• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Pagelle > PAGELLE E TABELLINO DI CESENA-NAPOLI

PAGELLE E TABELLINO DI CESENA-NAPOLI

Uno splendido Higuain, Rafael e Hamsik ritrovati. Per Bisoli la sorpresa Valzania


Gonzalo Higuain (Getty Images)
Antonio Papa (Twitter: @antoniopapapapa)

06/01/2015 19:52

Ecco i voti della partita fra Cesena e Napoli: 

CESENA 

Leali 5 - Il Cesena non è certo la migliore delle squadre per crescere per il promettente portierino che sta beccando più gol quest'anno che nei prossimi tre. Non ha colpe specifiche, ma sono pur sempre altri 4. 

Capelli 4 - Scherzato da Higuaìn nell'azione che porta al gol di Callejòn, approssimativo anche sul raddoppio azzurro, quando sale male insieme a tutto il reparto e poi invece di rincorrere si ferma a chiamare il fuorigioco. Chiude la serataccia trascinandosi in porta il pallone dello 0-3. Un disastro. 

Lucchini 5 - Inizia con una pallonata nello stomaco su missile di Hamsik, poi prende dal suo lato sia il gol di Callejòn che quello di Higuaìn, dove per giunta si fa male prendendo in pieno il palo in scivolata. Mazzate su tutti i fronti. (Dal 1' st Rodriguez 5 - Entra per cambiare modulo e far sentire di più il fiato sul collo ai difensori napoletani, ma con scarsissimo successo).

Magnusson 5,5 - Prospetto interessante, il migliore del reparto arretrato, si fa portare però un po' a spasso dagli attaccanti, scoprendo spesso il fianco per la foga di aiutare i compagni in chiusura. Da rivedere. 

Giorgi 6 - Partenza sprint, fra i migliori dei suoi nel momento di forcing della squadra. Poi il Napoli prende in mano il pallino del gioco e sono dolori anche per lui. Secondo tempo di sacrificio, da terzino puro. 

Zè Eduardo 5,5 - Prova a far valere il suo peso in mezzo al campo, ma stasera Gargano e David Lopez sono in giornata e Hamsik sembra rinato. La mediana bianconera non demerita ma si ritrova davanti un muro. 

Valzania 6 - Il giovane '96 lanciato nella mischia da Di Carlo mette in mostra ottimi numeri e una discreta personalità, con piedi buoni che faranno molto comodo alla causa cesenate. Nel primo tempo un lob preciso sulla testa di Hugo Almeida poteva avere miglior sorte. (Dal 33' st Volta sv)

Cascione 5 - Dei tre centrocampisti è quello che più frequentemente si inserisce in proiezione offensiva, senza però trovare il gol. In mezzo al campo cede molto agli avversari, perdendo anche alcuni palloni preziosi. (Dal 23' st Carbonero sv)

Mazzotta 5 - Il tiro non è il suo forte, lo dimostra quel missile nel primo tempo che parte dal limite dell'area e arriva a Bologna. Dalla sua parte Maggio e Callejòn, clienti tutt'altro che simpatici. Il colpo di grazia glielo dà Higuaìn sullo 0-4: mille finte e per Mazzotta è solo corsa sul posto. 

Brienza 6 - Prova a sganciarsi alle spalle della punta, prova a creare qualcosa di pericoloso, spesso con poca fortuna. Il gol lo trova a partita ormai conclusa con uno splendido sinistro al volo che taglia a metà la difesa. In memoria dei vecchi tempi.  

Hugo Almeida 5,5 - Generosissimo nei ripiegamenti difensivi, il fisico ce lo mette sempre, forse pure troppo, visto che spesso l'arbitro gli chiama fallo. Ci mette solo quello però: davanti alla porta non segna mai, confermando l'arcinota sterilità "genetica" dei centravantoni portoghesi. 

All. Di Carlo 5 - Regge per circa mezz'ora, poi nel momento migliore del Cesena il Napoli sale in cattedra e sono dolori; da quel momento in poi non la riprende più. Del resto la rosa è quella che è. 


NAPOLI

Rafael 7 - Chissà, forse la Supercoppa ha rotto l'incantesimo e ha finalmente sbloccato questo talentuoso portiere brasiliano, che oggi oltre ad un paio di ottime parate dimostra anche una sicurezza ritrovata nelle uscite e una buona leadership difensiva. Segno che forse finalmente il Napoli è nei suoi guanti. Pardon, nelle sue mani.

Maggio 6,5 - E' da un mesetto che sembra tirato a lucido, ben altro calciatore rispetto a quello che ad inizio anno aveva fatto disperare i suoi tifosi. Attento in difesa, preciso negli affondi. Sembra aver imparato a gestire le forze anche da terzino. 

