• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Milan > Milan-Atalanta, Inzaghi: "Mi prendo le colpe, ma riflettiamo tutti. E' normale essere sotto esame"

Milan-Atalanta, Inzaghi: "Mi prendo le colpe, ma riflettiamo tutti. E' normale essere sotto esame"

Le parole dell'allenatore rossonero dopo la sconfitta con l'Atalanta


Filippo Inzaghi (Getty Images)

18/01/2015 17:34

MILAN-ATALANTA INZAGHI / MILANO - Momento terrificante per il Milan, che dopo la sconfitta di oggi ha totalizzato un punto in tre partite. Al termine della gara Filippo Inzaghi è ovviamente deluso, e ne parla a 'Sky': "Sono il primo a prendermi le colpe, è giusto essere sotto osservazione. Adesso dobbiamo solo lavorare, farci tutti un esame di coscienza, vedere quello che abbiamo sbagliato. La voglia e la determinazione non bastano più. Dobbiamo svegliarci e lavorare con ancora più impegno. L'unica medicina che conosco è questa, nessun'altra. Ci dispiace per il gol preso, su una palla che era nostra. Ma non cerchiamo alibi. Dobbiamo fare molto di più con le qualità che abbiamo e renderci conto del perché dopo la sosta non siamo sereni, non giochiamo come prima. Dobbiamo tornare a giocare come sappiamo. Pazzini è una soluzione che abbiamo e che possiamo sfruttare, purtroppo per la febbre non poteva partire dal primo minuto. Per necessità ha giocato un tempo, ci abbiamo provato. Col Napoli avevamo giocato bene, dobbiamo tornare a giocare come prima perchè abbiamo dimostrato di saperlo fare". Ha fatto scalpore anche la sostituzione di Cerci invece dello spento Menez: "Cerci l'ho visto bene in Coppa, per questo ha giocato titolare. Poi nella ripresa mi serviva una punta come Pazzini. Era una partita difficile per tutti. E' stata una giornata negativa".

A.P.

 




Commenta con Facebook