• Atalanta
  • Bologna
  • Cagliari
  • Chievo
  • Crotone
  • Empoli
  • Fiorentina
  • Genoa
  • Inter
  • Juventus
  • Lazio
  • Milan
  • Napoli
  • Palermo
  • Pescara
  • Roma
  • Sampdoria
  • Sassuolo
  • Torino
  • Udinese
  • Champions league
  • Coppa Italia
  • Europa league
  • Italia
  • Lega PRO
  • Serie A
  • Serie B

Calciomercato > Roma > Roma, Garcia: "Destro vuole restare. Juventus? Difficile cancellare il sentimento d'ingiustizia"

Roma, Garcia: "Destro vuole restare. Juventus? Difficile cancellare il sentimento d'ingiustizia"

Le parole del tecnico francese che fa il punto sul momento giallorosso


Rudi Garcia (Getty Images)
Lorenzo Polimanti (@oldpoli)

03/01/2015 08:25

ROMA GARCIA MERCATO DESTRO TOTTI JUVENTUS INGIUSTIZIA / ROMA - Gennaio, tempo di bilanci. Un lungo faccia a faccia, il tecnico Rudi Garcia a confronto con i giornalisti per fare il punto sulle news Roma e sul momento giallorosso, a tutto campo. "Sto imparando a capire il calcio italiano. Sono qui da 18 mesi e non cambio idea: sono contento qui a Roma, ho un rapporto bellissimo con la città ed i tifosi. Questa Roma è sulle strada giusta, ma non possiamo vincere tutto in poco tempo. L'Europa è importante, vogliamo guadagnare punti per non uscire nella quarta urna della Champions League" le parole riportate dal 'Corriere dello Sport'.

JUVENTUS - "L'allenatore deve essere anche un po' attore. Dopo la sconfitta contro la Juventus, quando ho detto che avremmo vinto lo scudetto, ero allenatore perché ci credevo e attore perché era il momento giusto di farlo. Poi il campionato dirà la sua verità. Certo, perdere così è difficile da accettare. Non ho un rammarico per i 3 gol irregolari, è il sentimento d'ingiustizia che è difficile da cancellare" riporta 'La Gazzetta dello Sport'.

GIOCO - "La filosofia è sempre la stessa, poi dipende dalle caratteristiche dei giocatori. La cosa che è cambiata rispetto all'anno scorso è che abbiamo avuto tanti infortuni, a partire da Castan".

MERCATO - "E' molto raro che con il calciomercato invernale cambino le cose. Io non ho chiesto nessuno alla società, sono contento della rosa che ho. Anche sulla perdita degli africani ero preparato. Noi abbiamo bisogno di migliorare per avere grandi obiettivi, ma non è questione di bilanci, l'esempio è l'Atletico Madrid. Il Psg ha potuto comprare chi voleva eppure non ha vinto la Champions. Io sono ambizioso e abituato a fornire performance sopra le attese".

DESTRO - "Chiedere un altro attaccante in caso di addio di Destro? Non accadrà. E comunque abbiamo anche Borriello. Ma è chiaro che se perdiamo un giocatore, cosa non prevista, va rimpiazzato. Per me non c'è un problema Destro, lui vuole restare. A meno che abbia cambiato idea durante le vacanze".  

TOTTI - "Non ho rimpianti per non averlo avuto con 10 anni di meno. Finché non si fermerà non mi pongo domande sulla Roma senza di lui. Non ho mai avuto un giocatore così. Spero che il suo ritiro sia all'altezza del suo talento. Vinciamo quest'anno ed i prossimi e consentiamogli di fermarsi come merita".

GIOVANI - "La società fa investimenti, i giovani sono il futuro, ma se vogliamo vincere subito bisognare usare il giusto mix. Il mio compito è fare risultati subito. Al Lille non ho lasciato in panchina Hazard nonostante avesse 17 anni, era forte e giocava. Giocano i migliori".

DE ROSSI - "Ha avuto qualche difficoltà per cose fuori dal campo, ma è un grande giocatore ed un grande uomo".


 




Commenta con Facebook