• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI MILAN-SAMPDORIA

PAGELLE E TABELLINO DI MILAN-SAMPDORIA

de Jong salva i rossoneri. Eto'o dipinge ancora calcio. Male i terzini sinistri: giu' sia Antonelli, sia Mesbah


La Sampdoria (Getty Images)
Stefano Carnevali

12/04/2015 22:45

ECCO LE PAGELLE DI MILAN-SAMPDORIA:

 

MILAN

Diego Lopez 6 – Qualche brivido sulle conclusioni dalla distanza dei blucerchiati, ma primo tempo tranquillo. Tradito dalla barriera, al 54', para bene su Eder. Nulla può su Soriano per il vantaggio della Samp. Poi non deve più fare nulla.

Abate 5,5 – E' sempre propositivo ma risulta troppo impreciso per contribuire in modo significativo alla causa rossonera. Dal 71' De Sciglio 5 - Si presenta con un retropassaggio errato: tanta paura, idee poco chiare. Grigio.

Paletta 6 – Pochi brividi: si occupa dell'isolatissimo Okaka e non ha troppi problemi. Le chiusure più importanti sono sempre sue. 

Mexes 5,5 – Solite leggerezze durante i primi minuti. Errori di posizionamento e anche di palleggio. Male anche in avvio di ripresa, qunado si perde Okaka nella prima occasione per la Samp. Rivedibile anche quando contrasta Eto'o nell'azione del gol degli ospiti. Beffato anche da Muriel al 33' della ripresa. Per sua fortuna salva tutto de Jong.

Antonelli 5 – Approccio al match non molto positivo: nonostante la grande corsa, risulta poco preciso nella gestione del pallone. Non molto meglio nel secondo tempo. Si perde Soriano sul gol. Tanti errori nel finale. 

van Ginkel 6 – Questa volta sembra metterci la giusta personalità:  è il primo rossonero a impegnare Viviano. Poi, però, torna a essere un po' troppo compassato e via via si spegne. 

de Jong 6,5 – Comincia con grande grinta, sradicando numerosissimi palloni. Poi si siede un po': il Milan deve fare la partita e lui è meno utile. In un momento difficilissimo trova - con molta fortuna - un gol davvero pesante. Finale gagliardo: al 33' rimedia a un altro buco di Mexes con un clamoroso recupero. Decisivo anche all'80' su Eto'o.

Bonaventura 5,5 – Non è in gran serata: forse risente di una condizione fisica non perfetta, e di fatto si accontenta di traccheggiare sul centro-sinistra del centrocampo senza incidere mai. 

Cerci 5,5 – Prova guizzi e scatti come ai tempi del Torino, ma non ha l'esplosività dei bei tempi. Al 32' ha una grande occasione ma perde colpevolmente l'attimo per puntare la porta blucerchiata. Al 44' ha un'altra grande occasione, nel primo passaggio a vuoto della difesa avversaria, ma calcia alto da posizione favorevolissima. Vivace, ma troppi errori. Dal 62' Suso 6,5 - Dopo qualche tentennamento, diventa uno dei rossoneri più propositivi. Colpisce anche un palo clamoroso. 

Destro 5,5 – Più coinvolto nel gioco rispetto al recente passato. Riceve un buon numero di palloni e, nel primo tempo, si costruisce anche un paio di occasioni di rilievo. Non ha però la forza e la determinazione per concretizzarle. Non pervenuto nella ripresa. Si rivede a 20' dalla fine, quando spreca una grande occasione facendosi chiudere da Palombo. Esce dopo un brutto colpo. Dal 77' Pazzini SV - Poco servito, viene stritolato dalla coriacea difesa avversaria.

Menez 5,5 – Comincia la partita in modalità 'paraocchi': gioca solo con la palla tra i piedi e non vede nessuno dei compagni che si propongono. Le giocate migliori, però, passano sempre dai suoi piedi. Da una palla persa in modo assurdo, nasce il gol della Samp. Da lì in poi scompare inanellando errori in serie. Si riaccende a 20' dalla fine dando una gran palla a Destro. Poi ancora troppi leziosismi e testa sempre bassa. 

All. Inzaghi 5,5 – Un po' di continuità, in termini di formazione. Dopo un buon avvio, però, il Milan perde un po' il filo del gioco. Costretti a fare la partita, i rossoneri mettono in mostra i limiti del loro gioco.

 

SAMPDORIA

Viviano 6 – Il Milan arriva spesso dalle sue parti, ma non riesce quasi mai a tirare. Le uniche arate el primo tempo sono soprattutto in risposta a conclusioni da lontano. Nulla può sul gol del Milan. Salvato dal palo sul gran tiro di Suso.

