• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, Capello: "Striscione contro Pallotta? Punto di non ritorno anche per tifosi"

Roma, Capello: "Striscione contro Pallotta? Punto di non ritorno anche per tifosi"

Il Ct della Russia si è espresso sul malumore della piazza capitolina


Fabio Capello © Getty Images

14/04/2015 12:01

ROMA CAPELLO STRISCIONE PALLOTTA TIFOSI / ROMA - I tifosi della Roma non hanno ovviamente digerito il sorpasso in classifica dei cugini della Lazio, come dimostra anche lo striscione apparso ieri a Trigoria contro il presidente Pallotta. Sulla questione si è espresso Fabio Capello, ex tecnico dei giallorossi: "Lo striscione contro Pallotta punto di non ritorno? Dovrebbe essere il punto di non ritorno per tutti. A partire da questi momenti. Io l'ho sempre detto, l'ho sempre fatto. Probabilmente ero uno dei pochi che aveva il coraggio di dirlo - ha detto l'attuale Ct della Russia, a margine dei 'Laureus Awards' di Shanghai, come riporta 'AdnKronos' - Una delle cose più brutte che mi sia capitata nel calcio è quando dopo la sconfitta che subimmo contro l'Atalanta arrivarono i tifosi della Roma, gli ultras, e noi dovemmo andare lì di fronte; io ero assolutamente contrario a questa decisione però il presidente disse che dovevamo fare questo ed essendo un dipendente ho accettato, ma malvolentieri, infatti rimasi molto lontano dalla rete, andò a parlare Totti e basta".

DECISIONI SERIE - "Dobbiamo essere giudicati per quello che facciamo e non davanti a dei tribunali inventati da persone con la fedina penale non puramente pulita - ha proseguito Capello - È il limite principale in tutti i posti, non solo a Roma, non vedo per quale motivo uno deve fare questo. Sono dispiaciuto che questo succeda continuamente e non si prendano delle decisioni serie".

G.M.




Commenta con Facebook