• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma-Juventus, Garcia: "La nostra reazione è stata eccezionale. Meritavamo la vittoria"

Roma-Juventus, Garcia: "La nostra reazione è stata eccezionale. Meritavamo la vittoria"

L'allenatore giallorosso ha parlato al termine della sfida contro i bianconeri


Rudi Garcia (Getty Images)
Matteo Zappalà (@matteobegbie)

02/03/2015 23:22

ROMA-JUVENTUS GARCIA INTERVISTA / ROMA - Intervistato da 'Sky'  e 'Mediaset Preium' al termine della partita contro la Juventus, l'allenatore della Roma Rudi Garcia ha fatto il punto sulla prestazione dei suoi dopo il pareggio ottenuto in dieci uomini.

GRANDE REAZIONE - "E' una partita molto tattica. Gare così sappiamo che si possono decidere su calci piazzati, infatti i due gol sono arrivati in questo modo perché non ci sono state tante occasioni per le due squadre. Ritengo eccezionale la reazione della Roma, in dieci e sotto di un gol, chiudendo la partita come abbiamo fatto: vuol dire che la squadra è viva, che ha giocato con personalità e carattere".

"AVREMMO MERITATO LA VITTORIA" - "E' conoscere male questa squadra dire che giochiamo per un pareggio. Come spiegato è stata una gara tattica e sullo 0-1 bisognava prendere dei rischi: abbiamo messo tre centrocampisti e due attaccanti, era l'unico modo. I ragazzi ci hanno creduto fino alla fine e peccato non aver fatto il 2-1, che avremmo meritato".

SOSTITUZIONI - "Sono sempre i giocatori che entrano a fare la differenza, non l'allenatore che li sceglie. Quando sono in campo se portano di più alla squadra i camni sono buoni ed è stato così stasera per Iturbe, Nainggolan e Florenzi".

"TROPPA POCA PAZIENZA" - "De Sanctis ha visto solo un tiro in porta e hanno segnato. Abbiamo mancato di pazienza nel primo tempo: bisognava manovrare di più. Sappiamo che giocando contro la miglior difesa d'Italia loro difendano bene, questo è ovvio, ma dovevamo accelerare sulle fasce".

FIDUCIA - "Una squadra con il sostegno di tutti può essere solo in fiducia. Quando ci sono cose negative intorno alla squadra si gioca con meno fiducia. E' solo questo che ha voluto dire Keita ed è totalmente giusto".

POCO CORAGGIO? - "Non sono d'accordo su una nostra mancanza di coraggio. Non si poteva acciuffare il pareggio sotto 0-1 e in 10 uomini senza coraggio".

SCUDETTO - "Mi sembra che rimangano 13 partite. Posso dire la stessa cosa che dico da tempo: bisogna solo adesso difendere il secondo posto, cosa che abbiamo fatto stasera perché abbiamo guadagnato un punto sulla terza in classifica. Sarà l'unico modo per poter forse attaccare il primo posto. Riprovarci l'anno prossimo? Per ora ci sono ancora delle gare da giocare...".

ESPULSIONE DI TOROSIDIS - "Non c'è l'intenzione di toccarlo. Il giallo è esagerato. Giallo per azione importante? Avete sempre ragione voi. C'è il regolamento, ma anche uno spirito da seguire in una partita".

SOSTITUZIONE TOTTI - "E' uscito prima Ljajic, l'ho lasciato davanti ma con l'uomo in meno bisognava correre di più. Chi è entrato ha fatto bene. Anche il capitano ha fatto bene è utile nel possesso ed alcune giocate le ha solo lui. De Rossi? E' in forma, ma era già ammonito. Già ho pregato per non vedere Pjanic con il secondo giallo".

 




Commenta con Facebook