• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Juventus, Pirlo: "Ci sarò ancora per anni. Venire qui dal Milan è stato il top"

Juventus, Pirlo: "Ci sarò ancora per anni. Venire qui dal Milan è stato il top"

Il regista bianconero ripercorre la sua carriera: "Ancelotti è stato la mia fortuna"


Andrea Pirlo (Getty Images)
Matteo Torre (@torrelocchetta)

16/02/2015 17:36

JUVENTUS PIRLO MILAN FUTURO ANCELOTTI / ROMA - Andrea Pirlo ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni della testata spagnola 'ABC'. Ecco le sue parole: "Ci sarà ancora Pirlo per un po' di tempo. Sono cresciuto con l'idolo di Roberto Baggio e io forse fui un talento precoce. Non è facile cominciare da giovanissimi e ancor oggi sono grato al Brescia per aver dato fiducia a un bambino che andava a scuola. Oggi ho solo fatto un tentativo di dargli una mano in una situazione al limite: spero che il mio intervento favorisca l'arrivo di investitori per un progetto sulle 'Rondinelle'".

ANNI ROSSONERI - "La grande fortuna della mia carriera è stata incontrare Ancelotti al Milan. Prima d'allora in mediana in Italia giocavano soltanto calciatori di rottura, ma lui mi mise a fare il regista. Mi inorgoglisce aver inculcato l'idea del 'joga bonito' in Italia. La finale di Istanbul? Dopo la sconfitta col Liverpool sentivo di voler lasciare il calcio".

DAL MILAN ALLA JUVE - "Dopo dieci anni nel Milan la mia carriera richiedeva nuovi stimoli. Qualcosa dentro di me non funzionava, non avevo buone sensazioni. Ed è apparsa la Juventus. E' stata la miglior cosa che potesse capitarmi".

POGBA - "Pogba ha tutto: fisico, tecnica, gol. E' perfetto. Può segnare un'era del calcio".

JUVE IN EUROPA - "E' molto difficile vincere la Champions League. Influiscono tanti fattori, compresa la fortuna. Lo scontro col Borussia Dortmund ci dirà chi siamo".

ITALIA - "L'addio alla Nazionale? Conte mi ha chiamato e mi ha convinto a dare una mano al Paese per Euro 2016".

FUTURO - "Sono convinto che mi vedrete ancora per tanti anni".




Commenta con Facebook