• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Chievo Verona > Chievo, Bizzarri: "Il Real non faceva per me. Alla Lazio niente meritocrazia"

Chievo, Bizzarri: "Il Real non faceva per me. Alla Lazio niente meritocrazia"

Il portiere dei clivensi si toglie qualche sassolino dalle scarpe


Albano Bizzarri (Getty images)

18/04/2015 10:50

CHIEVO INTERVISTA BIZZARRI A LA GAZZETTA DELLO SPORT / MILANO - Albano Bizzarri, portiere del Chievo, è il protagonista di un'intervista pubblicata oggi da 'La Gazzetta dello Sport':

OBIETTIVO SALVEZZA - "La salvezza del Chievo vale come la Champions League perché qui è indispensabile".

L'ESPERIENZA AL REAL MADRID - "Al Real sono arrivato giovane. Non era il posto per me, infatti ho chiesto di andare via. Grazie ai miei errori, ha iniziato a giocare Casillas. Aveva l’appoggio di tutti e io... meno. Iker era più forte e ha avuto una carriera 10.000 volte migliore della mia".

LA LAZIO - "Quando dissi che a volte la meritocrazia non esiste mi riferivo al periodo alla Lazio: Reja mi disse che dovevo fare il terzo portiere per non disturbare il primo, Muslera. Allora ero poco sponsorizzato, ma per me la concorrenza è fondamentale. Mi allenavo sapendo che non sarei stato valutato".

BARDI - "Francesco è un ottimo portiere, spero sia titolare all’Europeo Under 21. Purtroppo gioca un solo portiere e per continuità questa è la mia stagione migliore".

FUTURO - "Ho rifiutato un triennale perché mi sento vecchio? Più o meno. Qui, però, l’ambiente è unico: se perdi due partite, tutti ti dicono 'Stai tranquillo, ora risaliamo'. In Argentina, se perdi due partite, l’insulto più piccolo coinvolge tua mamma e tua nonna".




Commenta con Facebook