• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Marchetti > L'Editoriale di Marchetti - Il derby, Destro, Totti e il Milan. Fotografiamo il caso del mercato

L'Editoriale di Marchetti - Il derby, Destro, Totti e il Milan. Fotografiamo il caso del mercato

Consueto appuntamento con il nostro editorialista ed esperto di SkySport24


Luca Marchetti
Luca Marchetti (@LucaMarchetti)

12/01/2015 11:30

EDITORIALE MARCHETTI CALCIOMERCATO ROMA MILAN DESTRO TOTTI / MILANO - Ora che Totti ha suggellato, con tanto di selfie ricordo, la sua storia in giallorosso, si torna ai temi del calciomercato. Che inevitabilmente si intrecciano con quelli del campo. Avevamo, tutti noi giornalisti, indicato nella partita di ieri pomeriggio una possibile svolta nella stagione di Destro in giallorosso. I fatti: Mattia parte dalla panchina, Totti segna due gol, Destro entra nel secondo tempo, Garcia continua a ritenerlo incedibile. Nel frattempo il Milan si lecca le ferite dopo il pari a Torino, Cerci in panchina, il gioco latita.

Basta Destro a rimettere le cose a posto? Probabilmente no, ma aiuterebbe i rossoneri nella ricerca di un gioco più profondo. La palla è ora tutta nella mani del club di Trigoria. Anzi di Sabatini, che muove i fili del calciomercato Roma. Il ds dei capitolini ha di fronte a sé ha un bivio: ascolta il suo allenatore che giudica Destro incedibile anche se poi lo utilizza ad intermittenza, oppure cerca di non perdere il capitale investito qualche mese fa e per non perderlo (se si dovesse presentare una buona occasione) bisogna dare via Destro. Anche in prestito, non importa. Ma Destro, giustamente, dal canto suo dice (immaginiamo): "Già sono in una situazione difficile, gioco poco... Se mi cedono però poi non torno: e sulla mia destinazione finale voglio metterci bocca".

Questa la foto. Non il selfie del capitano. Ma lo stato dell'arte della vicenda Destro. Ora quello che succederà da qui al 2 di febbraio dipenderà, secondo me, molto se non tutto dal sostituto che Sabatini conta di avere in mano se dovesse cedere il suo di attaccante. Se questo attaccante è di gradimento di Garcia allora Destro può essere libero di seguire il proprio istinto. Altrimenti nessun allenatore (ma neanche nessun direttore sportivo) di una squadra seconda a meno tre darebbe via così a cuor leggero il suo centravanti, senza averne uno in cambio. Tutto ruota intorno a questo. I primi nomi che possono interessare alla Roma sono stati già fatti. Da quelli letteralmente impossibili (come i parigini Cavani e Ibra) a quelli nostrani, proposti negli scambi che in queste settimane hanno affollato la scrivania di Sabatini (Pazzini e Quagliarella). In mezzo ci sono mille ipotesi, ma ancora nessuna certezza.

Il balletto di Destro continua. La corte del Milan, le parole di Garcia, le necessità della Roma e le volontà dell'attaccante. Quattro protagonisti per una storia di cui nessuno, ora, conosce la conclusione. Nonostante i burattinai rossoneri e giallorossi spesso cercano di anticipare l'avversario questa sembra più una partita di attesa. Ma non statica. Da seguire, intensa. E allora, a proposito di foto, attenzione: quello che vediamo oggi potrebbe non essere lo stesso soggetto di domani. E soprattutto attenzione alle illusioni ottiche! 




Commenta con Facebook