• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Inter > Inter, ESCLUSIVO agente Thiago Motta: "Non c'è nulla, ma fa piacere". E sulla deregulation...

Inter, ESCLUSIVO agente Thiago Motta: "Non c'è nulla, ma fa piacere". E sulla deregulation...

Il procuratore del centrocampista italo-brasiliano intervistato, in esclusiva, da Calciomercato.it


Thiago Motta (Getty Images)
ESCLUSIVO
Alessio Lento (@lentuzzo)

25/03/2015 12:37

CALCIOMERCATO INTER THIAGO MOTTA AGENTE ESCLUSIVO PSG / ROMA - Nonostante l'addio all'Inter nell'estate del 2012, il nome di Thiago Motta continua ad essere accostato al club nerazzurro in vista della prossima stagione. Anche stamane alcuni organi di stampa hanno rilanciato questa indiscrezione.

"Non c'è nulla, ma sono voci che fanno piacere - ha esordito Alessandro Canovi, agente di Thiago Motta, a Calciomercato.it - Ha ancora un anno di contratto con il Paris Saint-Germain e a breve dovremo discutere per capire quali sono le idee per il futuro, i progetti. E poi si vedrà. Thiago ha ancora una volta dimostrato contro il Chelsea in Champions League che tipo di giocatore è, per me di livello assoluto. E, ripeto, fa piacere che una squadra dove ha già giocato possa pensare nuovamente a lui. Vuol dire che ha fatto bene, il suo essere onesto e sincero paga. Ma, ad oggi, non c'è davvero niente, si tratta solo di rumors".

DEREGULATION AGENTI FIFA - Dal prossimo 1 aprile entrerà in vigore la deregulation degli agenti voluta dalla Fifa che vedrà inserita la figura dell'intermediario e non più del procuratore con la conseguente cancellazione dell'albo. "Sono vicepresidente della IAFA, un'associazione che in pochi mesi ha raccolto più di 250 iscritti. Abbiamo dei dubbi su questa deregulation, sia di natura giuridica che morale-etica - spiega Canovi a Calciomercato.it - Pagare per fare una professione, senza preparazione, senza esami, senza controlli, mi pare assurdo. Adoro la mia professione, ma vorrei che la facessero persone preparate per evitare di avere i 'nuovi Manenti' anche tra i procuratori, come ho avuto già modo di dire attraverso Twitter. Vedremo cosa proporrà il Consiglio Federale, anche perché credo che la questione morale-etica debba andare di pari passo con quella giuridica", ha concluso Canovi ai nostri microfoni.




Commenta con Facebook