• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Benessere > Benessere, italiani sempre più pet-friendly: 60 milioni di animali a casa

Benessere, italiani sempre più pet-friendly: 60 milioni di animali a casa

Secondo il 67% degli italiani vivere con un ‘pet’ produce effetti positivi sulla salute fisica e stimola l'intelligenza


Animali domestici (Getty Images)

08/05/2015 17:31

BENESSERE ITALIA PET FRIENDLY ANIMALI DOMESTICI / ROMA - Nonostante la crisi economica, l’Italia si conferma una nazione 'pet-friendly', cioè amica degli animali. Nella nostra penisola gli animali da compagnia risultano essere infatti circa 60 milioni (quanto la popolazione nazionale) e sono ritenuti presenze importanti e fonte di benessere nelle famiglie degli italiani. Questo è quanto emerge dal rapporto Assalco-Zoomark, realizzato dalla Associazione nazionale tra le imprese per l'alimentazione e la cura degli animali da compagnia (Assalco) in collaborazione con l'Associazione nazionale medici veterinari italiani (Anmvi) e Iri Information Resources.

Dei 60 milioni totali, 14 milioni sono cani e gatti (48,2% cani e 51,8% gatti) e 46 milioni sono altri piccoli animali tra cui pesci, uccelli, rettili e roditori.

Ma perché gli italiani amano avere un animale in casa? In generale sono convinti dell'influenza positiva della presenza di un ‘pet’ da compagnia in famiglia poiché attribuiscono agli animali la capacità di generare benessere e di favorire uno stile di vita sano e piacevole. Secondo il 67% degli italiani e il 74% dei proprietari, infatti, vivere con un animale produce effetti positivi sulla salute fisica e stimola l'intelligenza (rispettivamente per il 67% del totale e il 76% dei proprietari). Chi vive con un pet inoltre riconosce gli effetti positivi sulla salute psicologica (95%) come, ad esempio, riduzione dell'ansia, diminuzione della tensione e attenuazione dei problemi legati alla depressione. Ed ancora, chi ha un cane accanto testimonia il beneficio di stimolare attività fisiche all'aria aperta, come passeggiare e correre insieme (94%).

Non è tutto, tra i benefici apportati dalla presenza degli animali d'affezione in famiglia, il miglioramento della socialità e della comunicazione emerge al terzo posto nell'indagine, dopo gli stimoli a svolgere attività fisica e gli effetti positivi sul benessere psicologico. Gli animali in famiglia trasmettono a gran parte dei proprietari intervistati serenità e gioia (43% del totale), mentre tra i giovani (14-24 anni) si accentuano l'allegria e il divertimento (55%). Infine il 92% delle persone che vivono con un animale da compagnia ritiene di non poterne più fare a meno in quanto parte integrante della famiglia e fonte di benessere.

Gianmarco Ferrari, Presidente di Assalco, così ha commentato il Rapporto: “Gli animali da compagnia sono a tutti gli effetti membri delle nostre famiglie e il benessere che scaturisce da questa relazione è un fatto confermato da studi scientifici e clinici. Per questo la cura per la loro alimentazione, la loro igiene e il loro benessere fa parte della quotidianità ed è sempre più importante, come conferma la crescita a valore del nostro comparto del +2,4% nel 2014”.

MERCATO PETFOOD – Viste le presenze degli amici pelosi a quattro zampe e non solo, il mercato del petfood in Italia chiude positivamente il 2014 con un giro d’affari di 1.830 milioni di euro e un totale di 544.000 tonnellate commercializzate di prodotti per l’alimentazione per cani e gatti. Nello specifico, gli alimenti per gatto rappresentano il 54% del totale, per un valore di 992 milioni di euro mentre gli alimenti per cane rappresentano il 46% del totale, con circa 838 milioni di euro.

Gli alimenti per altri animali da compagnia realizzano un fatturato in grande distribuzione organizzata di poco più di 18 milioni di euro: uccelli 55,7%, roditori 40,7%, tartarughe 2%, pesci 1,6%.

S.C.




Commenta con Facebook