• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Video > VIDEO CM.IT - IL PAGELLONE: Zappacosta da nazionale, Essien inadeguato

VIDEO CM.IT - IL PAGELLONE: Zappacosta da nazionale, Essien inadeguato

Top e Flop della 22a giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati


Davide Zappacosta (Getty Images)

09/02/2015 07:37

VIDEO CM.IT PAGELLONE 22A GIORNATA ZAPPACOSTA ESSIEN / MILANO - L'atteso big match tra Juventus e Milan al di là di polemiche e screzi tra dirigenti e tifosi ha emesso verdetti piuttosto netti e difficilmente controvertibili. Da una parte c'è la Juve che continua a spingere sull'acceleratore rispecchiandosi in pieno nel suo trascinatore e goleador Carlitos Tevez; giocatore fenomenale per temperamento, generosità e dedizione alla causa. Dall'altra c'è un Milan ancora deficitario sia dal punto di vista caratteriale che tecnico/tattico, orfano dei titolari di centrocampo e con un Essien sempre più lontanto dai fasti di un tempo. Sorprendente ed entusiasmante la cavalcata alla conquista del calcio che conta di Zappacosta, che si sta imponendo con decisione nell'Atalanta di Colantuono e di pari passo stanno diventando sempre più solide le sue ambizioni azzurre. Ritorno in grande stile nel nostro campionato per Alessandro Diamanti, giocatore dal talento innato che vuole essere protagonista anche nella Fiorentina di Montella. Torna al successo l'Inter di Mancini, che sembra aver ritrovato il Guarin dei tempi migliori. Da dimenticare l'esordio di Munoz con la maglia della Sampdoria.

 

TOP

 

5.Martinez (Torino) - É l'attaccante venezuelano a fare la differenza nel match di Verona. Con opportunismo e freddezza, infatti, trova il gol del vantaggio granata sfruttando al meglio le amnesie difensive di Marquez e compagni. Non contento continua a prendere d'assalto l'area gialloblu e con un altro guizzo dei suoi conquista il calcio di rigore che vale il 2-0. Decisivo VOTO 7

 

4.Guarin (Inter) - Gioca una gara gagliarda muovendosi molto in mezzo al campo e a sostegno dei compagni d'attacco. Ha il merito di sbloccare il risultato con un gran colpo di testa scagliato dal cuore dell'area rosanero e di entrare in entrambe le azioni che portano alla doppietta di Icardi. Ha una voglia matta di riscatto e di dimostrare il suo valore al popolo nerazzurro. Combattivo. VOTO 7

 

3.Diamanti (Fiorentina) - É sfida vera quella tra il suo sinistro ed il portiere atalantino Sportiello. Dopo una serie di tentativi arriva a metà ripresa la prima gioia in maglia viola per l'ex Bologna. Bella l'azione personale con la quale in piena area manda fuori giri due giocatori di Colantuono per poi battere con un morbido sinistro sul secondo palo l'ottimo Sportiello. Determinante. VOTO 7

 

2.Tevez (Juventus) - A giudicare dalla, (solita), foga agonistica con la quale si avventa su ogni pallone, l'Apache non sembra aver patito molto l'influenza che lo ha tenuto in dubbio fino alla vigilia. Apre le marcature con una fuga in solitaria su invito di Morata e completa l'opera con l'assist a Bonucci. Non concede un solo centimetro alla retroguardia rossonera. Indomito.  VOTO 7

 

1.Zappacosta (Atalanta) - Sulla sua corsia detta legge per gran parte del match risultando spesso indigesto all'esperto Pasqual. Sull'1-0 atalantino sovrasta proprio il capitano viola in elevazione  per poi spedire in rete il traversone di Gomez. Mai domo, con la Fiorentina avanti 2-1, riporta in partita i suoi con l'assist perfetto per Boayke prima della beffa finale. Arrembante. VOTO 7,5

 

FLOP

 

5.Munoz (Sampdoria) - Esordio in blucerchiato più complicato del previsto per l'argentino che fatica a trovare la giusta posizione ed i necessari automatismi con i compagni di reparto. Un disorientamento che finisce col favorire le trame offensive neroverdi che trovano terreno fertile nei troppi spazzi concessi. Debutto reso ancora più amaro dall'infortunio che lo costringe ad abbandonare il campo dopo 41 minuti. Spaesato. VOTO 5

 

4.Brienza (Cesena) - Statico e a corto di idee, per tutto il match risulta un corpo estraneo nell'11 di Di Carlo. Nonostante le sue qualità tecniche sbaglia tanto anche in circostanze dove la giocata risulta piuttosto agevole. Il mister lo tiene in campo fino alla fine sperando in un lampo che però non arriva mai. Svogliato. VOTO 4,5

 

3.Cop (Cagliari) - Propositivo in zona gol ma i suoi errori sotto porta incidono e molto sul risultato e di conseguenza sulla sua valutazione finale. Approssimativo. VOTO 4,5

 

2.Marquez (Verona) - Fa una gran fatica al cospetto del duo Martinez-Quagliarella che sono decisamente più brillanti e scappano via con facilità bucando a più riprese la retroguardia gialloblu. Un suo clamoroso liscio porge a Martinez la palla dell'1-0 granata e, come se non bastasse, nella ripresa rischia grosso su Quagliarella con un fallo in area che per sua fortuna non viene visto dall'arbitro. Colabrodo. VOTO 4,5

 

1.Essien (Milan) - Il centrocampista rossonero ha patito sia dal punto di vista atletico che tecnico il confronto con Pogba e compagni. Sul dinamismo le difficoltà erano ampiamente previste, ma i tanti errori in appoggio commessi dall'ex Chelsea non sono giustificabili ed hanno reso ancora più arduo il compito della mediana rossonera orfana del capitano Montolivo. Nulla da salvare insomma nella prova del ghanese che pare abbia smarrito, (definitivamente?), lo smalto di un tempo. Punto debole. VOTO 4,5




Commenta con Facebook