Henrique 6 - Gara sostanzialmente tranquilla pur con qualche sbavatura, che probabilmente contro altre avversarie sarebbero costate care. Potrebbe essere una delle sue ultime gare in azzurro. 

Albiol 6,5 - Il reparto avanzato del Cesena non incide mai, lui controlla che vada tutto per il verso giusto. Una passeggiata. 

Britos 6 - A proposito di passeggiate, dopo i primi 20' un po' in difficoltà le cose si mettono in discesa, complice anche l'arretramento di Giorgi, che da quel momento non preme più.  

David Lopez 7 - Sempre puntuale nelle chiusure, sempre essenziale nei disimpegni. Conosce i suoi limiti e li asseconda, facendo le fortune della squadra. Preziosissimo sul piano tattico. 

Gargano 7 - Ormai ha conquistato il posto da titolare, scavalcando nelle gerarchie calciatori che ad inizio anno gli partivano almeno due-tre spanne davanti. Se lo merita, vista l'umiltà con cui sta affrontando la stagione e il peso che dà ad una mediana che ha bisogno della sua corsa e dei suoi muscoli. (Dal 21' st Jorginho 6 - Anche lui entra quando ormai è tutto deciso, gli spazi sono larghi e non c'è più molto da fare. Si limita a gestire).

Callejòn 6,5 - Il gol non arrivava da un po' e con esso anche le prestazioni. Oggi ritrova la via della porta e sembra ritrovare anche la verve, segno che le cose vanno di pari passo. Sono nove in campionato, la buona notizia è comunque la prestazione complessiva, finalmente convincente. (Dal 38' st Radosevic sv)

Hamsik 7 - Anche lo slovacco sembra volersi gettare alle spalle un 2014 molto problematico con una partenza sprint. Piede caldo, va vicino al gol ad inizio gara, poi spalanca con una verticalizzazione da applausi il raddoppio azzurro ad opera di Higuaìn, per poi chiudere in bellezza con quel gol in "collaborazione" con Capelli. Benìtez sorride, il Napoli ha bisogno anche del suo capitano. 

De Guzman 5,5 - Non brillantissimo, sicuramente non il migliore dei suoi. Perde qualche pallone importante e non incide sulla gara. Più importante il suo apporto al centrocampo. (Dal 17' st Mertens 6,5 - Entra quando ormai le maglie sono lentissime e può lasciare andare tutto il suo estro. Mette in tabellino l'assist vincente per lo 0-4 di Higuaìn).

Higuaìn 8 - C'è voglia, c'è cattiveria, c'è necessità di ripartire subito alla grande. Il Pipita lo fa, andando a bersaglio con un'azione delle sue, ma non prima di aver propiziato il gol di Callejòn. Ancora più bello l'assist per Hamsik, ancora più bello il gol della personale doppietta dopo aver portato per prati mezza difesa. Come da tradizione, segna e fa segnare, ma soprattutto fa sognare. 

All. Benìtez 7 - La Supercoppa gli ha regalato un Natale tranquillo e gli ha restituito una squadra tirata completamente a lucido, fresca e motivata, che sembra voler sbranare questa "fase 2" di campionato. Qualche passaggio a vuoto, ma sono quisquilie in una partita ampiamente dominata e finita in goleada. Il modo giusto per iniziare il 2015, aspettando qualche altro regalo dal mercato, magari in difesa. 


Arbitro Massa 5,5 - Non vede un mani plateale di Capelli in area di rigore, che poi addirittura protesta platealmente chiedendo il contro-fallo. Poi pochi altri episodi da moviola in una gara che presto si mette a senso unico. 

 

TABELLINO 

CESENA-NAPOLI 1-4

CESENA (3-5-1-1): Leali, Magnusson, Capelli, Lucchini (dal minuto 46 Rodriguez), Giorgi, Zé Eduardo, Cascione (dal minuto  70 Carbonero), Valzania (dal minuto 80 Volta), Mazzotta, Brienza, Almeida. A disposizione: Agliardi, Krajnc, Nica, Garritano, Cazzola, De Feudis, Djuric, Succi. All. Di Carlo. 

NAPOLI (4-2-3-1): Rafael, Maggio, Albiol, Henrique, Britos, David Lopez, Gargano (dal minuto 67 Jorinho), De Guzman (dal minuto 63 Mertens), Hamsik, Callejon (dal minuto 84 Radosevic), Higuain. A disposizione: Andujar, Colombo, Mesto, Strinic, Inler, Zapata. All. Benitez. 

Arbitro: Davide Massa di Imperia 

Marcatori: 29’ Callejòn, 41’ Higuain, 64’ Hamsik, 72' Higuain, 75' Brienza (C)

Ammoniti: Gargano, Henrique, Capelli, Zé Eduardo

 

 




Commenta con Facebook