• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > LA MOVIOLA DI CM.IT: dubbi sul rigore di Kovacic. A Menez il giallo di Mexes

LA MOVIOLA DI CM.IT: dubbi sul rigore di Kovacic. A Menez il giallo di Mexes

Seratacce per Rocchi e Giacomelli. Il penalty per l’Inter è generoso. A fare fallo su Edenilson è il difensore


Gianluca Rocchi (Getty Images)
Antonio Russo (Twitter @tonyrusso93)

30/04/2015 08:00

MOVIOLA 33° GIORNATA ROCCHI DANILO KOVACIC / UDINE – Giornata molto positiva per i fischietti nostrani con Mazzoleni, Irrati, Calvarese, Banti e Di Bello tutti capaci di strappare la sufficienza senza commettere alcuna sbavatura nei rispettivi match. Migliore arbitro di giornata Rizzoli, bravo a gestire al meglio il delicato scontro salvezza tra Cesena e Atalanta. Molto male invece la direzione di Rocchi in Udinese-Inter, l’arbitro toscano ha fischiato un rigore generoso ai nerazzurri. Pessimo anche l’arbitraggio di Giacomelli a ‘San Siro’ che ha espulso Menez per doppia ammonizione, con il secondo giallo che invece doveva essere di Mexes. Infine da rivedere anche la prestazione di Gervasoni che in Palermo-Torino ha annullato una rete a Maxi Lopez apparentemente regolare.

 

UDINESE-INTER 1-2, arbitro Rocchi 5 – Serata da film horror per il fischietto toscano che ne combina di tutti i colori. Nel primo tempo espelle Domizzi per doppia ammonizione, ma il primo giallo, dato per proteste, appare decisamente eccessivo. Non va meglio nella ripresa quando concede il penalty all’Inter per un presunto fallo di Danilo su Kovacic, il difensore entra in scivolata quando il croato ha già calciato: il contatto avviene col pallone ancora in gioco, ma concedere la massima punizione pare eccessivo. Passano pochi giri di lancetta e l’arbitro fiorentino ne combina un’altra, l’azione della rete di Di Natale è, infatti, viziata da un fallo di Piris su Icardi. Giusta invece la decisione di mandare anticipatamente sotto la doccia l’esuberante Badu. Contatto in area nerazzurra tra Vidic e Danilo, poteva starci il rigore. Infine annullato il gol del 3-1 a Icardi, ma non si capisce se a passargli il pallone sia un interista o un avversario.

 

SASSUOLO-ROMA 0-3, arbitro Mazzoleni 6 – Direzione buona per il fischietto di Bergamo che si limita ad amministrare un match privo di particolari casi da moviola. Oculata la gestione dei cartellini.

 

SAMPDORIA-VERONA 1-1, arbitro Irrati 6 – La partita s’incattivisce nella ripresa, ma l’arbitro pistoiese tiene a freno l’esuberanza dei giocatori in campo a suon di cartellini. Solo un episodio da segnalare: al 90’ Martic va in scivolata in area di rigore su Regini che è in possesso del pallone, Irrati comanda la rimessa dal fondo e i vari replay sembrano dar ragione all’arbitro, effettivamente lo scaligero tocca la sfera. Infine giusta l’espulsione comminata ad Acquah per doppia ammonizione.

 

PALERMO-TORINO 2-2, arbitro Gervasoni 5,5 – Il suo arbitraggio non sembra pulitissimo. Restano pesanti dubbi sulla validità della rete del pareggio di Maxi Lopez, l’ex Chievo sembra partire in leggerissimo off-side. Giallo infine all’86’ quando Gervasoni annulla un gol all’attaccante argentino per fallo in attacco di quest’ultimo, ma le immagini non evidenziano particolari scorrettezze dell’ex Catania: errore pesante.

 

MILAN-GENOA 1-3, arbitro Giacomelli 5,5 – Prestazione da rivedere per il fischietto triestino. Per prima cosa espelle Menez per doppia ammonizione, il primo giallo sembra eccessivo (il francese protesta per un fallo, ma in maniera pacata) il secondo cartellino invece appare un’invenzione di Giacomelli, infatti a fare il fallo su Edenilson è Mexes e non l’ex Psg. Infine sull’episodio del penalty, il difensore del Milan compie l’intervento sulla linea dell’area di rigore, quindi sembra corretta la decisione del direttore di gara, anche se poteva starci la seconda ammonizione a Mexes nell’occasione specifica.

 

LAZIO-PARMA 4-0, arbitro Calvarese 6,5 – Partita molto tranquilla, facile da gestire per il direttore di gara di Teramo. Unico episodio da segnalare al 29’ quando Varela cade in un presunto contatto in area di rigore con Marchetti, Calvarese ammonisce il portoghese che nemmeno protesta. Buona la prestazione dell’arbitro abruzzese.

 

JUVENTUS-FIORENTINA 3-2, arbitro Banti 6 – Ruggini tra compaesani per il direttore di gara e Allegri durante il match, ma la moviola sembra dare ragione a Banti. Giusti i due penalty concessi alla Fiorentina. Nel primo caso Pirlo commette fallo poco dentro l’area di rigore. Nel secondo caso, invece c’è un palese sgambetto di Chiellini prontamente segnalato dall’assistente Orsato al fischietto di Livorno. La Juve da par suo protesta per un presunto rigore non concesso per fallo ai danni di Llorente, ma i replay evidenziano che è proprio l’attaccante spagnolo il primo a commettere irregolarità.

 

CHIEVO-CAGLIARI 1-0, arbitro Di Bello 6 – Gara molto calda al 'Bentegodi'. Ben due le espulsioni comminate ai giocatori del Cagliari, Murru e Cossu, entrambe corrette. Giusto annullare la rete a Paloschi per fuorigioco, qualche dubbio in più nel primo tempo quando Sau segna a gioco ormai fermo per un off-side di Cop che le immagini non sembrano confermare. Infine vi è da segnalare una presunta gomitata di Conti che poteva costare il terzo rosso di giornata ai sardi.

 

CESENA-ATALANTA 2-2, arbitro Rizzoli 7 – Prestazione perfetta per il fischietto bolognese. Nel primo tempo l’Atalanta chiede un calcio di rigore per un presunto fallo di braccio di Krajnc su tiro di Moralez, ma i replay danno ragione a Rizzoli che lascia proseguire. Corretta poi la decisione nella ripresa di assegnare il penalty al Cesena per fallo di Benalouane su Brienza. Tiene bene il match senza farselo mai sfuggire di mano.




Commenta con Facebook