• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Calciomercato Milan, le ipotesi in caso di addio di Inzaghi

Calciomercato Milan, le ipotesi in caso di addio di Inzaghi

La società rossonera sta valutando diversi scenari in caso di allontanamento dell'allenatore


Filippo Inzaghi (Getty Images)
Matteo Zappalà (@matteobegbie)

26/01/2015 16:56

CALCIOMERCATO MILAN INZAGHI TASSOTTI / MILANO - La sconfitta di sabato contro la Lazio e le precedenti contro Sassuolo e Atalanta continuano a lasciare strascichi importanti in casa Milan, in vista della decivisa sfida di Coppa Italia di domani contro i biancocelesti. Il calciomercato Milan, infatti, è entrato nel vivo anche in merito alla questione allenatore con il futuro di Filippo Inzaghi legato ai prossimi risultati ottenuti dalla formazione rossonera. Calciomercato.it ha cercato di fare il punto sui possibili scenari relativi alla panchina della squadra di via Aldo Rossi.

TASSOTTI TRAGHETTATORE - In caso di eliminazione dalla Coppa Italia ed esonero di Filippo Inzaghi il candidato numero uno per la panchina rossonera resta sicuramente Mauro Tassotti. Il vice allenatore del Milan avrebbe infatti l'esperienza giusta per ricoprire un ruolo da traghettatore fino al termine della stagione.

SEEDORF DA ESCLUDERE - Decisamente più difficile, invece, il ritorno di Clarence Seedorf, considerati i difficili rapporti tra l'ex tecnico olandese e la dirigenza rossonera, dopo l'esonero di giugno. 

LE SOLUZIONI PIU' DISPENDIOSE - Oltre a Tassotti, il Milan sta vagliando altri nomi importanti per la panchina che potrebbero essere disponibili da subito. Si tratta di Luciano Spalletti e Cesare Prandelli, esonerati di lusso e ancora a libro paga di Zenit San Pietroburgo e Galatasaray. Due ipotesi suggestive, ma difficilmente praticabili, considerando la mancanza di liquidità della società rossonera, che al momento sarebbe costretta a pagare lo stipendio di ben tre allenatori, per un totale lordo annuale di circa 15 milioni di euro.




Commenta con Facebook