• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO LAZIO-MILAN

PAGELLE E TABELLINO LAZIO-MILAN

Klose fa il campione del Mondo e Parolo il bomber. Nel Milan c’è solo Menez. Armero sbaglia tutto, Mexes impazzisce


Marco Parolo (Getty Images)
Marco Anselmi

24/01/2015 22:41

ECCO LE PAGELLE DI LAZIO-MILAN:

 

LAZIO

Marchetti 6 - Non può nulla sul gol di Menez che segna con un diagonale. Esce di testa su una ripartenza del Milan che andava in porta. Subisce un colpo in testa che on pregiudica la sua permanenza in campo.

Basta 5,5 - Errore gravissimo dopo 4’ che spiana la strada a Menez che segna il vantaggio rossonero. Va nel pallone e sbaglia anche gli appoggi più semplici. Migliora nelle chiusure nel secondo tempo e non sbaglia quasi più nulla.

de Vrij 6,5 - Nell’uno contro uno è quasi insuperabile. Menez va a sbattere contro l’olandese più di una volta senza riuscire a superarlo. Dal 69’ Mauricio 6 - Esordisce a causa di un infortunio di de Vrij ed i suoi primi due interventi sono accolti dal boato della Curva Nord. Difende bene quando è chiamato in causa.

Cana 6,5 - Non affronta Menez quando segna il gol del vantaggio, gli lascia troppo spazio ma, a parziale giustificazione, non poteva aspettarsi un errore così grave del compagno di squadra. Migliora con il passare del tempo ed lascia pochi spazi agli avanti milanisti.

Radu 5 - Dopo due minuti si inserisce e meriterebbe il calcio di rigore per atterramento di Bonaventura. Sbaglia tanto, sugli appoggi non è mai preciso.

Cataldi 7- Ha poca fisicità e molta qualità, spesso va a terra sui contrasti ma è intelligente e si cerca gli spazi vuoti. Sbaglia qualche appoggio di troppo ma corre per tre e dimostra il suo valore alla prima da titolare in campionato. Si impone nel secondo tempo, le gambe non tremano più, quelle dell’avversario sì, perché ogni palla che tocca è utile alla manovra offensiva.

Biglia 6 - Sbaglia troppo e non dà supporto al centrocampo. Migliora con il passare dei minuti ma non rischia quasi mai. Si fa ammonire scioccamente e salterà il Cesena. Nel secondo tempo ha meno lavoro da fare.

Parolo 8 - Corre tanto e combatte. Nel secondo tempo si inserisce  inassistenza di Klose ed al volo di sinistro segna il gol del pari. Segna anche il 3-1 doppietta personale e palma del migliore in campo.

Candreva 6,5 - E’ l’uomo più pericoloso della Lazio, sulla sua fascia Armero, pur veloce, non riesce a tenerlo. Al 25’ ha il pallone del pareggio sui piedi ma non colpisce bene e favorisce l’intervento di Diego Lopez.

Klose 7 Sbaglia un gol - in posizione di fuorigioco non segnalato - a tu per tu con Diego Lopez al 18’. Due minuti più tardi non segna su assist di Candreva che gli regala un assist al bacio, il suo colpo di testa sul palo lungo finisce fuori. Ha altre due occasioni per segnare ma non le sfrutta. Dopo 2’ del secondo tempo regala un assist al bacio per Parolo che pareggia. Ruba un pallone a Mexes e si invola verso Diego Lopez che si fa beffare sul primo palo. Dal 74’ Djordjevic 6 - Prova a sorprendere Diego Lopez  fuori dai pale la 80’ ma il pallone non si alza, esce per un brutto infortunio alla caviglia. Dal 83’ Keita sv 

Mauri 6 - Arriva in ritardo su un cross di Candreva, poteva essere il gol del pari, ma in spaccata non riesce a correggere in rete. Su un cross di Candreva corre troppo veloce, prova il tacco ma non prende il pallone. Nel secondo tempo si vede di meno, è stanco ma può chiudere la partita, il suo tiro da fuori finisce fuori.

All. Pioli 6,5 - In un colpo solo recupera Mauri, de Vrij, Biglia e Marchetti, schiera Cataldi dal primo minuto, la squadra crea molto ma non riesce a segnare. Nel secondo tempo la Lazio  è più cinica ed inizia nel migliore dei modi: nei primi 7’ la lazio prima pareggia, poi segna il vantaggio. La sua squadra ha personalità da vendere. E’ sfortunato però, due infortuni e due squalificati che salteranno il Cesena.

 

Milan:

Diego Lopez 6 - Insicuro in diverse occasioni nel primo tempo ma salva su Candreva lanciato a rete da Klose, provvidenziale nell’occasione. 

