• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Dai campi > LA MOVIOLA DI CM.IT: Gol di Caceres in offside, su Pizarro era il rigore

LA MOVIOLA DI CM.IT: Gol di Caceres in offside, su Pizarro era il rigore

Tagliavento doveva fermare il gioco sulla punizione di Pirlo. Mazzoleni non vede il fallo di Barreto sul cileno


Tagliavento ©Getty Images
Emiliano Forte

12/01/2015 07:33

MOVIOLA, CACERES PIZARRO / MILANO – E' Napoli-Juventus la gara più discussa del week-end con i partenopei infuriati con Tagliavento ed i suoi assistenti per non aver annullato il gol del momentaneo 1-2 firmato da Martin Caceres. In effetti sulla punizione calciata da Pirlo in area azzurra sembrano esserci un paio di bianconeri al di là dei difensori del Napoli. Va decisamente meglio ad Orsato impegnato in un'altra gara sentitissima e difficile come la stracittadina tra Roma e Lazio terminata in parità al termine di 90 minuti intensi e spettacolari.

Negativa, invece, la prova di Peruzzo in Atalanta-Chievo con i padroni di casa che protestano per il pareggio clivense arrivato nel finale, viziato da una posizione dubbia di Pellissier. In Fiorentina-Palermo da rivedere il contatto Barreto-Pizarro sul quale Mazzoleni ha preferito non intervenire.

 

SASSUOLO-UDINESE 1-1, arbitro Massa 5,5 – Dopo un buon primo tempo, il direttore di gara inizia la ripresa con un atteggiamento fin troppo fiscale estraendo cartellini in serie anche quando avrebbe potuto farne a meno. Tra le ammonizioni indiscutibili quella di Berardi per simulazione, con l'attaccante neroverde che va a cercare il contatto con Heurtaux per ingannare l'arbitro. Pochi minuti dopo Massa non adotta lo stesso metro di giudizio con Berardi ancora protagonista, reo di aver simulato di nuovo in area di rigore. Questa volta, il giovane attaccante accentua la caduta dopo un lieve contatto con Domizzi e rischia seriamente di lasciare in 10 i suoi. 

                                              

TORINO-MILAN 1-1, arbitro Rocchi 5,5 – Match fisico e molto combattuto tutt'altro che semplice per l'arbitro ed i suoi collaboratori. Dopo soli 3 minuti, giusta la decisione di Rocchi di concedere il rigore al Milan per la trattenuta di Glik su Menez con quest'ultimo che era riuscito a superare in velocità il capitano del Torino. Corretta l'espulsione di De Sciglio nel recupero del primo tempo per somma di ammonizioni; mentre non era da giallo l'intervento di Muntari su Peres ad inizio ripresa.

 

INTER-GENOA 3-1, arbitro Russo 6 – Proteste genoane in occasione del 2-0 firmato da Icardi; secondo i rossoblu l'attaccante interista avrebbe spinto Burdisso prima di colpire il pallone di testa. In effetti Icardi nel tentativo di smarcarsi tende le braccia per 'sentire' l'avversario ma il contatto non sembra irregolare.

 

SAMPDORIA-EMPOLI 1-0, arbitro Tommasi 6,5 - Nel corso della ripresa gli ospiti richiamano l'attenzione del direttore di gara per l'intervento di Obiang su Zielinski nei pressi dell'area di rigore blucerchiata. Per Tommasi è tutto regolare e probabilmente ha ragione. A 10 dal termine dubbi sul mani in area di Gastaldello dopo una conclusione di Michedlidze. Azione di non facile lettura anche se la distanza ravvicinata fra i due fa propendere per un tocco involontario.

 

CAGLIARI-CESENA 2-1, arbitro Rizzoli 6 – Giusta interpretazione nel corso del 11esimo minuto quando il fallo di Giorgi su Ekdal viene sanzionato con un penalty a favore dei padroni di casa.

 

FIORENTINA-PALERMO 4-3, arbitro Mazzoleni 6 – Dubbi nel primo tempo per un intervento di Barreto su Pizarro in area rosanero con Mazzoleni che avrebbe dovuto concedere un rigore alla formazione di Montella. Sempre nei primi 45' contatto Tomovic-Lazaar in area viola con quest'ultimo che si lascia cadere con troppa facilità; giusto lasciar correre. Infine, netto il fallo di Basanta su Belotti all'80esimo dal quale nasce il penalty per il Palermo che fissa  il risultato sul 4-3.

 

ROMA-LAZIO 2-2, arbitro Orsato 6,5 – Direzione convincente in una gara attesissima e molto combattuta dal primo all'ultimo minuto. In entrambe le reti giallorosse Totti scatta da posizione regolare; unico dubbio sugli sviluppi de primo gol dove il contatto Manolas-Djordjevic è da rivedere. Per il resto tutto sotto controllo per Orsato.

 

VERONA-PARMA 3-1, arbitro Gavillucci 6Buona gestione in una gara priva di episodi di difficile valutazione.

 

ATALANTA-CHIEVO 1-1, arbitro Peruzzo 4,5Il fischietto di Vicenza ha il demerito di spezzettare esageratamente il gioco con il risultato di innervosire pubblico e giocatori. Errata lettura nell'azione che porta al pareggio clivense con Peruzzo che fischia un fallo di Bellini su Pellissier e ammonisce per la seconda volta l'atalantino. Nell'azione incriminata Pellissier si trova in posizione di offside dunque il gioco andava fermato prima della punizione che ha permesso a Lazarevic di firmare l'1-1 definitivo.

 

NAPOLI-JUVENTUS 1-3, arbitro Tagliavento 5 E' il minuto 69 quando Caceres sugli sviluppi di una punizione calciata da Pirlo si avventa sul pallone in piena area e riporta avanti la Juventus poco dopo il pareggio di Britos. Stando alle immagini al momento del cross di Pirlo ci sarebbero un paio di bianconeri in posizione di fuorigioco tra cui lo stesso Caceres. Tagliavento, dunque, con l'aiuto dei suoi assistenti avrebbe dovuto annullare il gol. Più tardi Buffon in uscita alta entra in contatto con Koulibaly e perde il pallone che poi finisce in rete. In questo caso Tagliavento annulla il gol e fischia una carica al portiere bianconero; decisione che ci può stare. In pieno recupero, giusto il giallo per simulazione mostrato a Zapata che lanciato verso la porta di Buffon si lascia cadere nei pressi dell'area senza essere toccato.

 




Commenta con Facebook