• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, Allegri: "Ero tifoso bianconero. Monaco? Non sarà facile"

Juventus, Allegri: "Ero tifoso bianconero. Monaco? Non sarà facile"

Il tecnico ha interagito con i tifosi su 'Twitter'


Massimiliano Allegri (Getty Images)
Matteo Zappalà (@matteobegbie)

01/04/2015 14:29

JUVENTUS ALLEGRI INTERVISTA TWITTER / TORINO - L'allenatore bianconero Massimiliano Allegri ha parlato delle ultime news Juventus in una video chat con i tifosi organizzata su 'Twitter'. Calciomercato.it vi riporta le dichiarazioni più interessanti.

TIFOSO BIANCONERO - "I ricordi della Juventus di quando ero piccolo sono tantissimi. Quando riuscivo e potevo venivo al 'Comunale' a veder giocare i bianconeri. La grande Juventus di Platini, Scirea, Zoff. Quindi ho ottimi ricordi. 

CHAMPIONS LEAGUE - "Ero molto fiducioso fin dall'inizio, ma sicuramente dopo il ritorno con l'Olympiacos ho creduto nella qualificazione. Dobbiamo credere che possiamo proseguire ancora, anche se la partita con il Monaco non è assolutamente facile e sarà più complicata di quello che sembra".

PEREYRA - "Può migliorare in fase realizzativa, ma ha già dato tanto. Sono orgoglioso di come si è calato nella nostra mentalità".

POGBA - "Piuttosto che da trequartista credo che dia il meglio nei tre di centrocampo".

REGOLE DA CAMBIARE - "Se avessi la possibilità cambierei la regola del fuorigioco, perché non è molto chiara".

COPPA ITALIA - "Manca da tanto, faremo di tutto per conquistarla. Possiamo ribaltare l'andata".

GIRO DI CAMPO - "Lo faccio se riusciamo a vincere lo scudetto".

GESTIONE DEL GRUPPO - "Bisogna toccare le corde giuste, ma sono aiutato da un gruppo che ha fame di vincere sempre".

TIMORE DI INIZIO STAGIONE - "Temevo di non riuscire ad entrare nel cuore dei tifosi. Avevo promesso di farlo con i risultati".

SCETTICISMO DEI TIFOSI - "Ho perdonato perché era giusto perdonare. Credo sia stata una cosa normale quella che è capitata a luglio. Ciò che è successo alla Juventus in quel periodo è stato un po' un fulmine a ciel sereno. Solo con il lavoro e con il rispetto verso i tifosi abbiamo lavorato bene. Stiamo facendo un'annata buona che va conclusa ottimamente visto che non abbiamo ancora vinto né campionato né siamo arrivati in fondo in Champions League e Coppa Italia".
 




Commenta con Facebook