• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > I Craque del momento > I CRAQUE DEL MOMENTO - Lazio, Parolo è il bomber in più per la volata Champions

I CRAQUE DEL MOMENTO - Lazio, Parolo è il bomber in più per la volata Champions

Quattro gol nelle ultime tre gare giocate per il centrocampista, vicino alla doppia cifra in Serie A


Marco Parolo (Getty Images)
Marco Di Federico

04/05/2015 11:00

I CRAQUE DEL MOMENTO LAZIO PAROLO / ROMA - Dopo un inizio di stagione non semplice, Marco Parolo è diventato uno degli uomini copertina della Lazio. Se la squadra di Stefano Pioli è inaspettatamente in corsa per il secondo posto, il merito è anche dell'ex centrocampista del Parma, arrivato in punta di piedi a Roma nello scorso calciomercato estivo ma ormai punto di riferimento insostituibile per la mediana biancoceleste.

Nove gol totali in campionato, tre nelle ultime quattro gare giocate. Senza di lui, contro Juventus e Chievo, solo un gol fatto ed un solo punto conquistato per la Lazio. Un caso? Forse no, perché Parolo con Biglia forma una tra le coppie di centrocampo più forti di tutta la Serie A. Ora che l'argentino è assente per infortunio, tutto il peso del gioco passa dai piedi dell'azzurro, che ha subito risposto presente: suo il gol che ha aperto il poker al Parma, sua la sforbiciata che ieri ha riacciuffato l'Atalanta. I riflettori sono tutti per Felipe Anderson, Klose o Candreva, ma è Parolo che, in silenzio, continua ad essere sempre decisivo.

Marco Parolo nasce a Gallarate, provincia di Varese, il 25 gennaio del 1985. Cresce calcisticamente nel Como, club che in quegli anni raggiunge anche una storica promozione in Serie A. Successivamente, però, i lombardi fallisono e così Parolo passa da svincolato  alla Pistoiese in Serie C1. In Toscana resta per due anni, prima di passare al Chievo Verona. Qui, dopo una breve parentesi al Foligno sempre in C1 (con Bisoli come allenatore), inizia la sua scalata verso il calcio che conta. La stagione del salto di qualità arriva nel 2008: un anno all'Hellas Verona in Lega Pro con cui colleziona 32 presenze e 4 gol. Il Chievo decide così di risolvere la compartecipazione con i cugini in suo favore, girando poi Parolo  in prestito al Cesena, dove intanto in panchina è arrivato Bisoli. Tre stagioni in Romagna, con la promozione in Serie A ed il debutto di Parolo nel massimo campionato il 28 agosto 2010, nella partita in trasferta contro la Roma terminata 0-0. In tutto 104 presenze ed 11 gol in bianconero, di cui uno bellissimo alla Lazio in una vittoria 1-0 del Cesena. Arriva anche la convocazione in Nazionale: il 29 marzo 2011 fa il suo esordio in maglia azzurra nell'amichevole giocata a Kiev contro l'Ucraina, subentrando a Claudio Marchisio. Il Parma lo acquista in prestito il 7 luglio 2012, riscattandolo poi per 4 milioni di euro l'estate successiva. Contribuisce con 8 gol alla cavalcata dei ducali verso l'Europa League, bruscamente interrotta dai problemi economici del club. Il 1º luglio 2014 si trasferisce, a titolo definitivo, alla Lazio. L'esordio è speciale: gol e vittoria nel 7-0 dei biancocelesti in Coppa Italia contro il Bassano Virtus. Con quattro gare da giocare in campionato Parolo  ha già battuto il suo record di segnature in Serie A: i tifosi della Lazio sperano, però, che non si fermi qui.




Commenta con Facebook