• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI SASSUOLO-INTER

PAGELLE E TABELLINO DI SASSUOLO-INTER

Zaza e Sansone affossano l'Inter, Podoski e Kovacic disastrosi


Andrea Della Sala

01/02/2015 14:31

ECCO LE PAGELLE DI SASSUOLO-INTER:

 

SASSUOLO

Consigli 6,5 – L’Inter non gli crea troppi problemi, però nelle occasioni in cui si fa vedere dalle sue parti lui si oppone alla grande. Molto bene su Dodò, intelligente sul retropassaggio di Magnanelli, evita di causare il rigore.

Longhi 6 – Fa il suo dovere senza strafare. Il Sassuolo spinge di più con Vrsaljko, dalla sua parte si pensa di più a controllare e a dare equilibrio. In fase difensiva non ha problemi, controlla bene Podolski o Palacio quando sono nei suoi paraggi. Dal 60’ Gazzola 6 – Entra concentrato e partecipa anche lui alla vittoria finale.

Cannavaro 6,5 – Gioca mettendo in campo tutta la sua esperienza e la scelta alla fine paga. Concede poco e nulla all’attacco dell’Inter e anche nel finale combatte senza mai mollare. Si prende gli applausi dei tifosi.

Terranova 6,5 – Come Cannavaro limita e annulla gli attaccanti dell’Inter. Gara di grande solidità. Peccato per l’ennesimo infortunio, esce nuovamente per una distorsione al ginocchio. Dall’82 Brighi 6 – Dentro per blindare il risultato.

Vrsaljko 6 – Gara un po’ troppo altalenante. Bene nella prima frazione, dove lo si vede spesso nella metà campo avversaria, meno bene nella ripresa dove soffre leggermente dalla sua parte.

Biondini 6 – Inizia chiudendo subito la porta a Donkor. Non lo si vede spesso nella manovra del Sassuolo, ma lui fa il lavoro sporco e non fa mai mancare la corsa e la grinta alla squadra.

Magnanelli 5 – Partita tranquilla e fatta della solita concretezza, fino al momento in cui fa uno scellerato retropassaggio che riapre per qualche minuto la partita con il gol di Icardi.

Missiroli 5,5 – Parte molto nervoso e teso, commettendo troppi falli e guadagnandosi subito il cartellino giallo. Non decisivo come sa essere, spesso si estranea dal gioco. Dal 75’ Antei SV.

Berardi 6,5 – Il meno coinvolto del reparto offensivo, ma questo non vuol dire cha la sua partita non sia comunque di grande qualità. Tiene sempre in apprensione la difesa avversaria e ha anche il merito di trafiggere Handanovic dal dischetto chiudendo definitivamente il match.

Zaza 7,5 – Sfrontato come al solito. Sgomita e fa valere il fisico e alla prima occasione che si crea tira fuori tutta la sua qualità e il suo genio. Punisce Vidic che gli lascia spazio, colpisce Handanovic sul suo palo. Sempre insidioso e molto determinato.

Sansone 7 – Colpisce sempre il bersaglio contro le grandi squadre e anche oggi non sbaglia siglando una rete d’autore. Quando punta l’uomo crea sempre scompiglio. Alla terza rete contro i nerazzurri, fondamentale nel tridente di Di Francesco. Nel finale si fa buttare fuori intuilmente

All. Di Francesco 7 – Il suo Sassuolo merita applausi e merita anche la vittoria e i tre punti nella sfida contro l’Inter. La squadra affronta a viso aperto qualsiasi avversario, facendo sempre vedere un buon gioco e un calcio offensivo.

 

 

INTER

Handanovic 5,5 – Rivedibile su entrambe le reti del Sassuolo. Non si aspetta che i suoi difensori lascino calciare Zaza e si fa colpire sul primo palo dalla bordata di Sansone. Poi soliti interventi importanti, sventa un paio di occasioni importanti.

Donkor 5,5 – Giovane intraprendente. Va subito vicino al gol, ma Biondini si oppone. Alterna buoni spunti ad alcune amnesie. Fatica e non poco a contenere lo scatenato Sansone, ma almeno mette impegno e corsa.

Ranocchia 5 – Da quando la difesa dell’Inter è passata con Mancini a quattro le sue lacune continuano a venire fuori. Molti disimpegni imprecisi, tante uscite a vuoto. Dimostra insicurezza, forse anche per questo il tecnico nel secondo tempo passa a tre in difesa.

