• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Notizie > Juventus-Milan, gol Tevez: anche Sky prende posizione

Juventus-Milan, gol Tevez: anche Sky prende posizione

L'emittente satellitare: "Nessuno può imporci cosa fare"


Il tweet del Milan (Twitter)

08/02/2015 17:30

JUVENTUS MILAN SKY / MILANO – Dopo le polemiche scaturite tra Juventus e Milan in merito alla diffusione delle immagini televisive in occasione del gol di Tevez, con la conseguente presa di posizione della conduttrice tv dell'emittente, Ilara D'Amico, anche 'Sky' ha deciso di fare chiarezza in merito all'accaduto tramite un servizio: "Oggi più che mai sentiamo la necessità di chiarire ai nostri abbonati alcune questioni emerse a proposito di come viene prodotto e mandato in onda il calcio di Serie A su Sky. Il regista, l'assistente e il produttore della partita rispondono alla Lega, che manda sul mezzo il suo produttore e i suoi delegati. Il camera plan, ovvero il posizionamento delle telecamere negli stadi, viene deciso dalla Lega Calcio ad ogni inizio stagione e imposto a tutte le produzioni di tutte le partite. La Lega di Serie A emana un regolamento delle produzioni audio-visive a cui devono attenersi i club e gli operatori del settore per non incorrere in sanzioni. I controlli sono rigidi, non si può sbagliare. Per quanto riguarda il caso specifico del gol di Tevez la questione è facilmente spiegabile: sovrapponendo la linea del fuorigioco del computer alla linea del centrocampo e poi spostandola, sempre in parallelo, o verso la porta di destra o verso la porta di sinistra, la prospettiva sembra variare il posizionamento della linea stessa, che pare allargarsi dal lato delle panchine e stringersi nel lato opposto. In realtà, come dimostra anche la virtualizzazione realizzata nel post-partita, la linea è perfettamente parallela. Nessuno può imporre ai nostri giornalisti, ai nostri produttori, ai nostri registi di fare o dire ciò che non pensiamo, o che non riteniamo risponda alla verità".

M.F.




Commenta con Facebook