• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI MILAN-LAZIO

PAGELLE E TABELLINO DI MILAN-LAZIO

Biglia trascina la Lazio, il Milan è tutto nei piedi di Menez


Lucas Biglia (Getty Images)
Andrea Della Sala

27/01/2015 22:45

ECCO LE PAGELLE DI MILAN-LAZIO:

 

 

MILAN

Abbiati 6,5 – Sempre reattivo. Nel primo tempo due sue uscite fuori area evitano il gol. Subisce la rete della Lazio su rigore, di più non può fare.

Abate 5,5 – Parte distratto e rischia tantissimo con uno sciagurato retropassaggio verso Abbiati, dal quale per poco non nasce il gol della Lazio. Cresce leggermente nella seconda frazione, dove si fa notare per qualche discesa.

Alex 5,5 – Non corre particolari rischi e non commette errori in fase di marcatura, però spesso esce troppo dalla linea difensiva per seguire gli attaccanti laziali e lascia scoperta la retroguardia.

Rami 6 – Contiene bene un osso duro come Klose, concedendogli poco e non lasciandogli creare occasioni da rete.

Albertazzi 4,5 – Non una gran serata la sua. Inizia lasciando troppo spazio dalla sua parte. Konko ha grande libertà e infatti si propone spesso, arrivando al traversone più volte e rendendosi pericoloso. Causa anche il rigore con un tocco di mano abbastanza scomposto. Quando cerca di attaccare, non crea nulla. Dall’80’ Suso sv.

Poli 5,5 – Lo si vede solo per una percussione centrale, a seguito di uno scambio con Menez. Tutto qui, poi fa quasi da spettatore. Dal 79’ Van Ginkel sv.

Montolivo 6 –Certamente più concentrato rispetto alla sfida coi laziali di campionato. Si abbassa a prendere palla per far partire la manovra rossonera e verticalizza subito per gli attaccanti. A volte, però, lo fa troppo lentamente.

Muntari 5 – Vaga nel centrocampo rossonero senza avere una meta. Poco presente quando c’è da far ripartire l’azione, ma non è il suo mestiere, il problema è che manca e parecchio anche in fase di interdizione. Dal 50’ Honda 5,5 – Non crea praticamente nulla.

Cerci 6 – Qualche fiammata c’è, ma è troppo poco. Prova l’uno contro uno  ed è quello che dovrebbe sempre tentare, ma si prende troppe pause, allontanandosi dalla manovra. Va vicino al gol con una bella girata in area di rigore.

Pazzini 6 – Fa il lavoro sporco, giocando di sponda e guadagnandosi tanti falli di spalle alla porta. Dimostra di avere grande voglia e mette in campo tutta la sua determinazione, non ha molte occasioni per andare in rete ma si dà da fare. Il gol lo sigla, ed è anche bello, ma si controlla il pallone con la mano.

Menez 6,5 – Il Milan vive delle sue accelerate e delle sue intuizioni. Quando si accende crea sempre un pericolo, anche se è un po’ troppo egoista. Nel primo tempo rischia di combinarla grossa, mandando quasi a rete Keita con un retropassaggio.

All. Inzaghi 5 – Il Milan è troppo dipendente dalle giocate e dalle accelerazioni dei suoi solisti. Poca costruzione della manovra, poche idee ma soprattutto tanta paura nel primo tempo con qualche disimpegno e retropassaggio azzardato. Meglio nel secondo tempo quando la Lazio rimane con l’uomo in meno, ma sono troppo poche le occasioni create.

 

LAZIO

Berisha 6 –Non corre molti pericoli, ma si fa sempre trovare pronto quando i rossoneri cercando di impensierirlo.

Konko 6,5 – Buona propensione offensiva, soprattutto nel primo tempo dove mette parecchio in difficoltà il giovane Albertazzi. Cala leggermente nel secondo tempo, ma la Lazio è in dieci e gli tocca pensare di più alla fase difensiva. Dall’83 Peirerinha sv.

Cana 5 – Il secondo giallo è abbastanza fiscale, ma lui è troppo ingenuo nel commetterlo, essendo già ammonito. Fino a quel momento non aveva nemmeno fatto male.

