• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > Atalanta-Empoli, Marino: "Denis ha sbagliato, ma anche Papa Francesco disse..."

Atalanta-Empoli, Marino: "Denis ha sbagliato, ma anche Papa Francesco disse..."

Il Dg nerazzurro: "Era in compagnia del figlioletto, è stato atteso ed insultato davanti a lui"


German Denis ©Getty Images
Marco Di Federico

27/04/2015 09:30

ATALANTA DENIS TONELLI EMPOLI MARINO / BERGAMO - Pierpaolo Marino è intervenuto questa mattina a 'Radio Anch'io lo Sport per parlare del litigio tra Denis e Tonelli dopo il match tra Atalanta ed Empoli. "Non accumuniamo i fatti di Torino con quelli di Bergamo, dove si è trattato solo di adrenalina post partita. Non voglio giustificare Denis, il cui gesto è deprecabile, ma dopo le dichiarazioni di Maccarone voglio sottolineare la provocazione di Tonelli, con minacce di morte fatte al nostro capitano. Non facciamo giustizialismo. - ha detto il dirigente nerazzurro - Ci sono stati episodi ben più nobili come la testata di Zidane a cui possiamo fare riferimento. Denis andrà punito come dovuto e spero sarà una sanzione giusta. Io seguo Papa Francesco come esempio dei nostri tempi e vorrei ricordare quello che ha detto il 15 gennaio scorso: 'Se Gasparri che è mio amico offendesse mai madre io gli darei un cazzotto'. Non siamo di fronte a banditi, Denis si è sempre distinto come uomo dentro e fuori dal campo. Va punito e basta. Ci ha detto che le offese sono arrivate durate la partita ed anche al rientro negli spogliatoi. Era in compagnia del figlioletto, è stato atteso ed insultato davanti a lui. Mi meraviglierei se anche queste cose non fossero state refertate. Noi dirigenti siamo inermi, anche perché vediamo quello che succede nella vita di tutti giorni, dove i criminali non pagano per quello che fanno. Non è vero che abbiamo paura di prendere posizioni nette, ma ha bisogno dell'aiuto di chi sta in alto".




Commenta con Facebook