• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Lazio > Calciomercato Lazio, da Honda a Bergessio: quanti flop a gennaio

Calciomercato Lazio, da Honda a Bergessio: quanti flop a gennaio

Ieri l'ennesimo affare sfumato sul gong per Tare e Lotito durante il mercato di gennaio


Claudio Lotito ©Getty Images
Marco Di Federico

03/02/2015 10:08

CALCIOMERCATO KLOSE DJORDJEVIC LAZIO BERGESSIO / ROMA - Il solito film. O almeno un finale già visto più volte durante la sessione del calciomercato invernale. Sul filo di lana la Lazio non riesce a mettere a segno il colpo Bergessio, attaccante della Sampdoria che era stato individuato dalla dirigenza come il giocatore ideale per sostituie Filip Djordjevic, operato per la riduzione ed osteosintesi del malleolo peroneale della caviglia destra dopo l'infortunio subito nella gara vinta 3-1 sul Milan.

"Ederson non ha accettato il trasferimento alla Sampdoria, non ha risposto né a noi, né a Osti e nemmeno alla Sampdoria", ha detto ieri Igli Tare per motivare il mancato approdo di Bergessio alla Lazio, che era dunque legato alla cessione del brasiliano, 32 presenze in tre anni e mezzo di Lazio ed ora oggetto della rabbia sui forum da parte dei tifosi. Una spiegazione un po' scarna per chi sapeva dal 25 gennaio di dovere trovare un altro attaccante. Perché Miro Klose è tornato a giocare e a segnare con regolarità, ma ha pur sempre 36 anni. E Perea faceva panchina in Serie B nel Perugia. La Lazio mai come in questa stagione ha la forza per centrare il terzo posto che vorrebbe dire preliminari di Champions League, ma sul piano dei rinforzi non ha tenuto il passo delle dirette concorrenti Sampdoria, Napoli, Inter e Milan. Come detto, non è però la prima volta che a gennaio il calciomercato Lazio pecchi di eccessivo immobilismo e fallisca gli obiettivi prefissati.

A gennaio saltarono sul più bello le trattative per Honda con il CSKA Mosca e Nilmar con il Villarreal nel 2012, tanto per fare due nomi illustri. Due anni fa arrivarono Pereirinha e Saha, con Felipe Anderson che saltò dal Santos, mentre la squadra era in lotta per il terzo posto (alla 20a giornata era seconda a -3 dalla Juventus capolista). Lo scorso anno arrivarono nella Capitale Kakuta ed Helder Postiga che non hanno lasciato traccia. Ora è stato colmato il vuoto in difesa con l'acquisto di Mauricio, ma l'emergenza in attacco non ha trovato preparati Lotito e Tare. Pazzini, Okaka, Denis e Bergessio: tanti nomi, tanti giocatori che avrebbero fatto comodo a Stefano Pioli, ma che resteranno tutti dove erano. Come era fin troppo prevedibile.




Commenta con Facebook