• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI WOLFSBURG-NAPOLI

PAGELLE E TABELLINO DI WOLFSBURG-NAPOLI

Stupendi Hamsik e Higuain, preziosissimo Callejon. I tedeschi disastrosi con Guilavogui e Dost


Gonzalo Higuain (Getty Images)
Antonio Papa (Twitter: @antoniopapapapa)

16/04/2015 23:12

ECCO LE PAGELLE DI WOLFSBURG-NAPOLI:

 

WOLFSBURG

Benaglio 5 - Salva un gol fatto ad Higuaìn con una gran parata, ma è come togliere acqua dallo scafo con un bicchierino da caffè. Impallinato ad ogni occasione buona, alla fine, quando si lascia sfuggire il colpo di testa di Gabbiadini, fa quasi tenerezza.

Vierinha 5 - Ha preso il numero di targa di Mertens e anche quello di Ghoulam ma probabilmente la polizia locale gli risponderà picche. Demolito anche lui dagli azzurri e dal loro stato di grazia.

Naldo 5 - In barca con tutta la difesa che dovrebbe guidare e che infatti guida contro un iceberg. In difficoltà in velocità, ed era normale visto il fisico, ma anche in marcatura, e questo è già un po' più strano. Ma se non è serata non è serata.

Knoche 4,5 - Il momento in cui Higuaìn lo salta e si invola verso la porta, neutralizzato poi da Benaglio, è la fotografia di una serata in costante difficoltà, con gli avversari che gli sfuggono da ogni dove. Tre dei quattro gol arrivano dal suo lato. E non è un caso.

Rodriguez 4,5 - Uno degli esterni più quotati al mondo, si ritrova improvvisamente contro l'incredibile rivoluzione di Maggio e Callejon, che lo demoliscono sotto tutti i punti di vista. Asfaltato.

Luiz Gustavo 4,5 - Benìtez lo aveva indicato un po' come il tassello mancante della sua formazione e non aveva torto. Stasera, però, i centrocampisti del Napoli decidono di 'vendicarsi' e lo massacrano senza appello. Serataccia anche per lui.

Guilavogui 4 - Serata da censurare per il medianone francese che non la vede mai e mette la pietra tombale sulla partita con quel disimpegno 'horror' all'origine dello 0-3 di Hamsik. Dal 70' Arnold s.v.

Caligiuri 5,5 - Esterno più di corsa che di qualità, il tecnico lo sposta sulla sinistra per coprire le scorribande degli scatenati Maggio e Callejòn. Si impegna tanto ma combina poco anche lui.

De Bruyne 5 - Il suo movimento tra le linee dovrebbe mandare in crisi la linea mediana avversaria ma non è per niente in giornata. Giusto il filtrante per Guilavogui che poi non capitalizza, poi poco altro. 

Schuerrle 4,5 - Fa urlare lo stadio con un missile neutralizzato alla grande da Andujar, unico brivido azzurro che per giunta arriva alla fine del primo tempo. Poi scompare dai radar, un po' come era stato prima di quel tiro insidioso. Anzi no, sotto i riflettori c'era stato dieci minuti prima, quando Maggio lo aveva beffato in occasione del 2-0. Dal 63' Perisic 7 - L'unica azione pericolosa prima del gol porta la sua firma, con un missile dalla distanza che fa tremare Andujar, poi l'azione per il gol di Bendtner, a cui recapita un assist che il danese deve solo appoggiare in porta. Il rimpianto più grande della serata dei tedeschi.

Dost 4 - Tocca pochissimi palloni, non ne concretizza neanche uno. Se non segna da un mese e mezzo, un motivo ci sarà. Dal 57' Bendtner 6,5 - Fa subito valere il fisico in mezzo agli avversari, capitalizza al meglio uno dei pochi palloni buoni che gli arrivano dai compagni. Il suo dovere lo fa eccome.

All. Hecking 4 - Qualcuno dovrà spiegare ai tifosi del Napoli che lo spauracchio tedesco della vigilia non è la squadra disastrosa vista stasera. Parliamo di una formazione che semplicemente non è scesa in campo e che, in una sola partita, ha buttato alle ortiche una competizione che poteva vincere. Dovrà rendere conto anche del motivo per il quale ha lasciato in panca Bendtner e Perisic, i migliori in campo fra le fila del suoi. 


NAPOLI

Andujar 7 - Una parata strepitosa a fine primo tempo che bissa un intervento di pochi minuti prima sui piedi di Dost. Altro paratone nella ripresa su Guilavogui. E' nel momento migliore della sua carriera e lo sta cavalcando alla grande. 

Maggio 7,5 - De Bruyne ha ancora mal di testa dopo la finta incredibile che dà il via all'azione dello 0-2. Sì, era Maggio, incredibile ma vero. Esemplare anche come terzino, una prestazione inverosimile. Del resto si sa, nelle occasioni importanti sono i senatori a guidare la barca. 

Albiol 6,5 - La squadra gira alla grande e gira alla grande anche lui, che si riprende la scena con un paio di chiusure di alto livello. Piccole amnesie di poco conto, per il resto ricorda a tutti perché 'Don Rafa' lo ha pagato così tanto e gli ha consegnato in mano le chiavi della difesa.

