• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Torino-Juventus, follia ultras: 'Stadium' chiuso?

Torino-Juventus, follia ultras: 'Stadium' chiuso?

Gli incidenti durante il derby della Mole potrebbero portare alla chiusura dell'impianto


Tifosi del Torino (Getty Images)
Stefano D'Alessio (Twitter: @SDAlessio)

27/04/2015 08:51

TORINO-JUVENTUS FOLLIA ULTRAS STADIUM CHIUSO / TORINO - Gli incidenti durante il derby Torino-Juventus di ieri - in particolare la bomba carta esplosa nel settore dei tifosi granata che ha provocato il ferimento di alcune persone - potrebbero portare a una clamorosa news Juventus proveniente direttamente dal Giudice Sportivo Tosel, chiamato oggi a giudicare gli accadimenti: secondo 'sportmediaset' un settore dello Juventus Stadium verrà chiuso per almeno un giornata di campionato, ma se Tosel non riuscirà ad accertare da dove sia partita la bomba carta allora potrebbe decidere di chiudere l'intero impianto già per la partita contro la Fiorentina in programma mercoledì sera. Si attende la decisione ufficiale: seguiranno aggiornamenti su www.calciomercato.it.

Il presidente della Figc Carlo Tavecchio ha chiesto sanzioni esemplari per i responsabili: "Lanciare una bomba carta nella curva di uno stadio è un atto eversivo, oltre che premeditato. Ora per i responsabili ci vogliono sanzioni penali di massimo livello. Quello che è successo è di una gravità inaudita. Ma lo è anche quel che è accaduto a Bergamo: il campo e i suoi dintorni non sono un ring per fare match di pugilato. Anche i tesserati devono darsi una bella calmata".

La Juventus - attraverso un comunicato ufficiale diramato nella serata di ieri - ha già stigmatizzato l'episodio: "Juventus Football Club condanna ogni forma di violenza sia essa proveniente dai propri tifosi o da quelli avversari ed esige pari trattamento nella valutazione di essi in sede di giustizia sportiva o di commento. I fatti odierni richiedono una profonda riflessione da parte del calcio, ma anche delle istituzioni e dei media, che di questo spettacolo sono protagonisti importanti".

L'amministratore delegato della Juve Beppe Marotta si era già trovato a commentare davanti alle televisioni il lancio di sassi contro il pullman bianconero da parte dei tifosi del Torino prima dell'inizio della partita: "Il fatto è di grave violenza, frutto di alcuni giornalisti che usano un linguaggio contro di noi. Basta leggere un pezzo di stamani che ci dà dei ladri".




Commenta con Facebook