• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Spagna > Spagna, UFFICIALE: tutto il calcio sospeso dal 16 maggio!

Spagna, UFFICIALE: tutto il calcio sospeso dal 16 maggio!

La Federazione a muso duro contro il Governo per il Real Decreto-legge


Tifosi del Real Madrid (Getty Images)
Matteo Torre (@torrelocchetta)

06/05/2015 20:38

SPAGNA UFFICIALE CALCIO SOSPESO / MADRID (Spagna) - Decisione storica in Spagna. Con un comunicato sul proprio sito ufficiale la RFEF (Federcalcio spagnola) annuncia che il Comitato Esecutivo si è riunito per analizzare i vari problemi che sta affrontando il calcio iberico, "opportunamente comunicato al Governo Nazionale". Il Comitato ha studiato la situazione del Real Decreto-legge, sottolineando come a tre mesi dalla prima comunicazione al Ministero dello Sport circa i problemi che affliggono seriamente il calcio amatoriale in Spagna nessun provvedimento sia stato adottato per risolverli. La RFEF sottolinea di aver appoggiato espressamente la promulgazione del Real Decreto-legge, ma di non aver mai avuto l'opportunità di contribuire a migliorarlo.

""A causa della mancanza di rispetto nei confronti della RFEF da parte del Governo di Spagna nel contenuto del Real Decreto-legge e della mancata risoluzione di tutte le problematiche che affliggono 17 federazioni regionali, oltre 600 mila atleti, 30 mila partiti e 15 mila società di calcio amatoriale, ignorandone il loro significato e sentimento, SI DECIDE di sospendere tutte le competizioni in tutte le categorie dal 16 maggio a tempo indeterminato. Al contempo, ancora una volta, reiteriamo la nostra offerta di dialogo da parte della RFEF nei confronti del Governo di Spagna".

L'agitazione prevista, come riportato dal portale britannico 'The Guardian', è anche dovuta dalla nuova modalità con cui verranno spartiti i diritti televisivi: secondo la RFEF con la nuova modalità introdotta da Real Decreto-Legge (nonostante sia stato accettato dalla stessa federazione) non si andrebbe verso lo sviluppo del movimento calcistico.

Così salterebbero sia le ultime due giornate di Liga che la finale di Copa del Rey.

La lega calcio spagnola si è mostrata favorevole nei confronti del governo e contro la RFEF. Sul sito ufficiale della Lfp è apparso un comunicato che preannuncia azioni legali in merito: "La LFP si riserva azioni legali per i gravissimi danni e pericoli economici, sportivi, sociali e di qualsiasi altra natura che derivano dall'ipotetica esecuzione dell'accordo, tanto per i club quanto per le competizioni del calcio professionale spagnolo. Con questo accordo più di 300 giocatrici della Primera Division femminile, così come più di 2000 giocatori della Segunda Division B, avranno il regime di Sicurezza Sociale che gli spetta, dopo tanti anni senza un'adeguata copertura e le adeguate azioni in loro difesa da parte di AFE e RFEF. Questo provvedimento dà benefici, parimenti, a tutti gli sport ad alto livello, con gli atleti che andranno a ricevere un 1% di contributi sociali necessari per mantenere il marchio Spagna dei nostri atleti di massimo livello".




Commenta con Facebook