• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Napoli > Napoli, De Laurentiis: "Senza modello inglese mi tiro indietro. Su Roma-Feyenoord..."

Napoli, De Laurentiis: "Senza modello inglese mi tiro indietro. Su Roma-Feyenoord..."

Il presidente azzurro parla della ristrutturazione dello stadio 'San Paolo'


Aurelio De Laurentiis ©Getty Images

05/03/2015 18:46

NAPOLI DE LAURENTIIS STADIO MODELLO INGLESE / NAPOLI - Aurelio De Laurentiis è pronto a investire per la ristrutturazione dello stadio 'San Paolo' ma anche a tirarsi indietro se non dovesse essere applicato il modello inglese per i casi di violenza. Intervenuto a una manifestazione al Circolo Canottieri, il patron del Napoli ha dichiarato: "Per lo stadio sono pronto a investire e stiamo lavorando sui progetti per cominciare i lavori entro il primo luglio - le parole riportate da 'correiredellosport.it' - . Ma sono stato chiaro con il presidente del Coni Malagò e il sindaco de Magistriis: dovranno parlare con il ministro Alfano e pretendere che in Italia venga applicato il modello inglese per gli episodi di violenza, altrimenti mi tirerò indietro. Non costruisco nuove struttura per farmele distruggere da chi non ha una cultura sportiva, da chi viene allo stadio senza voler tifare in maniera corretta e sano. Sto scommettendo soldi personali visto che dal fatturato del Napoli non entra più di tanto e li devo mettere io. Per questo de Magistris deve chiamare ad Alfano e dirgli di voltare pagina". 

Nel mirino di De Laurentiis anche quanto accaduto a Roma prima della sfida di Europa League contro il Feyenoord: "Non siamo stati capaci di gestire il flusso di olandesi che non sono nigeriani, con tutto il rispetto che ho dei nigeriani". 

Lo sfogo del presidente azzurro continua: "Quando ho saputo che volevano chiudere lo stadio domenica per Napoli-Inter mi è venuta una vampata. Ho detto chiamatemi il prefetto di Napoli, chiamatemi Panico, chiamatemi Alfano, voglio spiegazioni di questa infamia che si sta realizzando alle spalle dei napoletani, per trenta cretini che hanno assaltato un commissariato. Se vogliamo dare una lezione facciamolo con i giusti distinguo". 

B.D.S.

 




Commenta con Facebook