• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Roma-Napoli, Benitez: "Futuro? Parlerò con De Laurentiis. Insigne mi ha impressionato"

Roma-Napoli, Benitez: "Futuro? Parlerò con De Laurentiis. Insigne mi ha impressionato"

Le parole del tecnico spagnolo alla vigilia della sfida dell''Olimpico'


Rafa Benitez (Getty Images)
Lorenzo Polimanti (@oldpoli)

03/04/2015 12:30

DIRETTA ROMA NAPOLI CONFERENZA STAMPA BENITEZ / NAPOLI - E' la vigilia del grande appuntamento, il big match dal profumo d'Europa. A 24 ore dalla gara dell''Olimpico' contro la Roma, il tecnico Rafael Benitez incontra i cronisti in conferenza stampa per fare il punto sulle ultime news Napoli

PARTITA - "E' una partita importante, mancano tante partite e tanti punti. Soprattutto alla fine abbiamo partite che si possono vincere per questo è importante fare bene adesso. E' importantissima ma dobbiamo continuare a lavorare sapendo che mancano nove partite. Sicuro che è una sfida per la Champions, l'ho detto anche ai giocatori. Possiamo avvicinarci in classifica, ma dobbiamo essere attenti perché manca ancora tanto. Dobbiamo mantenere il livello perché poi abbiamo anche la Coppa Italia e l'Europa League. Mi piacerebbe giocare come all'andata, una partita fantastica, però anche con l'Inter in casa per 70' è stata di altissimo livello. E' il Napoli che vogliamo vedere tutti e mi aspetto lo stesso livello domani. In queste partite la squadra non ha reagito bene agli episodi negativi perché manca ancora la maturità. Credo che se siamo concentrati e facciamo quello che abbiamo fatto anche in tante partite in Europa League possiamo andare a Roma per vincere. La maturità è anche reagire bene agli errori".

FUTURO - Benitez, poi, si sofferma sulle insistenti voci di calciomercato, secondo le quali potrebbe lasciare il Napoli a fine stagione: "Ne parliamo tante volte. Nelle prossime settimane vedrò il presidente e ci ragioneremo. Non lo ripeterò più. Parleremo del mio futuro cercando sempre il meglio per il Napoli. Chiaro che non c'è nulla di sicuro. Sono sempre positivo. Credo che la squadra farà bene, siamo ancora su tre fronti e mi sembra positivo. Il mio futuro non è solo una questione di qualificazione o meno, vedremo. Quando uno ha la mentalità di vincere la trasporta anche ai giocatori. Anche al Chelsea, nonostante sapessi che sarebbe arrivato un altro allenatore, ho vinto l'Europa League".

HIGUAIN - "E' a posto, ci ho parlato stamattina. Abbiamo lavorato bene, oggi sta molto meglio. Ho visto la squadra bene come al solito".

INSIGNE - "Sono positivamente impressionato perché l'ho visto bene in settimana. Sarà un valore aggiunto. Schierabile subito? Non è facile. Dopo qualche mese fuori sta meglio, come Zuniga".

FINALE DI STAGIONE - "Gli scontri diretti possono cambiare tutto. Dobbiamo concentrarci solo sulla partita successiva. La squadra sta bene, ma dipende anche dal risultato. Come con l'Inter, è bastato un errore alla fine per pareggiare, anche se avevamo giocato bene".

ROMA - "Sappiamo tutti che giocare là non è facile. Garcia è un allenatore con esperienza e sa cosa deve fare. Sicuramente con i giocatori che hanno faranno bene, anche con gli assenti hanno sostituti all'altezza. Andiamo là per vincere, però sappiamo che non è una piazza facile".

GARGANO - "Sta bene, tutti i convocati possono dare una mano. E' un giocatore importante".

CALLEJON - "Può succedere che manchi un po' di lucidità in zona gol, può dipendere anche dalla fortuna spesso. E' il giocatore che corre di più ed è il più veloce. Sforzo ed intensità ci sono, però gli manca il gol ed un po' di fiducia. Si sbloccherà".

CAMPIONATO - "La Juventus è la squadra più forte, si sapeva. Allegri sta dimostrando il suo valore. Per la Roma non è sempre facile fare il record di punti. Credo sia positivo per il calcio italiano avere tante squadre in pochi punti. Avremmo potuto fare meglio anche noi".

OBIETTIVI - "L'obiettivo è lasciare il Napoli per 25 anni a questi livelli perché così puoi vincere qualcosa per strada. Ma non è facile, perché le altre squadre possono spendere di più. Abbiamo fatto un passo avanti. Siamo in una posizione molto buona, sicuramente vogliamo essere molto più avanti".




Commenta con Facebook