• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI MONACO-ARSENAL

PAGELLE E TABELLINO DI MONACO-ARSENAL

Abdennour e Kondogbia due muri, Berbatov e Martial isolati; bene Giroud e Welbeck, male Cazorla e Oezil


La disperazione di Olivier Giroud (Getty Images)
Valerio Sesti

17/03/2015 22:55

ECCO LE PAGELLE DI MONACO-ARSENAL:

 

MONACO

Subasic 7Ci mette una pezza per fermare Giroud una prima volta in occasione del vantaggio del francese, ma poi sulla ribattuta l'attaccante dell'Arsenal lo punisce; qualche buon intervento ed uscite sicure. Strepitoso ad una manciata di minuti dalla fine con una parata miracolosa su Sanchez.

Fabinho 5,5 – Meno intraprendente di Kurzawa, bada soprattutto a difendere, ma in avanti non si vede mai. Troppo poco per meritare la sufficienza.

Abdennour 6,5 – Giganteggia in difesa con un paio di interventi provvidenziali, in particolare quando da terra salva su un tiro di Welbeck a botta sicura. Leader.

Wallace 6 – Il difensore brasiliano lotta con grande fisicità contro Giroud badando spesso al sodo e arrangiandosi come può in diverse occasioni.

Kurzawa 5 – Attacca e difende con equilibrio e continuità fino al clamoroso errore con cui propizia lo 0-2 di Ramsey riaprendo di fatto la partita: errore da matita blu.

Toulalan 6 – Il capitano dei francesi conduce una gara intelligente e molto ordinata; non particolarmente propositivo in fase di costruzione.

Dirar 6 – Spicca meno dei due compagni di centrocampo Kondogbia e Moutinho, ma la sua partita è sufficiente in entrambe le fasi. Dall'86' Elderson s.v.

Kondogbia 6,5 – È una vera e propria diga davanti alla difesa: impone la sua fisicità agli avversari ed è il padrone assoluto del centrocampo non solo in fase di contenimento. Diga umana.

Moutinho 6 – Giostra la partita a suo piacimento quando ha il pallone tra i piedi con la sue qualità enormi tecniche; qualche giocata illuminante, ma niente di più.

Martial 5,5 – Come Berbatov tocca molti pochi palloni e mai decisivi: la partita impostata dal Monaco, ovvero prettamente difensiva, non lo aiuta affatto. Dal 60' Ferreira-Carrasco 6 – Lotta come un leone appena entrato e le sue accelerazioni in contropiede tengono in ansia la difesa dei Gunners.

Berbatov 5,5 – Il bulgaro non ha palloni giocabili ed è isolato davanti in mezzo ai due centrali dell'Arsenal. Sconsolato. Dal 70' Bernardo Silva 5,5 – Non è praticamente mai coinvolto nel match a parte con un paio di contropiedi.

All. Jardim 5,5 – I suoi ragazzi sembrano timorosi e non coraggiosi come all'andata; mai pericolosi in attacco, rischiano più volte di subire la rete degli ospiti.

 

ARSENAL

Ospina 6 – L'estremo difensore della nazionale messicana è spettatore non pagante per tutta la partita.

Bellerin 6,5 – Il giovane spagnolo è schierato a sorpresa da Wenger e lui non tradisce le attese: discreta spinta sulla fascia destra ed attenzione in fase difensiva.

Koscielny 6 – Il difensore francese sbaglia un gol incredibile ad inizio match, ma per sua fortuna viene fermato in fuorigioco (inesistente); difensivamente non corre rischi ed è concentrato per l'intera gara.

Mertesacker 6 – Il capitano degli inglesi non è mai impegnato da Berbatov & Co. e conduce un match senza patemi e di grande tranquillità.

Monreal 6,5 – Il terzino spagnolo è intraprendente sull'out sinistro e sempre presente in appoggio all'azione offensiva dei Gunners; accorto in difesa. Dall'83' Gibbs s.v.

Coquelin 6 – Il giovane centrocampista di Wenger offre una prestazione di sostanza in mezzo al campo senza acuti, né errori rilevanti. Dal 63' Ramsey 6,5 – Incide nella partita con un bel gol che riapre la qualificazione; ottima grinta e qualche giocata di livello assoluto.