Mauricio 6,5 – Dopo gli spiccioli di partita sempre contro il Milan, debutta da titolare e lo fa con grande dedizione ed esperienza. Mostra grande solidità, mura in più occasioni le avanzate del Milan. L’impressione è che la Lazio abbia fatto un buon affare, esce per una botta al costato. Dal 54’ Basta 6 – Entra quando la Lazio è in inferiorità numerica e si dedica alla fase difensiva.

Radu 6 – Solita prestazione solida e senza alcuna sbavatura. Parte a sinistra e chiude al centro dopo l’espulsione di Cana e l’infortunio di Mauricio.

Onazi 6 – Si piazza in mediana e fa legna. Tanta corsa e tanta grinta, prova anche a guidare qualche contropiede ma non ha il piede e nemmeno la lucidità per chiuderli al meglio.

Biglia 7 – Sta vivendo una grande annata e anche questa sera mostra tutte le sue qualità. In cabina di regia dei biancocelesti, ripiega sempre per prendersi il pallone e mettere ordine tra i suoi. E’ il cervello della squadra di Pioli. Si prende la responsabilità di calciare il rigore e non sbaglia.

Cataldi 6 – Gioca con grande personalità, è sempre al centro della manovra dei biancocelesti. Dai suoi piedi passano parecchi palloni e ne sbaglia pochi. Concreto e mai sopra le righe, esce quando la Lazio rimane in 10. Dal 46’ Novaretti 6,5 – Entra col giusto piglio e si rende protagonista di qualche intervento fondamentale, importante il salvataggio su Menez.

Parolo 6,5 – Altra prestazione maiuscola. Meno devastante rispetto all’ultima col Milan, dove ha siglato una doppietta, ma sempre fondamentale. E’ un maestro degli inserimenti, si butta sempre dentro. Strepitoso il suo salvataggio su Pazzini.

Keita 6,5 – Si vede che è ancora immaturo e che deve ancora crescere, ma ha grandissime potenzialità Quando accelera palla al piede è dura stargli dietro, gioca un po’ troppo da solo, ma è instancabile. Colpisce un gran palo nel secondo tempo.

Klose 6 – Partita di grande sacrificio. Stranamente non riesce a rendersi pericoloso, ma gli tocca un partita di corsa e sacrificio soprattutto dopo che la Lazio rimane on dieci uomini.

All. Pioli 6,5 – Questa Lazio è ormai una grande realtà e continua a confermarsi partita dopo partita. Finché la squadra rimane in undici, non c’è partita, poi sa sistemare la squadra dopo l’espulsione di Cana.

Arbitro: Rocchi 5,5 – Il rigore in favore della Lazio è giusto: Albertazzi allarga troppo il braccio e colpisce la palla con la mano. Il secondo giallo a Cana forse è un po’ troppo fiscale. Bene sul mani di Pazzini e sul fuorigioco di Cerci.

 

TABELLINO

MILAN-LAZIO 0-1

MILAN (4-3-3): Abbiati; Abate, Alex, Rami, Albertazzi (dall’80’ Suso); Poli (dal 79’ Van Ginkel), Montolivo, Muntari (dal 50’ Honda); Cerci, Pazzini, Menez.
A disposizione: Diego Lopez, Gori, Zaccardo, Calabria, De Santis, Armero, Essien, Van Ginkel, Mastour.
Allenatore: Inzaghi.

LAZIO (4-3-1-2): Berisha; Konko (dall’83’ Peirerinha), Cana, Mauricio (dal 54’ Basta), Radu; Onazi, Biglia, Cataldi (dal 46’ Novaretti); Parolo; Keita, Klose. A disposizione: Marchetti, Strakosha, Prce, Ledesma, Mauri, Gonzalez, Ederson, Candreva, Palombi. Allenatore: Stefano Pioli.

Marcatori: 38’ Biglia (L)

Arbitro: Rocchi di Firenze

Ammoniti: 63’ Rami (M), 85’ Keita (L), 86’ Peirerinha (L)

Espulsi: 45’ Cana (L) per doppia ammonizione




Commenta con Facebook