• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Palermo > Palermo, Zamparini: "Barreto verso la Samp". E su Dybala...

Palermo, Zamparini: "Barreto verso la Samp". E su Dybala...

Il presidente rosanero fa chiarezza sul futuro dei due giocatori


Maurizio Zamparini ©Getty Images

19/02/2015 12:55

PALERMO INTERVISTA ZAMPARINI SU BARRETO E DYBALA / PALERMO - Il presidente del Palermo Maurizio Zamparini ha parlato di calciomercato ai microfoni di 'LiveSicilia Sport'.

BARRETO - "Se un capitano non rinnova per andare in un’altra squadra, è normale che i tifosi se la prendano. Lui è un bravissimo ragazzo ma questi giocatori vengono qui per guadagnare. La sirena ha un nome e un cognome e si chiama Massimo Ferrero. La Sampdoria ha fatto un’offerta stratosferica, oltre un milione di euro. Penso che il giocatore preferirà la Samp, anche se spero di no. Se Barreto viene a chiedermi quanto gli ha offerto la Sampdoria gli dico di no. Noi gli abbiamo già offerto una follia e lui probabilmente non l’ha accettata. È una scelta sua e i tifosi ci sono rimasti male non per Barreto, ma perché è il capitano”.

DYBALA - "E' come se avessi un giovane Messi e pensassi di tenerlo, è un fuoriclasse. Il Palermo può dare a Dybala due milioni all’anno perché li vale e sarebbe folle, ma se il Paris Saint-Germain gli offre tre o quattro milioni come facciamo? Dybala non va fischiato, porterà al Palermo dei grandi benefici. Quando un giocatore attira a sé le attenzioni del Psg, dell’Arsenal, del Manchester City e del Real Madrid come si fa a tenerlo? Io sono molto affezionato al ragazzo, ma ho già incaricato uno studio legale per avviare le trattative. Stiamo già pensando adesso a chi deve venire, chi deve andare via e chi deve tornare".

S.D.




Commenta con Facebook