• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > In evidenza > PAGELLE E TABELLINO DI JUVENTUS-LAZIO

PAGELLE E TABELLINO DI JUVENTUS-LAZIO

Tevez ancora decisivo, Matri in ombra. Nella Lazio Biglia è l'unico a salvarsi.


Juventus (Getty Images)
@DavideSperati1

18/04/2015 22:43

ECCO LE PAGELLE DI JUVENTUS-LAZIO:

 

JUVENTUS

Buffon 6 - Il portierone azzurro - giunto alla 38esima gara stagionale - sembra non sentire affatto la stanchezza. Un'uscita un po' avventata al decimo minuto e poi il vuoto per tutto l'arco del match. Al 90' salva su Felipe Anderson.

Barzagli 6,5 - Ormai è tornato un elemento imprescindibile per la squadra e per tutto il pacchetto arretrato. La sua solidità è impressionante e Felipe Anderson viene annullato.

Bonucci 7 - E' in formissima e già al 24' devia in corner una conclusione di Klose che vale quanto un gol. Poi, dopo appena tre minuti, con una grande discesa di 40 metri, realizza la rete del doppio vantaggio. Difensore e attaccante. Stasera Bonucci è stato davvero decisivo.  

Chiellini 6,5 - Il 30enne bianconero gioca abbastanza bene ma un intervento scomposto nel primo tempo, stava per portare la formazione ospite al pareggio. Per il resto gara alla sua portata.

Padoin 6,5 - Preferito allo svizzero Lichtsteiner, non ha nessun problema nel contenere le sterili iniziative di Lulic e Braafheid. Promosso. 

Vidal 7 - In ballottaggio fino all'ultimo con Pereyra, convince Allegri a schierarlo titolare dopo la buona prestazione in Champions League. Protagonista in occasione del gol di Tevez, si occupa molto della fase difensiva non concendendo mai varchi utili agli avversari. Ritrovato. Dal 83' Sturaro s.v.

Pirlo 6 - Il centrocampista bresciano non ha ancora il ritmo partita ma nonostante ciò vince comunque il duello contro l'argentino Biglia. Dai suoi piedi (magici) inizia l'azione del 2-0. Dal 71' Pereyra 6 - 20 minuti per dare respiro al genio del centrocampo bianconero, in vista del match di mercoledì sera contro il Monaco.

Marchisio 6,5 - Di nuovo nel ruolo naturale d'interno di centrocampo, inizia a destra, per poi spostarsi a sinistra. Una conclusione al 10' è solo l'inizio di quella che sarà una grande prestazione, fatta di sacrificio e tanto cuore. Ammonito, salterà il derby.

Evra 6,5 - Il francese, ormai pedina fissa nel centrocampo bianconero, di testa sfiora il 3-0, sul finire dei primi quarantacinque minuti di gioco. E' l'unico giocatore ammonito fra i padroni di casa. Non era diffidato.

Matri 5,5 - Il peggiore. Schierato a sorpresa al posto di Morata, è l'unico fra i bianconeri a giocare sotto le aspettative. E' vero anche che non gli arrivano molte palle giocabili, ma va detto che però, anche nei movimenti, l'ex Genoa non appare brillante come in altre occasioni. Dal 57' Morata 6,5 - Dà maggior peso alla manovra offensiva juventina, confermando il suo buon momento di forma. 

Tevez 7,5 - Il capocannoniere del torneo, già al centro dei rumors di mercato, torna al gol con uno scatto bruciante nel primo quarto di gara, realizzando così la 26esima realizzazione stagionale. Mette lo zampino anche nella seconda rete, quando si porta via l'avversario, spalancando la via del gol a Bonucci. 'Monstre'. 

All. Allegri 7 - Dopo la scialba prestazione di Parma, la gara di stasera - importante ma non decisiva, come potrebbe essere quella di mercoledì sera a Monaco - inizia con un 3-5-2, preferendo Padoin a Lichtsteiner, confermando Vidal sulla mediana e inserendo, un po' a sopresa, Matri, invece di uno dei due spagnoli Llorente-Morata. In 9 precedenti non ha mai perso contro Pioli e, con la vittoria di stasera, un altro pezzo di tricolore è stato cucito sulla casacca bianconera.

 

LAZIO

Marchetti 6 - Nonostante il problema al setto nasale, si fa trovare subito pronto sulla conclusione dalla distanza di Marchisio dopo appena dieci minuti. Non può nulla sulle reti subite.

Basta 5,5 - Torna titolare dopo il turno di riposo (causa squalifica), al posto di Cavanda. Non gioca male ma, sul secondo gol subito, poteva e doveva essere più accorto. Timido in fase offensiva.

Cana 4,5 - Il peggiore. Era uno dei giocatori con più responsabilità, per via del gravoso compito: ovvero sostituire degnamente de Vrij. Nemmeno trascorrono sedici minuti di gioco che, un suo "rinvio alla carlona" e un avanzamento immotivato dalla linea difensiva, aprono il varco per Tevez che realizza l'uno a zero. Ancora in errore sul secondo gol, quando mostra un'inedeguatezza difensiva troppo palese, preferendo seguire Tevez sull'esterno, anzichè tenere coperta la zona centrale.

