• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI CESENA-ATALANTA

PAGELLE E TABELLINO DI CESENA-ATALANTA

Pinilla rovescia il Cesena, che ci aveva sperato con le reti di Carbonero e Brienza. Difese allegre


Carbonero in azione (Getty Images)
Lorenzo Bettoni @Lorebetto

29/04/2015 22:54

ECCO LE PAGELLE DI CESENA-ATALANTA:

 

CESENA

Agliardi 5,5 - Nel primo tempo legittima la scelta di Di Carlo che da qualche settimana sceglie lui al posto di Leali. Anche l’inizio della ripresa è buono grazie all’intervento con i piedi su Gomez, ma poi sciupa tutto con l’uscita sbagliata che regala il gol del vantaggio a Pinilla.

Perico 4,5 - La sua fascia di competenza è la più tartassata dagli attacchi atalantini. Moralez lo punta e lo salta spesso. Nel finale sugli sviluppi di un calcio da fermo potrebbe rispondere subito alla rovesciata di Pinilla, ma si mangia un gol più facile da fare che da sbagliare, calciando alto da un metro e mezzo.

Capelli 6 - Un paio di anticipi andati male spianano la strada a Gomez e Moralez nel primo tempo, che per sua fortuna non capitalizzano le occasioni create. Regge nella ripresa.

Krajnc 5,5 - Buon primo tempo, condito anche con un intervento al limite del penalty, che però sarebbe troppo severo. La ripresa inizia con il patatrac in marcatura su Moralez che manda in confusione Agliardi e concede il gol del vantaggio alla Dea.

Renzetti 5,5 - L’Atalanta risparmia la sua fascia e lui gioca una partita nella media. Nel finale però non regge l’urto di D’Alessandro che scappa dalla sua parte e dà il via all’azione del 2-2.

Cascione 6 - Primo tempo di quantità. Quando si butta in avanti però è troppo impreciso e non trova mai i tempi di inserimento, corre tanto e poco dopo un’ora lascia spazio a Giorgi. Dal 67’ Giorgi 5,5 – Entra per dare fiato a Cascione, ma qualche volta gira a vuoto.

Mudingayi 6 - Si piazza al centro del campo e gestisce la maggior parte dei palloni del Cesena, non sempre con qualità, ma gioca un buon match.

Carbonero 6,5 - Potenzialmente un gran centrocampista, se riuscisse a trovare continuità. Si attiva a giri alterni nella prima ora di gioco e calcia una volta da lontano a fine primo tempo. Poco dopo il settantesimo dà quello che sembra essere lo strappo decisivo alla partita segnando da fuori il terzo gol nelle ultime sei partite. Fondamentale. Dall’ 80’ Volta s.v.

Brienza 6 - Gioca molto vicino alla mediana nella prima frazione, infatti le azioni offensive del Cesena ne risentono e non poco. Nel secondo tempo si guadagna con esperienza il rigorino che poi trasforma.

Succi 6 - Mette la firma sulla prima palla gol del Cesena giunti quasi a metà primo tempo, Sportiello gli dice di no sotto l’incrocio. Nella ripresa invece ha un’occasione più semplice, ma la spreca poco dopo che l’Atalanta è andata in vantaggio con Pinilla. Le uniche occasioni del Cesena però (a parte il rigore) sono sui suoi piedi. Dal 59’ Rodriguez 5,5 – Un paio di occasioni nella mezz’ora in cui sta dentro, nulla di più.

Defrel 5,5 - Non sta bene fisicamente, ma paradossalmente si accende nel finale quando negli ultimi dieci minuti calcia più volte in porta che in tutto il resto della partita e serve a Rodriguez una palla in piena area, ma comunque difficile da buttar dentro.

All. Di Carlo 6 – Più di così non poteva fare. Le prova tutte per rimettere in piedi il match, ma alla fine deve arrendersi di fronte al capolavoro di Pinilla che rovescia dentro il 2-2 che spinge il Cesena praticamente in Serie B, miracoli permettendo.

 

ATALANTA

Sportiello 6 - Un paio di buoni interventi nella prima frazione, quando il Cesena ci prova dalla distanza con Succi e Carbonero. Nel finale uscita coraggiosa su Rodriguez. Non può niente sui gol.

Bellini 6 - Non dà grandi strappi sull’esterno, ma gioca una partita equilibrata e attenta, dall’alto della sua esperienza.

