• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Fiorentina-Roma, Garcia: "Sapevamo che la Champions non era per noi"

Fiorentina-Roma, Garcia: "Sapevamo che la Champions non era per noi"

Le parole del tecnico giallorosso alla vigilia dell'andata degli ottavi di finale di Europa League


Rudi Garcia (Getty Images)
Lorenzo Polimanti (@oldpoli)

11/03/2015 20:03

FIORENTINA ROMA CONFERENZA STAMPA GARCIA / FIRENZE - Alla vigilia dell'andata degli ottavi di finale di Europa League contro la Fiorentina, il tecnico della Roma Rudi Garcia è intervenuto in conferenza stampa. Ecco le sue parole: "Contro la Fiorentina abbiamo già giocato tre volte e penso che domani sarà una gara differente dalle altre. Dobbiamo gestire la sfida nei 180 minuti: l’unica soluzione per qualificarci è giocare bene le due partite".

GIOCO - "Fare meglio di quanto fatto contro il Chievo non sarà difficile. Vorrei vedere la Roma di Rotterdam, quella del primo tempo con l’Hellas e quella degli ultimi 20’ con la Juve. Sono fiducioso sulle possibilità dei miei giocatori: possono giocare bene come facevano poco tempo fa. I miei giocatori sanno che dobbiamo essere pronti per qualsiasi atteggiamento dell'avversario. Dobbiamo essere protagonisti e mettere in campo le nostre qualità".

ATTACCANTI - "Noi non abbiamo Totti, loro non hanno Gomez. Ma loro possono schierare Babacar, noi Doumbia, quindi non è detto che giocheremo senza centravanti. Anche senza punta, comunque, ci sarà un altro elemento che può portare caratteristiche differenti e può essere una scelta tattica interessante".

LJAJIC - "E' il nostro miglior marcatore, sta migliorando dall'inizio della stagione e sarà molto importante per noi sia domani che per il resto della stagione. Da quando è arrivato ho sempre detto che ha un talento enorme. Ha preso consapevolezza che lavorando questo talento può diventare letale. E' stato criticato alcune volte l'anno scorso, ma la risposta viene sempre dal campo e lui ha dato la migliore risposta. Ora però non si deve addormentare. E' stato d'esempio".

INTENSITA' - "Mancanza di intensità? Oggi ho avuto paura di perdere due giocatori per infortunio durante la partitella in seguito a dei contrasti, penso sia una buona risposta".

CHAMPIONS LEAGUE - "Sapevamo che non era per noi. Noi vogliamo andare ai quarti di finale. Sappiamo che abbiamo due partite davanti e dopo l'obiettivo principale della stagione rimane la qualificazione per la prossima Champions League".




Commenta con Facebook