Britos 7 - Un paio di chiusure che fanno gridare al miracolo, grinta da vendere, una solidità e una concentrazione mai vista prima. Un leone. Di sicuro la miglior partita da quando è a Napoli. 

Ghoulam 7 - Guardingo nel primo tempo, dove più che altro riesce (benissimo) a mettere la museruola prima a Caligiuri poi a Schuerrle. Prende coraggio nella ripresa e dopo aver mortificato gli esterni alti va ad attaccare anche Vieirinha. Mission complete.

David Lopez 6,5 - In qualche momento perde un po' la bussola ma torna sempre al suo posto come un soldato diligente quale è. Al posto giusto al momento giusto, dà grande equilibrio alla squadra.

Inler 7 - A proposito di leoni, lui e quella maschera con la quale si presentò a Napoli. Chiude tutti gli spazi, contrasta con prepotenza e fa ripartire il gioco. Anche lui sembra un altro giocatore

Callejòn 7,5 - Gioca praticamente da terzino aggiunto, aiuta Maggio ogni volta che può, è più nella propria metà campo che in quella avversaria eppure sa sempre ripartire di gran carriera quando il gioco si ribalta, come dimostra con l'assist per il 3-0. Un giocatore straordinario, ed è anche per questo lavoro sfiancante che sta segnando di meno. 

Hamsik 8,5 - Pressa come un matto, si infila negli spazi con una cattiveria bestiale, raccoglie lo splendido assist del 'Pipita' per il raddoppio. Si ripete nella ripresa raccogliendo il pallone di Callejon e scaraventandolo in rete. Ma la cosa più bella della serata non sono i due gol, è il suo sorriso finalmente ritrovato, anche più importante del ruolo fondamentale ritrovato all'interno della squadra. Bentornato capitano. Dal 74' Gabbiadini 7 - Entra, respira un paio di boccate e ha subito sulla testa il pallone dell'umiliazione, non fa una grinza e lo mette dentro con semplicità disarmante. Non a caso lo chiamano 'Il freddo'.

Mertens 6,5 - Un grandissimo pallone ad Higuaìn, uno dei suoi, che lancia in porta l'argentino per il primo urlo azzurro. Nella ripresa tira un po' i remi in barca e Benìtez giustamente lo cambia. Dal 60' Insigne 7 - Dopo un paio di minuti va vicino al gol, poi regala un paio di accelerazioni delle sue, infine serve all'altro nuovo entrato Gabbiadini il pallone che chiude il match. Da quando è tornato non sbaglia un colpo. 

Higuaìn 8 - Feroce come una tigre, vuole il trofeo e il titolo di capocannoniere ed è intenzionato ad usare ogni mezzo per ottenerli. Addomestica il pallone dell'1-0 con qualsiasi parte del corpo, poco dopo ha un pallone buono sulla trequarti e squarcia uno abisso per Hamsik, che si infila e fa 2-0. Nella ripresa manda al manicomio Knoche ma spara su Benaglio. Sarebbe stato la ciliegina su una partita strepitosa. Dall'85' Henrique sv

All. Benìtez 9 - Ma che cos'era quest'ufo che è passato sul cielo di Wolfsburg e ha spazzato via la squadra rivelazione della stagione? Il Napoli aspetta al varco i tedeschi e ogni volta che mettono la testa fuori li tramortisce con una cattiveria e un cinismo inverosimile. Qualificazione ipotecata, ora dovrà guardarsi dai gufi perché i favoriti per la vittoria finale sono i suoi uomini, senza se e senza ma. Comunque se giocasse sempre così questo Napoli forse vincerebbe pure la Champions League.  

Arbitro: Lajos 5,5 - Il gol di Higuaìn è viziato da uno stop di mano in corsa a sua volta viziato da una spinta evidente di Rodriguez: difficilissimo da vedere. Ha un metro di giudizio molto largo ma comunque omogeneo, se non fosse per l'errore di valutazione sullo 0-1 parleremmo di una buona direzione di gara.

 

TABELLINO

WOLFSBURG-NAPOLI 1-4

Wolfsburg (4-2-3-1): Benaglio; Vieirinha, Knoche, Naldo, Rodriguez; Guilavogui (dal minuto 70 Arnold), Luiz Gustavo; Caligiuri, De Bruyne, Schurrle (dal minuto 64 Perisic); Dost. A disp.: Grun, Schafer, Klose, Bendtner, Trasch. All.: Hecking

Napoli (4-2-3-1): Andujar; Maggio, Albiol, Britos, Ghoulam; Inler, David Lopez; Callejon, Hamsik (dal minute 75 Gabbiadini), Mertens (dal minute 60 Insigne); Higuain (dal minute 86 Henrique). A disp.: Rafael, Koulibaly, Gargano, Jorginho. All.: Benitez

Arbitro: Lahoz (SPA)

Marcatori: 15’ Higuain, 24’ e 64’Hamsik, 77’ Gabbiadini (N), 80' Bendtner (W)

Ammoniti: 80’ Bendtner (W)




Commenta con Facebook