Mauricio 5 - Non tanto sul primo, ma quanto sul secondo gol subito non è giustificabile il suo movimento. Provvidenziale intervento in scivolata al 51', che rimedia leggermente alla sua pessima prestazione nel primo tempo.

Braafheid 5,5 - L'olandese è schierato ancora titolare, per via dell'infortunio di Radu. Non riesce mai a dare spinta alla manovra offensiva, ma va detto anche che in fase difensiva non sbaglia nulla. Infatti la Juve attacca sul versante opposto. Dal 46' Candreva 6 - Pioli lo schiera per cercare di risollevare un match difficilissimo. Al 65' spaventa lo Stadium con una potente punizione. L'innesto è azzeccato, perchè nella ripresa la pressione della Lazio è più netta.

Cataldi 5 - Una delle novità del match è la sua presenza in campo nell'undici titolare per colmare l'assenza di Marco Parolo. Approccio da giocatore esperto, è forse il migliori dei mediani laziali. Con un po' di mestiere disturba Evra che stava siglando la terza rete bianconera. Nella ripresa, dopo il forcing del primo quarto d'ora, cala il ritmo. Espulso ingenuamente nel finale. Sarebbe stato il migliore dei suoi.

Biglia 6 - L'antagonista di Andrea Pirlo, risente dopo pochi minuti di uno scontro aereo alla testa che condiziona probabilmente la prima parte di gara. Si alterna con Cataldi nella produzione del gioco e con il passare dei minuti lo fa anche abbastanza bene. Al 70' va anche al tiro ma Buffon respinge. 

Lulic 5,5 - Dopo le buone prestazioni contro Napoli ed Empoli è di nuovo titolare ma stasera non è la serata ideale. Soffre il pressing degli avversari e non riesce mai a trovare gli spazi giusti per le sue percussioni. 

Felipe Anderson 5,5 - Uno degli osservati speciali del match. Un banco di prova importante per questo giovane atleta che stasera stecca la prova dopo molte ottime prestazioni. Al 90' ha l'occasione per siglare il gol della bandiera ma si fa ipnotizzare da Buffon.

Klose 5,5 - Il  tedesco confeziona l'unica vera palla gol creata dai suoi. La sua sfortuna è di trovarsi Bonucci davantì a sè. Con il trascorrere dei minuti però sparisce dal gioco. Dal 90' Ledesma s.v.

Mauri 5 - Il capitano dei biancocelesti viene avanzato per comporre un audace 4-3-3. Marcato a dovere dai difensori avversari, non riesce mai a rendersi pericoloso. Dal 65' Keita 5,5 - Pioli lo getta nella mischia cercando di dare velocità e profondità alla manovra. Tentativo vano.

All. Pioli 6 - Cercava la sua nona vittoria consecutiva sulla panchina della Lazio e il destino ha voluto che sfidasse i campioni d'Italia allo Juventus Stadium. Le scelte erano obbligate e l'unica variante degna di nota è stata la decisione di tenere Candreva fuori dall'unidici titolare per poi inserirlo ad inizio ripresa. Nel secondo tempo, però, la sua squadra mette sotto pressione la Juve, uscendo comunque a testa alta dallo Stadium.

Arbitro: Rizzoli 6,5 – Il miglior arbitro nazionale per la gara più importante di questo scorcio di stagione. Le squadre, sin dai primi minuti, adottano un fair play che agevola il lavoro del fischietto internazionale. Regolare la posizione di Tevez sul primo gol, fuori area il fallo di mano di Chiellini nella ripresa. Corretta, a norma di regolamento, l'espulsione a Cataldi; unico neo un giallo non recapitato a Marchisio, protagonista poco dopo di un brutto fallo su Lulic: il giallo è giusto, ma il centrocampista bianconero rischia grosso.


TABELLINO

JUVENTUS-LAZIO 2-0

Juventus (3-5-2): Buffon; Barzagli, Bonucci, Chiellini; Padoin, Vidal (dal 83' Sturaro), Pirlo (dal 71' Pereyra), Marchisio, Evra; Matri (dal 57' Morata), Tevez. A disp: Storari, Rubinho, Lichtsteiner, Marrone, De Ceglie, Pepe, Coman, Llorente. All. Massimiliano Allegri

Lazio (4-3-3): Marchetti; Basta, Cana, Mauricio, Braafheid (dal 46' Candreva); Cataldi, Biglia, Lulic; Felipe Anderson, Klose (dal 90' Ledesma), Mauri (dal 65' Keita). A disp: Berisha, Strakosha, Ciani, Pereirinha, Onazi, Ederson, Perea. All. Stefano Pioli. 

Arbitro: Nicola Rizzoli della sezione di Bologna

Marcatori: 16' Tevez (T), 27' Bonucci (J),

Ammoniti: 46' Mauricio (L), 49' Lulic (L), 50' Evra (J), 58' Marchisio (J), 59' Candreva (L), 62' Chiellini (J), Cana (L), 

Espulsi: 88' Cataldi (L)




Commenta con Facebook