• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan, da Spalletti a Tassotti: i candidati per il dopo Inzaghi

Milan, da Spalletti a Tassotti: i candidati per il dopo Inzaghi

Decisiva la partita di Coppa Italia di martedì. E Sacchi si chiama fuori


Inzaghi (Getty Images)
Stefano D'Alessio (Twitter: @SDAlessio)

25/01/2015 08:47

CALCIOMERCATO MILAN SPALLETTI TASSOTTI SACCHI PER IL DOPO INZAGHI / MILANO - AGGIORNAMENTO ore 11.40 - Secondo quanto riferisce 'Sky', il piano del Milan in merito a un eventuale, clamoroso ritorno di Seedorf in caso di esonero di Inzaghi sarebbe quello di richiamare l'olandese nella speranza di un suo 'no', al fine di risolvere il contenzioso in atto ed evitare di pagare il suo ingaggio nei mesi futuri.

 

 

Altro che terzo posto, come sperato e ribadito da Silvio Berlusconi nelle ultime settimane; il Milan di Filippo Inzaghi, in questo primo scorcio del 2015, ha una media punti da zona retrocessione. E ora 'Super Pippo' rischia davvero grosso.

La sconfitta (in rimonta) di ieri all'Olimpico contro la Lazio è la classica goccia in grado di far traboccare il vaso: la misura è colma e decisiva sarà la partita di martedì in Coppa Italia sempre contro i biancocelesti. Per questo motivo, è già scattato il ritiro immediato per la squadra nel post-partita (dopo un confronto durato oltre mezz'ora tra Galliani, squadra e tecnico negli spogliatoi).

Contemporaneamente, è partito il toto-allenatore per il 'dopo Inzaghi'. Spalletti e Tassotti sono i nomi più 'caldi', mentre Arrigo Sacchi si è subito chiamato fuori: "Non ho l’energia e la forza per riempire gli altri - ha detto a 'Mediaset Premium' - Se sei svuotato non puoi riempire gli altri. Sono convinto che Inzaghi debba superare questo momento, capita a tutti. Secondo me il Milan deve lavorare moltissimo sulla fase di non possesso, sono posizionati male in campo, non sanno cosa devono fare. E’ l’aspetto più preoccupante".

Inzaghi, da par suo, non pensa alle dimissioni: "Non penso di essere io il problema, altrimenti darei le dimissioni. La squadra mi segue, la stagione è ancora lunga".




Commenta con Facebook