• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Juventus > Calciomercato Juventus, Raiola: "Pogba? Meglio venderlo. Se non parte ora, l'anno dopo"

Calciomercato Juventus, Raiola: "Pogba? Meglio venderlo. Se non parte ora, l'anno dopo"

L'agente del centrocampista fa il punto sul futuro in bianconero


Paul Pogba (Getty images)
Lorenzo Polimanti (@oldpoli)

29/01/2015 11:00

CALCIOMERCATO JUVENTUS RAIOLA POGBA / TORINO - Ci vorranno ben più dei due euro a testa proposti dallo scrittore Sandro Veronesi per trattenere Paul Pogba. Le big d'Europa sono pronte a dare l'assalto al centrocampista della Juventus in vista della prossima sessione di calciomercato estivo e l'agente del giocatore, Mino Raiola, lascia poche speranze ai bianconeri. "E' come un van Gogh. Quanto vale? Dipende da quanti soldi ha chi lo compra - esordisce il procuratore del francese in una lunga intervista concessa a 'La Gazzetta dello Sport' - Paul non si permette mai di dire all'allenatore in quale ruolo vorrebbe giocare e deve migliorare in questo. Ad un certo punto un grande inizia a dire cosa vuole. Il Milan voleva prenderlo insieme al Genoa e mandarlo lì: bocciata. L'Inter non voleva fare uno sgarbo a Ferguson: bocciata. Con la Juventus il patto era che le avrebbero preso per dargli un ingaggio da prima squadra e non mandarlo in prestito. Il primo a cui lo proposi, però, fu Sabatini alla Roma. Cosa deve fare la Juve? Come diceva papà: meglio vendere e pentirsi che non vendere e pentirsi. Se non vendi Pogba non hai i soldi per fare una squadra per vincere la Champions. Se vuoi tenerlo devi fare una squadra così forte che poi Paul ci possa ancora crescere. Ma se non lo vendi non hai i soldi per farlo".

Chiaro il pensiero di Raiola, che poi prosegue: "La cessione di Pogba va considerata a prescindere da quello che poi fai con i soldi. Per quanto tempo posso tenerlo ancora in Italia? Tutti hanno una carta in mano, ma bisogna vedere quando giocarsela. Quella del Psg è la pià naturale: se ci vuole andare, chi gli può dire di no? Ma non so se è il momento di giocarsela. Il rinnovo era facile. Non rinnovando avrei messo in una posizione di difficoltà la Juventus e di debolezza Paul. Voglio che chi lo compri creda in lui e lo strapaghi. Se non sarà quest'anno sarà l'anno dopo. Intanto è ad un livello di reputazione top e può restare un altro anno".

Infine, il procuratore spiega come investirebbe il ricavato dell'eventuale cessione dell'ex Manchester United sul calciomercato Juventus: "E' l'unica grande stella disponibile in estate. Se non puoi prendere Ronaldo, Messi o Ibrahimovic puoi prendere solo lui. Se a qualcuno serve vedi come si scatena l'asta sopra i 100 milioni. Chi porto alla Juve con quei soldi? Mkhitaryan, poi Depay e Felipe Anderson, Rodrigo Ely che è fortissimo, Kishna dell'Ajax, a sinistra Willems del Psv e di sicuro Verratti a centrocampo. In porta Donnarumma che mi dicono sia un fenomeno, a destra Abate, davanti Zaza e Berardi. Allenatore? van Bommel. Se la faccio io con 100 milioni ci sto dentro".




Commenta con Facebook