Vidic 5 – Lascia troppo spazio a Zaza al limite dell’area che non lo perdona. Fatica a tenere il passo dei giovani attaccanti del Sassuolo. Pericoloso quando si porta avanti sui calci d’angolo, ma troppi errori in fase difensiva. Dal 70’ Brozovic 6 – Ha buone qualità e le dimostra quando serve a Dodò una palla d’oro. Non è la migliore partita per il suo esordio.

Dodo 5,5 – Troppo timido e troppo poco propositivo. Davanti si fa vedere poco e l’Inter ne risente. Quando viene attaccato, va spesso in difficoltà. Ci prova con un bel colpo di testa su assist di Brozovic, ma Consigli si oppone.

Guarin 5 – I suoi errori in fase di costruzione sono davvero troppi. Sbaglia tantissimi passaggi, anche da distanza ravvicinata. Prova il tiro, ma non è giornata e non inquadra mai la porta.

Medel 6 – Fa quel che può. Sostenete un reparto offensivo abbondante come quello nerazzurro non è facile. Lui ci prova e di più non può fare. Nel secondo tempo si adatta anche da centrale quando l’Inter passa a tre in difesa.

Palacio 5 – Mai pericoloso e sempre avulso dalla manovra. Sembra un corpo estraneo, poco trovato e poco cercato dai compagni, spesso oltre la linea dei difensori, dimostra di non essere il miglior terminale offensivo per il 4-2-3-1. Anche quando si allarga a sinistra non riesce a incidere. Dal 78’ Puscas 6 – All’esordio entra senza paura e va subito vicino al gol.

Kovacic 4,5 – Deve scrollarsi di dosso il titolo di talento e cominciare a prendersi più responsabilità. Non basta il passaggio al compagno vicino, da un giocatore con la sua tecnica ci si aspetta il passaggio in verticale, ci si aspetta che sblocchi le partite.

Shaqiri 6 – Uno dei pochi dell’Inter a salvarsi. Un po’ a corrente alternata, ma è l’unico a creare qualche pericolo alla retroguardia del Sassuolo. Sempre insidioso nell’uno contro uno, colpisce anche un palo.

Podolski 4,5 – Condizione fisica abbastanza imbarazzante. E’ indietro e in campo si vede parecchio. Fuori dal gioco, non riesce a farsi innescare, non crea alcun pericolo. Deve al più presto mettersi al pari con gli altri. Dal 56’ Icardi 6 – Ha il merito di crederci e di siglare la rete che riapre, seppur per poco, il match.

All. Mancini 5 – La formazione iniziale priva di Icardi non gli dà ragione. Palacio e Podolski non combinano nulla e Icardi quando entra va ancora a segno. La condizione fisica dei nerazzurri è a tratti imbarazzante, il Sassuolo gioca a ritmi molto più elevati. In difesa ci sono troppe insicurezze, la squadra è senza idee.

Arbitro: Valeri 5,5 – Perde un po’ la partita di mano nel finale, estraendo troppi cartellini, cacciando fuori Donkor e Sansone e concedendo un rigore un po’ dubbio al Sassuolo. La partita non è facile da arbitrare, ma nel complesso non commette errori decisivi.

 

 

TABELLINO

SASSUOLO-INTER 3-1

SASSUOLO (4-3-3): Consigli; Longhi (dal 60’ Gazzola), Cannavaro, Terranova (dall’82’ Brighi), Vrsaljko; Biondini, Magnanelli, Missiroli (dal 75’ Antei); Berardi, Zaza, Sansone. A disp.: Pomini, Polito, Bianco, Chibsah, Floccari, Lodesani, Sereni. All Di Francesco

INTER (4-2-3-1): Handanovic; Donkor, Ranocchia, Vidic (dal 70’ Brozovic), Dodo; Guarin, Medel; Palacio (dal 78’ Puscas), Kovacic, Shaqiri; Podolski (dal 56’ Icardi). A disp.: Carrizo, Berni, Dimarco, Sciacca, Obi, Hernanes, Bonazzoli, Kuzmanovic. All. Mancini

Marcatori: 17’ Zaza (S), 29’ Sansone (S), 83’ Icardi (I), 93’ Berardi (S)

Arbitro: Valeri

Ammoniti: 9’ Missiroli (S), 11’ Zaza (S), 21’ Ranocchia (I), 83’ Icardi (I), 85’ Berardi (S), 91’ Medel (I)

Espulsi: 89’ Sansone (S) per doppia ammonizione, 92’ Donkor (I) per doppia ammonizione




Commenta con Facebook