• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, da Conte a Montella: Berlusconi ha scelto il 'dopo Inzaghi'

Milan, da Conte a Montella: Berlusconi ha scelto il 'dopo Inzaghi'

Il patron rossonero vuole l'attuale allenatore della Fiorentina


Inzaghi (Getty Images)
Stefano D'Alessio (Twitter: @SDAlessio)

05/02/2015 07:47

CALCIOMERCATO MILAN CONTE MONTELLA PER IL DOPO INZAGHI / MILANO - Europa o addio. E' questo l'ultimatum che la dirigenza del Milan, pur ribadendo ufficialmente la sua fiducia nell'operato del tecnico, ha posto a Filippo Inzaghi. A fine stagione, se il club rossonero non avrà raggiunto un piazzamento utile per la qualificazione - almeno - all'Europa League, 'Super Pippo' verrà accompagnato alla porta d'uscita del calciomercato Milan.

Le 'primarie' per il nome del successore sono iniziate da tempo in sede di calciomercato: il nome più caldo - scrive oggi 'La Gazzetta dello Sport' - è quello di Vincenzo Montella, molto apprezzato da Silvio Berlusconi per la sua capacità di produrre un gioco piacevole e offensivo e di portare a casa risultati significativi.

Il Milan lo corteggiò insistentemente già due anni fa e anche la scorsa estate la dirigenza rossonera effettuò un sondaggio in casa Fiorentina. Recentemente, Montella ha lasciato intendere di voler provare una nuova esperienza in vista del prossimo anno. Sulle sue tracce c'è anche il Napoli, ma Galliani è pronto a riallacciare i contatti e convincerlo finalmente ad accettare la panchina rossonera.

Salvo clamorose sorprese, su quella panchina non ci sarà spazio per l'attuale commissario tecnico della Nazionale Antonio Conte. Il suo contratto da 4 milioni di euro è un ostacolo, forse, insormontabile. Il Milan tentò di sedurlo la scorsa primavera, quando Conte era in procinto di dire addio alla Juventus.

Mino Raiola, 'insospettabile' mediatore della trattativa, ha spiegato: "Conte sarebbe stato l’ideale per il progetto Milan e io l’ho corteggiato con insistenza in quelle settimane. Mi sembrava di averlo convinto, ma alla lunga non se l’è sentita di fare un passo così impegnativo. E' rimasto legato al mondo Juventus e ha preferito evitare uno strappo così netto con la sua storia. Ricominciare dal Milan sarebbe stato stimolante, ma pericoloso dal punto di vista ambientale. L'esperienza in Nazionale gli permette di avere un ruolo neutro, di cui forse aveva bisogno".




Commenta con Facebook