• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > > IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Leggenda Toni, azzardo Rafael

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Leggenda Toni, azzardo Rafael

Top e Flop della 32a giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati


Luca Toni (Getty Images)
Emiliano Forte

27/04/2015 07:50

PAGELLONE 32A GIORNATA TONI RAFAEL / ROMA - Il Torino di Ventura che centra una storica vittoria nel derby contro la Juventus è il protagonista assoluto dell'ultimo week-end di campionato. Tra gli eroi granata spicca uno straripante Darmian, che decide la sfida dell'Olimpico con un gol ed un assist all'attivo. Tra i bianconeri sottotono la prova di Bonucci, che si fa sorprendere dagli avversari nei momenti chiave del match. Altra delusione per il Milan di Pippo Inzaghi, che cade sotto i colpi dell'Udinese di uno scatenato Badu e si ritrova ancora una volta a dover fronteggiare la proverbiale discontinuità di Jeremy Menez. Applausi a scena aperta invece per Luca Toni, capace di trascinare alla vittoria il suo Verona nonostante l'inferiorità numerica.

 

TOP

 

5.Cop (Cagliari) - Giornata perfetta per l'attaccante rossoblu, che castiga i viola per ben due volte e si candida con prepotenza ad un ruolo da protagonista in questo finale di campionato che vede il Cagliari a caccia del miracolo salvezza. Riscatto. VOTO 7,5

4.Gabbiadini (Napoli) - Trova il gol dell'1-1 con la complicità di Viviano, poi delizia il pubblico del 'San Paolo' con una serie di giocate ad alto tasso tecnico. Sopraffina la giocata con la quale smarca Higuain per la rete del sorpasso azzurro. Riserva extra-lusso. VOTO 7,5

3.Badu (Udinese) - A centrocampo garantisce tanto dinamismo con un intensità tale da sovrastare chiunque capiti dalle sue parti. Non contento si spinge anche in avanti a supporto dei compagni d'attacco e, in una delle sue sortite offensive, trova il tempo giusto per anticipare tutti e battere Diego Lopez per la seconda volta. Indemoniato. VOTO 7,5

2.Darmian (Torino) - Padrone della fascia sinistra costringe agli straordinari Lichtsteiner che se lo vede arrivare da tutte le parti senza riuscire a limitarlo. Sul finire del primo tempo trasforma l'ultimo assalto granata guidato da Quagliarella nel gol dell'1-1 che carica tutto l'ambiente. Nella ripresa continua a far male sfrecciando a ritmi folli sulla sua corsia; non a caso da una delle sue discese arriva il gol vittoria firmato dall'ex Quagliarella. Tornado. VOTO 7,5

1.Toni (Verona) - Bomber senza tempo capace di mettere pressione alla difesa del Sassuolo praticamente da solo nonostante l'inferiorità numerica maturata ad inizio gara. Entra nell'azione che porta al gol di Juanito Gomez per poi dare inizio al suo show personale che lo porta a firmare l'ennesima doppietta di una carriera incredibile. Spettacolare lo slalom con tanto di diagonale mancino che vale il momentaneo 3-1. Intramontabile. VOTO 8

 

FLOP

 

5.De Silvestri (Sampdoria) - Soffre moltissimo l'intraprendenza della coppia Ghoulam-Insigne, che in pratica fa ciò che vuole sulla sinistra. Come se non bastasse provoca anche il rigore che vale il poker azzurro. Imbambolato. VOTO 4,5

4.Basanta (Fiorentina) - Una sofferenza così grande da parte della retroguardia viola al cospetto di un Cagliari in grave crisi di risultati era difficilmente pronosticabile. Tra i più sorpresi l'argentino Basanta, che ha sofferto per tutta la gara l'ottima vena di Cop e il dinamismo dei vari Mpoku e Farias. Preso d'infilata più e più volte il centrale di Montella ha vissuto in una sorta di incubo per 90 minuti. Stordito. VOTO 4,5

3.Bonucci (Juventus) - Il centrale bianconero protagonista di tante battaglie nel corso di questa lunga stagione incappa in un pomeriggio dove va tutto storto o quasi. Nel primo tempo rimane colpevolmente fermo sul rimbalzo che Darmian trasforma nel momentaneo 1-1, poi nel secondo tempo è l'ex compagno Quagliarella ad anticiparlo nettamente per il gol vittoria. Fiacco. VOTO 4,5

2.Menez (Milan) - Non ci sono vie di mezzo per il numero 7 rossonero, che continua imperterrito ad alternare prestazioni da top player a flop più o meno clamorosi. Ad Udine si è visto il secondo Menez, quello irritante e inconcludente che s'intestardisce nel cercare una soluzione personale che i difensori di Stramaccioni gli negano puntualmente. Snervante. VOTO 4,5

1.Rafael (Verona) - Dopo neanche 20 minuti di gioco esce in maniera scomposta su Sansone toccando fuori area il pallone con un braccio. Una leggerezza che costringe i suoi a giocare gran parte del match in inferiorità numerica.  Avventato. VOTO 4




Commenta con Facebook