• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, come cambia il calciomercato dopo la sanzione Uefa

Inter, come cambia il calciomercato dopo la sanzione Uefa

I nerazzurri dovranno fare i conti con il Fair Play Finanziario


Roberto Mancini (Getty Images)

08/05/2015 19:16

INTER UEFA FAIR PLAY FINANZIARIO CALCIOMERCATO / MILANO - Non cambiano i piani dell'Inter in tema di calciomercato dopo la sanzione Uefa per il mancato rispetto il Fair Play Finanziario: le decisioni arrivate quest'oggi non spostano di molto le strategie del club nerazzurro. La società di Thohir sapeva già da tempo che sarebbero arrivate le ammende Uefa ma soprattutto il programma del magnate indonesiano prevede l'autofinanziamento del club: così, come peraltro già previsto, la formazione di Mancini sarà arricchita da calciatori adatti all'idea di gioco dell'allenatore jesino e magari anche da un top player (Touré il nome più gettonato), ma in estate ci sarà anche qualche cessione per fare cassa. 

I nomi sono più o meno i soliti: Handanovic, con il contratto in scadenza nel 2016, e Icardi, il cui rinnovo tarda ad arrivare. Le casse nerazzurre potrebbero poi essere rimpinguate anche dagli esuberi e calciatori attualmente in prestito (Alvarez ad esempio): un tesoretto su cui puntare per assicurare a Mancini una rosa vincente senza sforare i patti del fair play finanzario. Del resto Bolingbroke è stato chiaro: "Continueremo a lavorare per assicurare a Roberto Mancini una squadra dall'alto tasso tecnico e dalla comprovata competitività".

B.D.S.




Commenta con Facebook