• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Cagliari > Cagliari, Zola: "Strafelice della mia scelta. Con Giulini intesa perfetta"

Cagliari, Zola: "Strafelice della mia scelta. Con Giulini intesa perfetta"

L'allenatore rossoblu traccia un primo bilancio della sua esperienza sulla panchina sarda


Zola © Getty Images

27/01/2015 09:50

CAGLIARI INTERVISTA ZOLA GAZZETTA DELLO SPORT / MILANO - Gianfranco Zola, allenatore del Cagliari, ha concesso un'intervista a 'La Gazzetta dello Sport' di cui vi riportiamo alcuni estratti.

RICORDI DA GIOCATORE - "Quando mi sostituivano, brontolavo. Lo dico perché oggi ammiro Conti, grande professionista che lavora sodo e dà l’esempio".

LA SCELTA DI ALLENARE IL CAGLIARI - "Sono strafelice della mia scelta. Mi inorgoglisce far parte di un progetto ben congegnato, anche in prospettiva. È stata una scelta di cuore, sogno e scommessa assieme. Mi piace trovare stimoli. E poi, mi ha convinto il progetto del presidente Giulini: vogliono un calcio propositivo, pulito, che tenga conto dei giovani. Ho trovato una squadra ben allenata che non ha avuto quel che meritava anche per episodi sfavorevoli. Il contratto? Fino a giugno, poi ne riparliamo. Abbiamo un'intesa perfetta, calciomercato incluso".

OBIETTIVI - "Il primo mini-obiettivo era il quartultimo posto. Ora, va aumentato il divario che ci separa dalla terzultima posizione e agguantata qualcuna di quelle squadre che ci precedono. Non illudiamoci: sarà dura, ci saranno momenti difficili. Con il Sassuolo è stato solo un passettino importante. Ci attendono altre 18 falcate".
Come nasce il modulo con i due trequartisti?

DONSAH FUTURO NAINGGOLAN - "Non so come fosse Nainggolan a 18 anni. Ma Donsah può diventare un giocatore importante. È avanti per mentalità e applicazione. Appena gestirà i 90’, sarà un piccolo fenomeno".

CONTI - "Daniele è un grande professionista, ci siamo conosciuti in campo. È tanto attaccato al club che dormirebbe con la maglia. Deve sgravarsi di troppe responsabilità, ma nel nostro percorso sarà decisivo e potrà mostrare tutto quel che vale. Ora fa meglio Crisetig. Però il copione e le esigenze cambiano spesso e in fretta".

S.D.




Commenta con Facebook