Abate 5,5 - Sulla destra ha pochi compiti, Mauri spesso si accentra e la Lazio gioca più spesso dall’altra parte. 

Mexes 3 - Quando è pressato va in difficoltà, ha perso lo smalto di una volta e si perde Klose in un paio di occasioni. Trattiene Mauri ma l’arbitro non considera il fallo da rigore. Complice con Montolivo del gol del vantaggio biancoceleste. Si prende un rosso per un fallo su Mauri, poi lo prende per il collo e causa una rissa in campo: non è un esempio.

Alex 5 - Come il compagno  di reparto non sempre è attento alle folate offensive biancocelesti. Sui cross lui come il francese vanno in difficoltà. Il brasiliano può e deve migliorare tanto.

Armero 4,5 - Crandeva lo fa correre tanto e non riesce mai a prenderlo. E’ veloce ma Candreva più di lui. Non riesce a fare nulla di buono in 90’.

Poli 5,5 - Fà legna e prova ad impostare a centrocampo c’è sempre spazio perché la Lazio spesso manca. Nel secondo tempo ha meno spazi e gioca pochi palloni. Prestazione non sufficiente. Dal 84’ Muntari sv.

Montolivo 5 - Ha qualità da vendere e la esprime tutta, recupera anche tanti palloni nel primo tempo. Ha responsabilità sul gol di Klose, il passaggio per Menex è lento ed impreciso.

Van Ginkel 5 - Anche lui gioca di fioretto ed aiuta la manovra offensiva milanista. Dal 55’ Pazzini - Lui è un centroavanti vecchio stile e dà maggiore peso all’attacco milanista ma gli arrivano pochi palloni.

El Shaarawy 5 - Il tecnico gli dà fiducia ma lui tocca pochi palloni nonostante dalla sua parte Basta nel primo tempo è troppo distratto. Da lui Inzaghi vorrebbe qualcosa in più che in questa partita non è riuscito a dare.

Menez 6,5 - Mette pressione a Basta gli ruba il pallone e va a segnare il gol del vantaggio milanista dopo 4’. Sbaglia come Basta nel primo tempo e consegna Klose il gol del vantaggio biancoceleste. Colpisce Marchetti in testa involontariamente con una tacchettata. E’ il più pericoloso del Milan.

Bonaventura 5 - Il suo fallo su Radu doveva essere sanzionato con il calcio di rigore. Nel primo tempo incide poco sulla manovra offensiva perché i rossoneri difendono più che attaccare. Fa ammonire Biglia su una ripartenza, se ne va in tunnel e l’argentino lo placca. Dal 52’ Cerci 5,5 - Dovrebbe dare maggiore spinta ma nella prima metà del secondo tempo è assente ingiustificato.

All. Inzaghi 5 - Lascia Cerci in panchina, il suo Milan si affida alle ripartenza ma in fase difensiva non riesce a gestire alcune situazioni. Con lo svantaggio inserisce Cerci e Pazzini ma la squadra come nel primo tempo crea pochissimo.

Arbitro Mazzoleni 4,5 - Pronti via non assegna un rigore netto a Radu, il fallo di Bonaventura. Non prende provvedimenti su Klose che colpisce Mexes. Ci poteva stare un altro calcio di rigore su Mauri nel finale del primo tempo per trattenuta di Mexes ma anche questo non lo vede. Nel secondo tempo non tiene la partita soprattutto nel finale, espelle giustamente Mexes ed ammonisce Mauri.

 

TABELLINO

LAZIO-MILAN 3-1

LAZIO (4-3-3) - Marchetti; Basta, de Vrij (69’ Mauricio), Cana, Radu; Cataldi, Biglia, Parolo; Candreva, Klose (74’ Djordjevic, 83' Keita), Mauri. All. Pioli. A disp. Strakosha, Berisha, Pereirinha, Konko, Novaretti, Onazi, Ledesma, Tounkara.

MILAN (4-3-3) - Diego Lopez; Abate, Mexes, Alex, Armero; Poli (84’ Muntari), Montolivo, Van Ginkel (55’ Pazzini); El Shaarawy, Menez, Bonaventura (52’ Cerci). All. F. Inzaghi. A disp. Abbiati, Agazzi, Albertazzi, Zaccardo, De Sanctis, Calabria, Suso, Essien.

ARBITRO: Mazzoleni (sez. Bergamo)

Marcatori: 4’ Menez (M), 47’ Parola (K), 50’ Klose (L), 81’ Parolo (L)

Ammoniti: 3’ Alex (M), Radu (L), 10 Poli (M), 35’ Biglia (L), 39’ Cataldi (L), 42’ Armero (M), 93’ Mauri (L)

Espulso: 93’ Mexes (M)




Commenta con Facebook