloa (R), 46' Hernandez (R), 48' Pepe (R), 58' Sergio Ramos (R), 58' Otamendi (V), 73' Gomes (V), 91 ' Parejo (V)

Espulsi:




Commenta con Facebook