• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Primo Piano > Milan, Gattuso: "Troppe teste a decidere. La crisi? Ecco di chi è colpa"

Milan, Gattuso: "Troppe teste a decidere. La crisi? Ecco di chi è colpa"

L'ex centrocampista su Inzaghi: "Merita ancora fiducia, i giocatori scendono in campo per lui e si vede"


Filippo Inzaghi (Getty Images)
Marco Di Federico

30/01/2015 08:05

CALCIOMERCATO MILAN GATTUSO INZAGHI DESTRO / MILANO - Un grade ex come Gennaro Gattuso ha parlato della crisi del Milan e del futuro di Filippo Inzaghi sulle colonne di 'TuttoSport'. "Ci può stare un momento negativo, ricordiamo che negli ultimi 25 anni il Milan è sempre stato al top del calcio europeo. Ma vederlo così mi fa male. - spiega 'Ringhio' a 'TuttoSport' - Quando si vince, il merito è di tutti. Uguale quando si perde. Il colpevole non è Pippo o Galliani. É chi rappresenta il club. Bisogna essere obiettivi e farsi un esame di coscienza. Quando c'ero io le decisioni le prendeva una, massimo due persone. Ora ci sono più teste a decidere e sia i calciatori che l'ambiente lo sentono".

INZAGHI - "Se ti offrono subito una panchina importante, è difficile rifiutare. Successe anche a me a Palermo. Merita ancora fiducia, i giocatori scendono in campo per lui e si vede. Ma Ferguson lasciamolo stare, era un calcio diverso".

DESTRO - "Non ho mai visto un singolo giocatore arrivare e risolvere tutto. Solo Maradona era così. In questo momento è la squadra che deve fare il salto di qualità. Ci sono buoni giocatori, ma non basta: serve il fuoco dentro, sudare per la maglia".




Commenta con Facebook