• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Hellas Verona > Verona, Setti striglia la squadra: "Sono arrabbiato, serve un'altra mentalità"

Verona, Setti striglia la squadra: "Sono arrabbiato, serve un'altra mentalità"

Il presidente scaligero non ha digerito il pensantissimo 6-1 in Coppa Italia contro la Juventus


Maurizio Setti (Getty Images)

16/01/2015 23:48

VERONA SETTI JUVENTUS / VERONA - Il patron 'striglia' il Verona. Maurizio Setti non ha digerito l'umiliante 6-1 subito dalla formazione di Mandorlini giovedì sera in Coppa Italia contro la Juventus: "Sono arrabbiato. Contro la Juve ho visto una prestazione che non fa parte della sfera di chi vuol vestire la maglia dell'Hellas e far parte del nostro progetto - ha detto il presidente scaligero alla radio ufficiale del club - E' poco commentabile per noi ma anche per tutti i bravissimi tifosi che sono venuti a Torino".


CAMPIONATO, ATTO SECONDO - "Dovremo avere una mentalità diversa. I nostri allenatori devono lavorare per questo, dare un messaggio chiaro, forte e molto determinato. In ogni partita, anche affrontando squadre forti - ha proseguito Setti - devi essere vincente almeno per impegno e mentalità, bisogna entrare in campo e dare tutto. Giocare in uno stadio con 40.000 persone deve essere uno stimolo per la gente che ama il calcio, essere in campo contro Tevez o altri calciatori deve essere un onore. Abbiamo la possibilità di una rivincita per chiedere scusa a tutti e di ottenere qualcosa di importante, ma per farlo dobbiamo uscire con la lingua che tocca per terra dopo aver dato tutto, da ogni punto di vista. Il campionato è ancora lungo, ci sono tante partite, ma gli atteggiamenti di una squadra sono determinanti per il risultato".

G.M.




Commenta con Facebook