• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus-Real Madrid, Allegri: "Che maturità! Avremmo messo la firma per il 2-1"

Juventus-Real Madrid, Allegri: "Che maturità! Avremmo messo la firma per il 2-1"

Il tecnico bianconero ha parlato al termine del match


Massimiliano Allegri (Getty Images)
Andrea Corti (@cortionline)

05/05/2015 22:49

JUVENTUS REAL MADRID ALLEGRI / TORINO - Al termine di Juventus-Real Madrid il tecnico bianconero Allegri ha parlato ai microfoni di 'Sky Sport':"Sono molto contento per quello che hanno fatto i ragazzi, è un giusto premio che si sono meritati. Non è facile arrivare in semifinale, abbiamo concesso poco al Real Madrid. potevamo fare meglio nello sviluppo di gioco nel primo tempo, ma c'è solo da ringraziarli. Dispiace per non aver segnato il 3-1, però avremmo messo la firma per andare a giocare il ritorno dopo un 2-1. A Madrid non so con che modulo giocheremo. Stasera i ragazzi hanno difeso molto bene a 4. lasciare fuori Barzagli non è stato semplice. Una volta in vantaggio dovevo prendere meno rischi, anche perchè loro avevano messo una punta".

STURARO - "Ho fatto questa scelta perchè stava bene e avevo bisogno di più gamba in fase difensiva. I ragazzi si sono messi molto bene a 4".

MATURITA' - "La maturità con cui abbiamo affrontato questa Champions, questo mi soddisfa di più. La squadra è cresciuta. Con le grandi è impossibile pressare 90 minuti, bisogna saper leggere le partite, capire quando accelerare o rallentare. Su questo la squadra è migliorata molto. Gli abbiamo teso una trappola? Nel primo tempo potevamo fare meglio a mettere la palla tra i loro centrocampisti".

CALCIO ITALIANO E EUROPEO - "Il divario economico è evidente con squadre come Bayern Monaco e Real Madrid, ma questo non significa che il livello del campionato italiano sia più basso - ha poi spiegato Allegri ai microfoni di 'Sport Mediaset' - Nel calcio se hai grandi giocatori vinci le partite. Rispetto a quindici anni fa, quando tutti i più grandi venivano a giocare in Italia, ora dall'Italia ce li portano via, quindi dobbiamo essere bravi a sceglieri quelli bravi più giovani che possono diventare dei campioni".

POGBA - Poi in conferenza stampa Allegri ha parlato anche di Pogba: "Iniziaerà ad allenarsi giovedì con la squadra, spero di fargli fare un pezzo di partita sabato, perchè non potrebbe giocare sicuramente a Madrid senza aver provato almeno uno spezzone di gara".




Commenta con Facebook