De Silvestri 5,5 – Bel duello con Antonelli. Soprattutto sul piano della corsa perché gli errori di palleggio dei due esterni non sono pochi. Cresce nel secondo tempo. Dall'88' Wszolek SV -.

Silvestre 7 – Grande lavoro di chiusura spazi e raccordo del reparto difensivo: la Samp non concede mai varchi ai talentuosi giocatori offensivi avversari. In alcune occasioni Destro lo sembra sorprendere ma, in un modo o nell'altro, riesce sempre a rimediare. Miracoloso nel finale su Pazzini.

Romagnoli 7 – Grande primo tempo: prestante di testa, rapido sulle gambe e tatticamente preciso. Ottimo al 32' su Cerci. Solido anche nella ripresa. 

Mesbah 5 – Fa fatica: Abate spinge con costanza e anche Cerci è molto attivo. Lui non è un argine utile. Troppo timido anche in tutto il secondo tempo.

Palombo 6,5 – Molto basso. Il suo compito principale è proteggere la difesa e fare da primo incontrista nei confronti dei portatori di palla rossoneri.

Obiang 6 – Cerca di fare un po' di gioco – e la Samp ne avrebbe bisogno -, ma le geometrie non sono nelle sue corde. Salvataggio importantissimo su van Ginkel in avvio di ripresa. Il suo secondo tempo è evidentemente migliore (soprattutto in fase di rottura).

Eder 5,5 – Avvio molto poco preciso. Patisce i tanti metri di distanza dalla porta, finendo per farsi apprezzare maggiormente per i ripiegamenti difensivi. Si vede molto poco anche nella ripresa. 

Soriano 6,5 – Un po' fuori dal gioco. Non trova facilmente la posizione e sembra tra i più in difficolta con il nuovo modulo. Nella ripresa gioca molto più largo e va meglio. Non a caso trova il gol del vantaggio ospite. Dal 65' Duncan 5,5 - Buon approccio alla gara: deve fare densità e non si tira certo indietro. In due minuti dalle stelle alle stalle: prima salva sulla linea un colpo di testa di Mexes, poi spiazza Viviano sulla conclusione di de Jong.

Eto'o 7 – Si propone con continuità e piace per la qualità delle giocate. Meno positivo per la generosità di movimento e ripiegamento. Non molto attivo nel secondo tempo, ma confeziona la grande palla per il gol di Soriano.

Okaka 5,5 – Molto isolato. Non riesce mai a entrare in area né a far salire la squadra. Nel secondo tempo è un po' più propositivo, ma commette tanti errori. Dal 73' Muriel 5,5 - Non ha un buon impatto: troppo morbido e lezioso.

All. Mihajlovic 6 – La Samp mostra la consueta organizzazione difensiva, non pagando dazio alla nuova impostazione tattica (il 4-2-3-1). Qualcosa in meno funziona in avanti: Eder ed Eto'o sono molto lontani dalla porta. A dimostrazione di una difficoltà c'è il fatto che i blucerchiati, nel primo tempo, in area non entrano mai. Meglio la disposizione della ripresa. Dopo il gol Samp ancora più quadrata. Qualche sofferenza di troppo nel finale. 

 

Arbitro: Rocchi 6 – L'unico brivido del primo tempo è dato dallo spegnimento improvviso di parte dei riflettori del 'Meazza'. Al 15' del secondo tempo grazia il già ammonito Obiang. Dubbi al 64' quando lascia correre un contrasto di De Silvestri su Menez, lungo il lato corto dell'area doriana. Manca un giallo anche a Silvestre, al 73'. Qualche dubbio nel recupero quando Menez va giù nell'area della Samp.

 

TABELLINO

MILAN-SAMPDORIA 1-1

MILAN (4-3-3): D. Lopez; Abate (71' De Sciglio), Paletta, Mexes, Antonelli; van Ginkel, de Jong, Bonaventura; Cerci (62' Suso), Destro (77' Pazzini), Menez. All: Inzaghi

SAMPDORIA (4-2-3-1): Viviano; De Silvestri (88' Wszolek), Silvestre, Romagnoli, Mesbah; Palombo, Obiang; Eder, Soriano (65' Duncan), Eto'o; Okaka (73' Muriel). All: Mihajlovic

Arbitro: Rocchi

Marcatori: 58' Soriano (S); 75' de Jong (M)

Ammoniti: 41' Obiang, 95' Wszolek (S); 52' Paletta, 83' de Jong, 95' Mexes (M)

Espulsi:

Note: Al 37' la partita è interrotta per lo spegnimento parziale dei riflettori dello stadio. Il gioco riprende dopo qualche minuto.




Commenta con Facebook