• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > Lazio, Basta: "E' un momento cruciale. Servirà l'aiuto di tutti"

Lazio, Basta: "E' un momento cruciale. Servirà l'aiuto di tutti"

Il difensore biancoceleste ha parlato della stagione dei suoi


Dusan Basta ©Getty Images
Matteo Zappalà (@matteobegbie)

07/05/2015 16:09

LAZIO BASTA INTERVISTA / ROMA - Intervenuto sulle frequenze di 'Lazio Style Radio', il difensore biancoceleste Dusan Basta ha parlato delle ultime news Lazio in vista di questo acceso finale di stagione, che vede la Lazio protagonista sia in campionato, con la lotta al secondo posto con i rivali della Roma, sia in Coppa Italia, in cui dovrà affrontare in finale la Juventus. Calciomercato.it vi riporta le sue dichiarazioni.

CONDIZIONE FISICA - "Sto molto bene. Questo per me è importante, spero sia lo stesso per i miei compagni nelle ultime cinque partite, compresa la finale di Coppa Italia. Servirà l'aiuto di tutti, siamo nel momento topico della stagione".

CLASSIFICA - "E' stato importante fare quella serie di otto vittorie consecutive. Non potevamo vincerle tutte, altrimenti avremmo vinto lo scudetto. Dopo la Juventus abbiamo fatto due pareggi, ma siamo ad un punto dal secondo posto. Daremo tutto per raggiungere il nostro sogno. La squadra c'è, il gruppo anche. Abbiamo solo avuto tanti infortuni".

INTER - "E' un'ottima squadra, non sarà facile. Noi dobbiamo avere in testa qual è l'obiettivo. Giochiamo davanti ai nostri tifosi, dobbiamo conquistare i tre punti e dare tutto".

INIZIATIVE CON LE SCUOLE - "Mi ha fatto piacere esserci. Credo sia utile per i bambini ascoltare le nostro parole. Lo studio dev'essere al primo posto.  Io sono stato fortunato perché abitavo nella periferia di Belgrado, studiavo la mattina e il pomeriggio mi allenavo senza staccarmi dalla famiglia. Ho lasciato la Serbia a 24 anni e ho avuto tempo, ma non è facile per chi se ne va presto da casa e deve percorrere le due strade insieme".




Commenta con Facebook