Benalouane 5 - Nonostante il Cesena non si faccia vedere molto in fase offensiva, lui è sempre in ritardo in chiusura e spesso sbaglia gli anticipi. Il rigore poi è un capolavoro di sbadataggine, visto che Dramé sembra essere in anticipo su Brienza, ma lui ci mette comunque il ginocchio.

Masiello 6 - Più attento del suo compagno di reparto in mezzo alla difesa, anche se non sempre pulitissimo.

Dramé 5,5 - Carbonero taglia dalla sua parte in occasione del gol del 2-1 e in generale non è molto coraggioso sull’esterno.

Cigarini 5,5 - Punizione che sfiora la traversa al sessantesimo, partita fatta di alti e bassa la sua, forse ha risentito pure della tre giorni di polemiche con Tonelli. Esce perché Migliaccio dà più equilibrio di lui. Dal 79’ Migliaccio s.v.

Carmona 6 – Partita di sostanza.

Zappacosta 6 – Piazzato esterno alto per dare più equilibrio alla Dea, risponde con una prestazione attenta ma senza tanta fantasia, come ci si aspettava. Dal 61’ D’Alessandro 6,5 – Ci mette l’imprevedibilità che mancava a Zappacosta. La rete del 2-2 parte da una sua discesa inarrestabile sulla destra.

A. Gomez 5,5 - Inizialmente ispirato. Al quinto ha subito l’occasione giusta per fare male al Cesena, ma decide di calciare invece di servire Pinilla che sta attaccando la porta di Agliardi. Si spegne via via, finché il Cesena non pareggia. Dal 75’ Bianchi 5 – Si vede poco e quando si vede calcia invece di passarla a Benalouane che potrebbe mettere una pietra gigante sul discorso salvezza. A fine match Reja se lo mangerebbe vivo.

Moralez 6 – Come Gomez, parte benissimo ma si sgonfia col passare dei minuti. La prima rete di Pinilla ha anche la sua firma perché è lui che si frappone tra palla e Krajnc creando lo spazio dove si infila il bomber cileno.

Pinilla 7,5 – Indiscusso man of the match. Non si vede mai nel primo tempo, se non quando se la prende con Gomez che calcia invece che passarla a lui solo contro Agliardi. Nella ripresa tocca il primo pallone in area e la butta dentro, tocca il secondo e segna un altro gol clamoroso in rovesciata.

All. Reja 6 – Aveva due risultati su tre per stare tranquillo e dalla roulette di Cesena esce un pari che certo piace più a lui che non a Di Carlo. Si presenta con Zappacosta esterno alto che gli dà equilibrio, ma sbilancia la squadra tutta da una parte. La ribilancia D’Alessandro che inizia l’azione del 2-2. Nonostante si scagli contro Bianchi che non passando il pallone avrebbe potuto chiudere definitivamente il discorso salvezza nel finale. Nonostante questo però sa che questo pari vale mezza salvezza.

Arbitro: Nicola Rizzoli 7 – Prende tutte decisioni giuste, rigore compreso. Brienza, infatti, usa molto l’esperienza, ma Benalouane è ingenuo nell’affondare il tackle. Tiene in mano le redini della partita anche quando si sta innervosendo.

 

 

TABELLINO

CESENA-ATALANTA 2-2

CESENA (4-3-1-2): Agliardi; Perico, Capelli, Krajnc, Renzetti; Cascione (dal 67’ Giorgi), Mudingayi, Carbonero (dall’ 80’ Volta); Brienza; Succi (dal 59’ Rodriguez), Defrel. A disp. Leali, Bressan, Nica, Lucchini, Tabanelli, De Feudis, Cazzola, Djuric, Moncini. All. Di Carlo. 
ATALANTA (4-2-3-1): Sportiello; Bellini, Benalouane, Masiello, Dramé; Cigarini (dal 79’ Migliaccio), Carmona; Zappacosta (dal 61’ D’Alessandro), A. Gomez (dal 75’ Bianchi), Moralez; Pinilla. A disp. Avramov, Stendardo, Scaloni, Emanuelson, Del Grosso, Baselli, Boakye. All. Reja.

Arbitro: Rizzoli di Bologna

Marcatori: 49’ Pinilla (A), 56’ rig. Brienza (C), 71’ Carbonero (C), 82’ Pinilla (A)
Ammoniti: 36’ Mudingayi (C), 45’ Carbonero (C), 55’ Benalouane (A), 64’ Perico (C), 86' Migliaccio (A), 88’ Carmona (A), 90' Pinilla (A)

Espulsi:




Commenta con Facebook