• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Parma > Roma-Parma, Donadoni: "Il gruppo è coeso. Certe decisioni passate sono state sfortunate"

Roma-Parma, Donadoni: "Il gruppo è coeso. Certe decisioni passate sono state sfortunate"

L'allenatore ducale ha parlato dopo il pari con i giallorossi


Roberto Donadoni (Getty Images)
Michele Furlan (Twitter: @MicheleFurlan1)

15/02/2015 17:12

CALCIO SERIE A ROMA PARMA DONADONI / ROMA - Roberto Donadoni è molto soddisfatto dopo il pareggio a reti bianche con la Roma, allo stadio 'Olimpico'. Queste le parole del tecnico ducale: "Questi ragazzi hanno una dignità importante e finché la matematica non ci condanna ci proveremo. Sono contento per oggi. Le responsabilità finora sono nostre, abbiamo avuto tanti infortuni e altri giocatori che non sono ancora al meglio come Cassani. Quando avremo tutti a disposizione avremo più chances. C'è voglia, grinta e volontà ed il risultato di oggi è meritato".

GRUPPO E DECISIONI ARBITRALI - "I nuovi ci danno una mano, non hanno vissuto molte vicissitudini e per loro è un vantaggio. La cosa importante è vedere il gruppo coeso con lo spirito giusto. Questo ti premia, in qualche modo anche se nelle ultime gare non siamo stati fortunati anche se forse non è la parola giusta. Vedere anche decisioni prese sempre in maniera univoca lascia l'amaro in bocca. Anche noi abbiamo i nostri diritti come le big, invece ci giudicano già rassegnati".

SOCIETA' - "In tutti questi mesi abbiamo sentito ed ascoltato di tutto e poi subito decisioni che non dipendono da noi. Va riconosciuto al presidente di essersi presentato mettendoci la faccia. Fino a prova contraria dobbiamo dare loro credito".

POLEMICA - Il tecnico gialloblu ai microfoni della 'Rai' su un possibile 'decocentramento' della sua squadra: "Chi falsa il campionato non è chi scende in campo, ma chi sta fuori a parlare seduto in poltrona. Ci tengo a precisare questa cosa".




Commenta con Facebook