• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Serie A > IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Parolo onnipresente, Mexes furia incontrollata

IL PAGELLONE DI CALCIOMERCATO.IT: Parolo onnipresente, Mexes furia incontrollata

Top e Flop della 20a giornata di Serie A secondo i voti dei nostri inviati


Philippe Mexes (Getty Images)
Emiliano Forte

26/01/2015 07:32

PAGELLONE SERIE A 20A GIORNATA PAROLO MEXES / MILANO - La prima del girone di ritorno è la giornata dei laziali Parolo e Klose capaci di trascinare a suon di gol i biancocelesti verso un successo netto ed indiscutibile al cospetto di un Milan sempre più in crisi d'identità. Ma la 20esima è anche la giornata di Paul Pogba che continua ad inanellare prodezze capaci di far volare sia la Juventus in classifica che il prezzo del suo cartellino in ottica mercato estivo. Tra le note dolenti di questo weekend spicca il folle sabato sera di Mexes che una volta espulso va in cerca di vendetta afferrando Stefano Mauri per il collo. Disastrose anche le prove di Armero e Palladino.

 

TOP

 

5.Viviano (Sampdoria) - Ci mette del suo nel punto conquistato dai blucerchiati contro il Palermo al termine di una gara molto combattuta e sofferta. Sempre all'altezza della situazione risponde con parate tanto efficaci quanto spettacolari ai colpi di classe di Dybala e Vazquez. Muro di gomma. VOTO 7

 

4.Klose (Lazio) - Il 'vecchio' rapace d'area torna a graffiare come ai bei tempi e lancia la Lazio verso il momentaneo terzo posto in classifica che significa preliminari di Champions League. Nel primo tempo fallisce qualche occasione di troppo ma nella ripresa la musica cambia: decide il match con un assist al bacio per Parolo ed un gol da opportunista vero sul pasticcio della premiata ditta Montolivo-Mexes. Affamato. VOTO 7

 

3.Vazquez (Palermo) - Tra i rosanero è lui, insieme a Dybala, quello capace di decidere le sorti di una sfida con gesti tecnici di primissimo livello. Una sua magia dal limite dell'area, infatti, permette al Palermo di riacciuffare la Samp e di credere per lunghi tratti anche nel colpo da tre punti. Illuminante. VOTO 7,5

 

2.Pogba (Juventus) - Nella prima parte di gara risulta troppo lezioso e, complice l'ottima organizzazione del Chievo, per lunghi tratti fatica a trovare gli spazi giusti per liberare il suo immenso talento. Ma di questi tempi disinnescare il francese è una missione quasi impossibile e dopo un'ora di gioco ecco il capolavoro che cambia il destino del match: dribbling in un fazzoletto con il destro e sassata col sinistro che impallina Bizzarri proprio sul suo palo per l'urlo liberatorio dello 'Stadium'. Pogba si concede un secondo acuto 13 minuti dopo con uno stop volante in piena area e immediata conclusione sempre al volo che Bizzarri respinge a fatica: sul pallone si avventa come un falco Lichsteiner per il tap-in che vale il 2-0 finale. Devastante. VOTO 7,5

 

1.Parolo (Lazio) - Insieme a Miroslav Klose è il giustiziere del Milan. Gioca una gara ad alta intensità, proponendosi sistematicamente in avanti a sostegno degli attaccanti. I suoi inserimenti diventano letali nella ripresa quando scardina il fragile muro difensivo rossonero per ben due volte, prima con una splendida volé di sinistro poi con puntualità e opportunismo per il 3-1 che chiude i conti. Indomito. VOTO 8

 

FLOP

 

5.Obi (Inter) - Schierato terzino sinistro da Mancini fatica a trovare i tempi giusti della giocata finendo col risultare innocuo negli inserimenti e approssimativo in copertura. A tempo ormai scaduto, sulla spizzata di testa di Maxi Lopez, si fa sorprendere dal blitz da tre punti di Emiliano Moretti che gela il 'Meazza' e tutta la panchina nerazzurra. Disorientato. VOTO 5

 

4.Sansone (Sassuolo) - La difesa del Cagliari azzera ogni sua ambizione costringendolo ad uno sterile e inconcludente vagare per il fronte offensivo neroverde senza trovare mai lo spiraglio giusto. Di Francesco capisce che per lui non è giornata e lo richiama in panchina nonostante la sua evidente disapprovazione. Svuotato. VOTO 4,5

 

3.Palladino (Parma) - Terminale offensivo nell'11 schierato da Donadoni di fatto non offende mai rimanendo ben lontano dalla porta difesa da Leali. Poco utile alla causa anche quando si è trattato di costruire gioco vista la precaria intesa con compagni di reparto. Inconsistente. VOTO 4,5

 

2.Armero (Milan) - Il suo impatto sul match è praticamente nullo. Candreva lo annienta viaggiando a velocità doppia e nascondendogli regolarmente il pallone. Non ne becca una in difesa e non va meglio in avanti, dove i compagni praticamente non l'hanno mai visto. Impresentabile. VOTO 4,5

 

1.Mexes (Milan) - Disastroso per 90 minuti con Klose e compagni che fanno il bello ed il cattivo tempo dalle parti di Diego Lopez. Da censura nel recupero quando una volta espulso per l'ennesimo duello senza esclusione di colpi con Mauri perde, (ancora), le staffe e si scaglia contro il capitano biancoceleste prendendolo per il collo. Senza scuse. VOTO 3




Commenta con Facebook