Cazorla 5 – Lo spagnolo sembra impacciato e poco coinvolto dai compagni; diversi palloni persi e da un giocatore dalle sue qualità è inaccettabile.

Welbeck 6,5 – Grande determinazione per la punta della nazionale inglese che fa tanto movimento e crea non pochi pericoli alla difesa locale. Bel passaggio che propizia il gol di Giroud. Ha una chance pazzesca due minuti dopo il gol di Giroud, ma Abdennour gli strozza l'urlo di gioia in gola. Dal 72' Walcott 6 – Con la sua rapidità dà la scossa ai suoi compagni; colpisce il palo in occasione del gol di Ramsey.

Oezil 5 – Il trequartista tedesco non è mai in partita, tocca pochissimi palloni e non riesce mai ad incidere nella gara. Grande occasione ad inizio ripresa quando su punizione sfiora il raddoppio. A metà ripresa calcia fuori un'ottima chance con un tiro dal limite. Lento e poco determinato soprattutto nel primo tempo. Fantasma.

Sanchez 5,5 – Fa tanto movimento ed è spesso cercato dai compagni, ma il cileno non riesce sempre a pungere realmente e a mettere pienamente in mostra le sue enormi qualità offensive. Nella ripresa si guadagna qualche buon fallo al limite dell'area. Sfiora il 3-0 a pochi minuti dalla fine. Discontinuo.

Giroud 6,5 – Ha un'occasione clamorosa dopo pochi minuti, ma di testa non riesce a punire Subasic; fa grande movimento in avanti lottando su tutti i palloni, ma non sempre è assistito adeguatamente dai compagni. Bel gol da attaccante d'area che ridà speranza ed entusiasmo ai suoi. Altra clamorosa occasione nel recupero del primo tempo. È uno degli ultimi ad arrendersi.

All. Wenger 6,5 – L'Arsenal sfiora il miracolo ma non basta per raggiungere la qualificazione: eliminazione inaspettata dopo il sorteggio degli ottavi, ma nel complesso probabilmente meritata. Completamente sbagliata la partita di andata all'Emirates.

 

Arbitro: Oddvar Moen 6 – Primo episodio da moviola al 17': Wallace colpisce con la mano un cross dal fondo di Welbeck, l'arbitro lascia correre e fa bene, il tocco sembra involontario e sopratutto il braccio è attaccato al corpo; due minuti dopo altro reclamo degli inglesi, ma Kurzawa colpisce di piede e non di mano come richiesto da Cazorla; errore clamoroso del suo assistente quando al 23' segnala un fuorigioco inesistente di Koscielny (che per fortuna della terna norvegese prende un'incredibile traversa da un metro) in quanto la palla viene toccata di testa da Abdennour, quindi da un avversario e non da un compagno di squadra del difensore francese dell'Arsenal; giusta l'ammonizione per simulazione a Sanchez a pochi minuti dalla fine del primo tempo. Seconda frazione condotta con tranquillità e senza particolari errori: sembra corretta la decisione di non dare gol sul colpo di testa di Sanchez e salvataggio sulla linea di Subasic. Qualche fischio un po' troppo “casalingo”.

 

TABELLINO

MONACO-ARSENAL 0-2

Monaco (4-1-4-1): Subasic; Fabinho, Abdennour, Wallace, Kurzawa; Toulalan; Dirar (dall'86' Elderson), Kondogbia, Moutinho, Martial (dal 60' Ferreira-Carrasco); Berbatov (dal 70' Bernardo Silva). A disp.: Stehelenburg, Carvalho, Matheus, Tourè. All.: Jardim.

Arsenal (4-2-3-1): Ospina; Bellerin, Koscielny, Mertesacker, Monreal (dall'83' Gibbs); Coquelin (dal 63' Ramsey), Cazorla; Welbeck (dal 72' Walcott), Oezil, Sanchez; Giroud. A disp.: Szczesny, Gabriel, Chambers, Flamini. All.: Wenger.

Arbitro: Oddvar Moen (NOR).

Marcatori: 36' Giroud (A), 79' Rmasey (A).

Ammoniti: 42' Sanchez (A), 52' Kondogbia (M).

Espulsi: -




Commenta con Facebook