• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > Roma-Napoli, Giudice sportivo: Curva Sud chiusa per striscioni su madre Esposito

Roma-Napoli, Giudice sportivo: Curva Sud chiusa per striscioni su madre Esposito

La decisione dopo gli striscioni contro la madre del tifoso ucciso


Curva Sud contro madre Ciro Esposito (Calciomercato.it)
Matteo Torre (@torrelocchetta)

07/04/2015 17:00

ROMA NAPOLI GIUDICE CURVA SUD / ROMA - Il Giudice sportivo ha preso una decisione sugli striscioni contro la madre di Ciro Esposito in Roma-Napoli. Tosel ha deciso la chiusura per un turno della Curva Sud, da scontare nella gara casalinga dei giallorossi contro l'Atalanta.

Questo il testo del comunicato ufficiale: "Letta la relazione dei collaboratori dal Procuratore federale nella quale, tra l’altro, si attesta che i sostenitori della squadra giallo-rossa collocati nel settore denominato 'Curva Sud', all'inizio della gara ed al 40° del primo tempo, esibivano quattro striscioni, dal tenore provocatoriamente insultante per la madre di un sostenitore della squadra avversaria, deceduto in drammatiche circostanze; rilevato altresì che dal medesimo settore, al 3°, 14°, 22° e 40° minuto del primo tempo, venivano ancora una volta indirizzati ai tifosi partenopei insultanti cori espressivi di discriminazione per motivi di origine territoriale; considerata la gravità di tale comportamento, idoneo ad acuire il clima di tensione tra le opposte tifoserie: non ricorrendo il concorso delle circostanze ad effetto attenuante ex art. 13 n. 2 CGS; visti gli artt. 12, nn 3 e 6, e 18, n 1 lett. e) CGS; Per questi motivi delibera di sanzionare la Soc. Roma con l’obbligo di disputare una gara con il settore denominato 'Curva Sud' privo di spettatori". 

 




Commenta con Facebook