• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, Tiago: "In Italia il punto più basso della mia carriera". Su Ranieri...

Juventus, Tiago: "In Italia il punto più basso della mia carriera". Su Ranieri...

Il mediano ora milita nell'Atletico Madrid, squadra con la quale ha dimostrato il proprio valore


Tiago Mendes (Getty images)
Omar Parretti (@omarJHparretti)

02/04/2015 18:20

JUVENTUS TIAGO RANIERI ATLETICO MADRID INTERVISTA / LISBONA (Portogallo) - I tifosi della Juventus si ricorderanno sicuramente di Tiago Mendes, centrocampista arrivato nel calciomercato estivo del 2007 dal Lione, e senza dubbio i ricordi non sono positivi. Per il portoghese prestazioni tutt'altro che memorabili con la maglia bianconera e tre anni costellati da critiche ed infortuni a catena, per quello che era stato un acquisto carico di aspettative. I tempi per il regista sono decisamente cambiati: con l'Atletico Madrid di Simeone è riuscito a rilanciarsi vincendo trofei e ben figurando con i 'Colchoneros'.

Il 33enne però si ricorda eccome i tempi in Italia ed in un'intervista al magazine ufficiale della Federazione calcistica del Portogallo si è confessato: "Per un giocatore quando si cambia paese e quindi stile di gioco è fondamentale avere la piena fiducia dell'allenatore che si incontra. Con Ranieri però non c'è stata sintonia fin dal primo momento - ha esordito - Sarei voluto andare via immediatamente". L'impatto con la squadra piemontese e con la Serie A non è stato quindi affatto semplice, poi però la svolta nella testa di Tiago: "Ho perso un anno in pratica. Da lì in poi ho deciso che serviva una svolta. Ho dimostrato che attraverso il lavoro si poteva arrivare ai proprio obiettivi e le cose si sono messe in maniera diversa".

Dai problemi di ambientamento nella comapagine bianconera ai problemi con la carta stampata, rea di averlo messo dopo poco nell'occhio del ciclone. "Ho sofferto parecchio anche le critiche e la pressione mediatica: fui l'acquisto più caro della Juve di quell'anno (14 milioni di euro, ndr). Ho vissuto il momento più negativo della mia carriera in Italia". La news Juventus regalata dal portoghese getta quindi di nuovo ombre su quel periodo per la società piemontese, che però è riuscita a rialzarsi attraverso campagne estive di calciomercato azzeccate e successi sul campo, siglati prima dell'era Conte ed adesso dalla gestione del tecnico Massimiliano Allegri.




Commenta con Facebook